Le cicatrici sulle lumache forniscono un record di 100.000 anni per una popolazione di aragoste | Scienza

La lumaca turbante nera è una piccola lumaca marina che è una preda deliziosa per i granchi. Gli attacchi di aragosta falliti lasciano cicatrici sul guscio della lumaca. Analizzando il tasso di cicatrici e le dimensioni delle lumache al momento dell’attacco, i ricercatori possono apprendere dettagli importanti sulle popolazioni di aragoste.
Paul Bersebach/MediaNews Group/Orange County Register tramite Getty Images

Le lumache a turbante nero sono comuni sulla costa del Pacifico del Nord America e molti di questi molluschi delle dimensioni di un ditale hanno scaglie di forma triangolare sui loro gusci. Questi fiocchi sono cicatrici predatorie, prova che questa lumaca turbante è stata attaccata da un granchio affamato ad un certo punto della sua vita.

Gli scienziati sanno che studiando queste cicatrici, possono ottenere importanti informazioni sui granchi predatori, come il numero della popolazione. In un nuovo studio, i ricercatori mostrano che possono estendere questo confronto fino a 120.000 anni osservando il numero di cicatrici portate dalle lumache moderne e quelle sui gusci di chiocciola nella documentazione fossile.

“È davvero bello pensare che puoi camminare sulla spiaggia e catturare una lumaca e vedere questa registrazione dell’interazione tra un predatore e la sua preda”, afferma Carrie Tyler, paleontologa dell’Università di Miami in Florida, che non è stata coinvolta nello studio. è stato coinvolto. “Trovo fantastico tornare all’era glaciale e fare un confronto così diretto”.

Per lo studio, la paleobiologa Christina Barclay dell’Università di Victoria, nella Columbia Britannica, ha confrontato le cicatrici delle lumache con turbante nero raccolte nei siti di studio sulla costa della California vicino a Los Angeles e San Diego con conchiglie fossilizzate raccolte nella stessa area risalenti al tardo Pleistocene , da 120.000 a 80.000 anni fa.

READ  Un astronauta festeggia i 100 giorni sulla Stazione Spaziale Internazionale con l'immagine di una bella cupola

Ha scoperto che le lumache moderne avevano dal 10 al 15% in meno di cicatrici rispetto alle loro controparti del Pleistocene, probabilmente a causa del numero inferiore di granchi.

Le cicatrici di predazione sulle lumache del tardo Pleistocene possono essere paragonate a quelle sui gusci delle moderne lumache a turbante nero.

Per gentile concessione di Christina Barclay

Per assicurarsi che il tasso più basso di cicatrici rappresentasse una diminuzione del numero di granchi, piuttosto che un riflesso del fatto che i granchi sono diventati predatori più deboli nel corso di 120.000 anni, Barclay ha anche esaminato una scala chiamata dimensione quando attacca – o quanto è grande il era la lumaca, quando il granchio ha cercato di mangiarla. Le cicatrici che distruggono il guscio della lumaca vicino al suo centro significano che il granchio ha provato e non è riuscito a mangiare la lumaca quando era giovane, e quindi era un predatore più debole. Al contrario, se la dimensione dell’attacco era maggiore nel campione del sito, i granchi erano predatori migliori. Barclay ha scoperto che il volume all’attacco è rimasto relativamente invariato nonostante il lungo periodo di tempo, suggerendo che la riduzione delle cicatrici oggi è dovuta al calo del numero di aragoste piuttosto che a un cambiamento nell’efficienza di caccia dei granchi.

Il risultato è coerente con stime precedenti e rapporti aneddotici secondo cui il numero di tumori è in calo. “Sono stato davvero contento di vedere che si trattava di informazioni aggiuntive che potrebbero supportare la storia che stiamo già ascoltando sui granchi”, afferma Barclay. “Questo studio è una prova utile che forse dovremmo gestire un po’ meglio queste attività di pesca”.

READ  Muon G-2: uno studio storico che sfida il regolamento della fisica delle particelle

Data la facilità di studio delle cicatrici delle lumache, Barclay spera che questo metodo venga utilizzato da gruppi scientifici locali o da cittadini interessati all’osservazione delle popolazioni di aragoste.

“Penso che questo tipo di approccio sia davvero importante e non sia ampiamente utilizzato”, afferma Tyler. “Dobbiamo attirare l’attenzione su questo metodo, che è davvero conveniente [and] Può darci dei dati davvero importanti”.

Questo articolo è tratto da Hakai Magazine, una pubblicazione online sulla scienza e la società negli ecosistemi costieri. Leggi altre storie come questa su hakaimagazine.com.

Storie simili dalla rivista Hakay:

• Manovra Queen Shell

• L’ecosistema delle maree in Oregon si sta avvicinando a un punto di non ritorno

Animali Fossili Molluschi, vermi, spugne e stelle marine della California

Video consigliati

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x