L’azione legale dice che un adolescente è costretto a mangiare la pizza nonostante la religione

CANTON, Ohio – Fa causa a un giocatore di football di una scuola superiore dell’Ohio che afferma che gli allenatori lo hanno costretto a mangiare una pizza ricoperta di peperoni in violazione delle sue convinzioni religiose, sta facendo causa al suo ex distretto e agli allenatori isolati.

L’ex atleta della Canton McKinley High School e i suoi genitori hanno intentato una causa per i diritti civili questa settimana chiedendo milioni di dollari di danni e presunte violazioni della sua libertà religiosa e dei diritti costituzionali.

L’atleta afferma nella causa che agli allenatori è stato detto che non mangiava maiale o avanzi di maiale come membro della fede religiosa israeliana, ma che gli hanno ordinato di mangiare la pizza come punizione per aver saltato un allenamento fuori stagione – e hanno notato che il posto della squadra era in pericolo se non lo avesse fatto.

Gli allenatori affermano che il giocatore ha scelto di rimuovere i peperoni e mangiare la pizza invece del cibo alternativo. Non sapevano che aveva violato le sue convinzioni religiose, secondo un caso di diffamazione che avevano precedentemente presentato contro il padre dell’adolescente, il suo avvocato e i funzionari della scuola.

Peter Patakos, un avvocato che rappresenta la maggior parte degli allenatori, ha detto a The Repository of Canton di avere dichiarazioni di più di una dozzina di testimoni oculari che indicano che le accuse della famiglia erano false.

Il giornale ha riferito che Jeff Talbert, direttore del distretto scolastico di Canton City, ha dichiarato in una dichiarazione scritta che le accuse nella causa della famiglia sono infondate e che il consiglio scolastico si occuperà di loro attraverso il processo legale.

READ  L'Iran si rifiuta di fare marcia indietro sui passi nucleari prima che gli Stati Uniti revocino le sanzioni | Notizie sull'energia nucleare

La regione ha sospeso diversi allenatori dopo che le accuse sono emerse. Il consiglio ha poi votato di non rinnovare i contratti di formazione di quattro allenatori e ha ritenuto che altri tre assistenti allenatori non fossero idonei per futuri incarichi di allenatore.

Il 18enne si è ora trasferito in una zona diversa dopo essere stato sottoposto a “minacce e scherno” da parte dei suoi compagni di squadra e del pubblico per la situazione, secondo la sua causa.

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x