Le ceneri di 8.000 vittime della seconda guerra mondiale trovate in due fosse comuni in Polonia

Varsavia, Polonia –

Investigatori privati ​​in Polonia affermano di aver trovato due fosse comuni contenenti le ceneri di almeno 8.000 polacchi uccisi dai nazisti durante la seconda guerra mondiale nelle esecuzioni forestali che i nazisti in seguito cercarono di nascondere bruciando corpi e piantando alberi nelle fosse funerarie.

Gli investigatori di un Istituto storico nazionale hanno segnato la scoperta questa settimana con discorsi e hanno deposto ghirlande nel sito nella foresta di Bialoti, 160 chilometri (100 miglia) a nord di Varsavia.

A partire dal marzo 1944, “i cadaveri seppelliti segretamente dai nazisti occupanti nei boschi furono riesumati, cremati e schiacciati per evitare che questo delitto potesse mai manifestarsi, in modo da impedire che qualcuno se ne assumesse la responsabilità”, il capo dell’Istituto per Lo ha detto mercoledì la Rimembranza Nazionale.

“Questi sforzi non hanno avuto successo”, ha detto Nurky.

I nazisti usarono altri prigionieri, per lo più ebrei, per eseguire l’insabbiamento. Anche questi prigionieri furono uccisi.

Gli esperti dell’istituto hanno affermato che almeno 17 tonnellate di cenere sono state trovate in due fosse profonde 3 metri (10 piedi), il che significa che lì sono sepolti i resti di almeno 8.000 persone.

Gli esperti hanno affermato che la maggior parte delle vittime erano detenuti del campo di prigionia nazista tedesco Soldau nella città polacca di Dzialdo, che furono giustiziati nei boschi tra il 1940 e il 1944. Si stima che circa 30.000 persone, per lo più élite polacche, militari, resistenza ed ebrei, fossero detenuti a il campo, uccidendo o un gran numero di loro morì, nel piano di sterminio lanciato dai nazisti.

READ  La Russia invia bombardieri nucleari a pattugliare la Bielorussia

La foresta era conosciuta come il luogo di sepoltura dei prigionieri morti, ma non si conosce ancora l’esatta posizione delle fosse comuni e il numero delle vittime. Gli archeologi e gli antropologi dell’istituto hanno identificato le due fosse comuni questo mese.

L’istituto indaga sui crimini nazisti e comunisti contro i polacchi e ha il potere di sporgere denuncia contro sospetti se sono ancora vivi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x