Le batterie Stanford alcaline e al cloro in metallo immagazzinano fino a sei volte più energia

I ricercatori della Stanford University hanno guidato un team che crea un nuovo tipo di batteria che secondo loro può immagazzinare sei volte più energia delle attuali batterie moderne. Stanford e un team di ricercatori internazionali hanno sviluppato una nuova batteria chiamata batterie al metallo cloro-alcalino e hanno recentemente pubblicato un documento che descrive le loro scoperte. Il nuovo tipo di batteria ha il potenziale per consentire a dispositivi come telefoni cellulari e altri gadget di essere caricati settimanalmente anziché giornalmente.

Il batteria nuova La chimica può essere utilizzata anche per consentire alle auto elettriche di guidare altre sei volte prima di ricaricarsi. Ciò significa che un veicolo elettrico in grado di percorrere 200 miglia al giorno può percorrere fino a 1.200 miglia per carica utilizzando la nuova batteria al cloro-metallo alcalino. La nuova chimica delle batterie utilizza un processo per convertire il cloruro di sodio o il cloruro di litio in cloro.

Un aspetto importante è che il processo di conversione è reversibile. Gli elettroni si spostano da un lato all’altro della batteria quando la batteria viene scaricata e si muovono nella direzione opposta quando la batteria viene ricaricata. L’hacking della batteria non era ciò che i ricercatori stavano cercando di fare quando hanno iniziato il progetto. Il team non è partito con l’obiettivo di creare batterie ricaricabili al sodio e al litio. Invece, il loro obiettivo era quello di migliorare l’attuale tecnologia delle batterie con il cloruro di tionile.

Il cloruro di tionile è un ingrediente chiave nelle popolari batterie monouso inventate per la prima volta negli anni ’70. Un esperimento ha utilizzato cloro e cloruro di sodio e i ricercatori hanno scoperto che la conversione di una sostanza chimica in un’altra era stabile, con conseguente ricaricabilità. I ricercatori non pensavano che ciò fosse possibile e ci è voluto un anno intero per scoprire il processo sottostante che gli consente di funzionare.

READ  Una capsula cinese che ritorna sulla Terra carica di rocce lunari

Alla fine, il team ha scoperto che il materiale in carbonio ha una struttura nanoporosa piena di pori estremamente piccoli. Le sfere cave assorbono le particelle di cloro come una spugna e le immagazzinano per la successiva conversione in sale all’interno dei micropori. Finora, il team ha raggiunto 1.200 milliampere-ora per grammo di materiale anodico. Confrontalo con 200 mAh per grammo delle attuali batterie commerciali agli ioni di litio e l’enorme guadagno può essere visto.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x