Le grandi potenze minimizzano gli appelli a rinunciare alla difesa delle regole del disavanzo dell’UE – POLITICO

Una spinta dell’Europa centrale e orientale per esentare la spesa per la difesa dalle regole dell’UE sui disavanzi di bilancio ha incontrato la resistenza di altre capitali lunedì, ma non è ancora esclusa.

Gli appelli arrivano in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, poiché le vittime stanno aumentando tra i civili che cercano di fuggire dai bombardamenti russi.

Quattro funzionari del Tesoro hanno confermato che i rappresentanti di Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania e Slovenia hanno espresso le loro opinioni la scorsa settimana durante riunioni a porte chiuse a Bruxelles. Italia e Grecia, i due paesi più indebitati dell’Unione Europea, si sono uniti al coro.

L’esenzione consentirebbe ai governi di aumentare la spesa pubblica per la difesa senza considerare la spesa in deficit. Tuttavia, Parigi, Berlino e L’Aia sono meno entusiaste in vista dei negoziati di riforma previsti per la fine dell’anno.

“È importante essere molto consapevoli dei rischi significativi quando si cerca un sollievo ai sensi delle regole sul disavanzo per determinati tipi di investimenti, data la necessità di trasparenza e il suo eventuale impatto sul debito e sulla sostenibilità del debito”, ha dichiarato a POLITICO il ministro delle finanze olandese Sigrid Kaag colloquio di domenica Alla domanda sulla possibile introduzione di esenzioni nelle norme sulla disabilità.

“In definitiva, dobbiamo lavorare per la riduzione del debito, abbiamo bisogno di trasparenza, dobbiamo essere in grado di stabilire un controllo efficace”, ha aggiunto Kaag, che è anche vice primo ministro olandese e leader del partito social liberale D66.

Un alto funzionario francese ha affermato che sarebbe “difficile” attuare una tale deroga sulle spese per la difesa, mentre i responsabili delle decisioni a Berlino rimangono riluttanti a parlare di esenzioni. Un portavoce del ministro delle finanze tedesco Christian Lindner ha affermato che il ministro “non vuole commentare” gli appelli a esentare la spesa per la difesa dalle regole di bilancio dell’UE.

READ  UniCredit in Italia semplifica l'unità CIB nel rinnovo del nuovo CEO

La pressione di nove paesi per un’esenzione arriva prima dell’incontro informale di questa settimana dei leader dell’Unione Europea a Versailles, in Francia, dove sono pronti a parlare di ridurre la dipendenza energetica del blocco dalla Russia, rafforzare le sue difese e rafforzare i suoi fondamentali economici.

Parte di questa discussione riguarderà probabilmente le riforme incombenti delle regole del blocco per la spesa pubblica, note come Patto di stabilità e crescita (PSC).

Le regole di solito richiedono al Tesoro europeo di mantenere i propri disavanzi di bilancio al di sotto del 3% della produzione economica mentre cercano di limitare il proprio debito pubblico al 60%. Ma Bruxelles ha bloccato queste regole durante la pandemia per garantire che i governi possano combattere l’epidemia senza temere la punizione della Commissione europea.

Il programma Small Grants dovrebbe tornare in vigore dall’inizio del prossimo anno. Sebbene la Commissione abbia accennato al fatto che le norme potrebbero essere ulteriormente ritardate a causa dell’incertezza causata dalla guerra in Ucraina e del potenziale impatto della guerra sull’economia dell’UE.

Indipendentemente dalla guerra, l’SGP sta subendo cambiamenti poiché i responsabili politici concordano sul fatto che le regole sono diventate troppo complesse e restrittive in un mondo post-pandemia. È probabile che le capitali riportino politiche di austerità senza modifiche al quadro, una prospettiva disastrosa data la costosa guerra contro il cambiamento climatico in attesa.

I paesi indebitati del sud stanno spingendo per una riduzione del disavanzo per gli investimenti verdi per garantire che possano combattere il cambiamento climatico mentre affrontano il loro onere del debito.

Gli ambasciatori dell’UE stanno attualmente lavorando a un annuncio che i leader dovrebbero pubblicare dopo il vertice informale di questa settimana. Ma i funzionari hanno affermato che non era previsto alcun riferimento diretto all’accordo di stabilità e crescita.

READ  TECHNO - Pubblicità - Camuffamento elettronico

Questa storia è stata aggiornata.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x