Le famiglie dei prigionieri israeliani negano la fuga del nastro di Netanyahu Qatar | Notizie da Gaza

Le famiglie dei prigionieri israeliani negano la fuga del nastro di Netanyahu Qatar |  Notizie da Gaza

In una registrazione audio trapelata, il primo ministro israeliano è stato sentito criticare Doha per il suo ruolo nella negoziazione del rilascio dei prigionieri detenuti da Hamas.

Le famiglie dei prigionieri israeliani detenuti a Gaza hanno negato di essere dietro la fuga di una registrazione audio in cui il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu criticava il ruolo del Qatar nei colloqui con Hamas riguardo al rilascio dei prigionieri.

“Tutte le conversazioni che hanno luogo negli incontri con il primo ministro sono registrate dal suo ufficio e dai suoi assistenti presenti all'incontro”, ha detto giovedì Haim Rubinstein, portavoce delle famiglie, in una dichiarazione riportata dai media israeliani.

“I telefoni delle famiglie partecipanti all'incontro sono stati confiscati all'ingresso”, ha detto, aggiungendo che la fuga di notizie è “un fatto grave che indica una perdita di controllo”.

Il suo commento è arrivato il giorno dopo che l'ufficio del Primo Ministro ha accusato un membro della famiglia della fuga di notizie.

Il media israeliano Walla ha riferito giovedì che l'ufficio del primo ministro ha raddoppiato la colpa nei confronti delle famiglie, affermando di avere prove sotto forma di un messaggio di testo da uno dei suoi membri presenti all'incontro.

Il messaggio affermava, secondo il sito web di Walla, “La ragazza accanto a me aveva un telefono ed è un peccato che non l'abbia informata”.

Nella controversa registrazione audio, trasmessa martedì dal Canale 12 israeliano, si sente Netanyahu affermare che la partecipazione del Qatar al rilascio dei prigionieri è stata “problematica”.

Ha anche incolpato il Qatar per aver finanziato Hamas, e ha detto di essere turbato dalla decisione degli Stati Uniti di estendere la presenza di una base militare nello stato del Golfo.

READ  Gli Stati Uniti e la Cina cercheranno di ridurre le crescenti tensioni nel contesto delle sfide interne: il controllo del rischio

Majid Al-Ansari, portavoce del ministero degli Esteri del Qatar, ha risposto alle dichiarazioni dicendosi “sconvolto”.

I combattenti di Hamas hanno catturato circa 240 persone quando hanno lanciato un attacco senza precedenti nel sud di Israele il 7 ottobre, uccidendo almeno 1.139 persone, secondo un conteggio di Al Jazeera basato su statistiche israeliane.

Israele ha risposto con un devastante bombardamento e un’invasione di terra di Gaza, sfollando oltre l’80% della popolazione e riducendo gran parte del territorio in macerie. Funzionari palestinesi affermano che almeno 25.700 persone sono state uccise e più di 63.000 ferite nell'attacco israeliano.

Dopo lunghi negoziati condotti dal Qatar e dagli Stati Uniti, più di 100 prigionieri sono stati rilasciati alla fine di novembre in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane mentre Israele e Hamas aderiscono a una tregua di una settimana.

Lo Stato del Golfo resta impegnato nei colloqui volti a raggiungere un nuovo accordo per il rilascio di circa 130 prigionieri ancora detenuti da Hamas e altri gruppi armati palestinesi.

Al-Ansari ha affermato che le dichiarazioni trapelate di Netanyahu danneggiano questi sforzi.

Ha detto: “Se le affermazioni di cui sopra si rivelassero vere, il Primo Ministro israeliano non farà altro che ostacolare e indebolire il processo di mediazione, per ragioni che sembrano servire la sua carriera politica invece di dare priorità al salvataggio della vita di persone innocenti, compresi gli ostaggi israeliani”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x