Le “cellule zombie” indicano una vita più breve su Marte

Man mano che gli esseri umani invecchiano, le cellule del corpo entrano sempre più in uno stato di ibernazione permanente. Queste “cellule zombie”, né vive né morte, impediscono al corpo di sostituire le cellule non funzionanti ma non vengono eliminate. Invece, possono iniettare sostanze chimiche che aumentano l’infiammazione nel corpo, aumentando il rischio di malattia. Nei giovani, le cellule senescenti sono importanti, poiché si raccolgono intorno al sito di lesioni come segnale al sistema immunitario che c’è un danno che deve essere riparato.

Senza di essa, le ferite guariscono più lentamente. In quegli anni più giovani, le cellule zombi vengono poi eliminate, ma man mano che le persone invecchiano, il sistema immunitario perde la capacità di liberarsene.

“Trovi l’invecchiamento in condizioni in cui le cellule sono sotto stress e si deformano”, ha aggiunto il dott. Kirkland.

“La gravità zero produce cambiamenti nella forma della cellula e l’elevata forza di accelerazione al momento del lancio del razzo può anche contribuire all’invecchiamento cellulare del DNA.

Poi ci sono le radiazioni. L’equipaggio della ISS sarà all’interno della fascia di Van Allen, ma la vera preoccupazione è cosa accadrebbe se ci fosse una missione su Marte, e se ci fosse un brillamento solare, perché allora hai a che fare con la radiazione atomica.

Abbiamo scoperto in studi preliminari che dosi molto basse di radiazioni atomiche possono indurre una cellula ad invecchiare con livelli molto più bassi di raggi X o raggi gamma.

Caricamento in corso

“E con la radiazione atomica, può passare direttamente attraverso l’astronave: è difficile da fermare. Quindi, se c’è una missione su Marte, potrebbe essere un grosso problema.

READ  La NASA dice che c'è un gorilla sulla Stazione Spaziale Internazionale. Guarda il video virale della scimmia spaziale

“Sono un medico, non un astronomo, quindi la mia opinione è parziale, ma direi che il problema di salute è davvero grave e sono molto preoccupato dopo quello che ho visto”.

La società spaziale commerciale Axiom 1 sta guidando la missione verso la Stazione Spaziale Internazionale e gli astronauti decolleranno con SpaceX. L’equipaggio include Michael Lopez Allegria. Un ex astronauta della NASA e vicepresidente di Axiom Space che sarà il leader della missione.

Larry Connor è il pilota della missione. Mark Bathy ed Eitan Steppe si recheranno alla stazione come specialisti di missione.

L’equipaggio mangerà anche diversi tipi di cellule umane che si trovano in uno stato pre-invecchiamento in speciali incubatori, per vedere se le condizioni sulla Stazione Spaziale Internazionale le spingono a una dormienza precoce.

Caricamento in corso

“Le cellule sono sull’orlo dell’invecchiamento e vogliamo vedere se la gravità zero, combinata con le forze di G e l’alta atmosfera di anidride carbonica nella capsula più le radiazioni, spingerà le cellule umane presenescenti in coltura in uno stato senescente. Avremo cellule che sono sull’orlo dell’invecchiamento, un controllo simile sulla Terra”.

Fortunatamente, se il team scopre che il volo spaziale fa invecchiare le cellule, potrebbe esserci speranza. Attualmente sono in corso 15 studi clinici su farmaci chiamati senolitici, che potrebbero contrastare questo processo.

I primi dati suggeriscono che può migliorare la funzione fisica nelle persone con malattie mortali causate dall’invecchiamento cellulare, come la fibrosi polmonare idiopatica del polmone, ma sono in corso studi anche sull’Alzheimer, il diabete, la fragilità e l’osteoporosi.

Ci sono persino speranze che i farmaci possano essere usati negli organi di donatori per “far tornare indietro l’orologio” prima che possano essere trapiantati in persone più giovani.

READ  Health Canada richiama il prodotto a base di cannabis BC a causa della contaminazione da oidio - Prince Robert Northern View

“Avremo bisogno di sviluppare questi o altri farmaci che colpiscono i processi di invecchiamento sottostanti per vedere se possiamo mitigare il danno prima di andare su Marte”, ha aggiunto il dott. Kirkland. “Sto toccando il legno perché questi farmaci funzioneranno”.

The Telegraph, Londra

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x