Le Nazioni Unite hanno concluso che la pandemia di Coronavirus sta causando una perdita di $ 10 trilioni per l’economia globale

La pandemia di coronavirus e gli effetti dei blocchi imposti per combatterla hanno provocato una perdita economica di $ 10 trilioni (circa 8,3 miliardi di euro) in tutto il mondo, secondo la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).

Nonostante le proiezioni secondo cui l’economia globale potrebbe crescere del 4,7% nel 2021, sarà comunque di $ 10 trilioni al di sotto della cifra prevista se la pandemia non si fosse mai verificata, ha rilevato l’UNCTAD.

“L’anno scorso, l’economia globale ha registrato il più grande calo annuale della produzione dall’introduzione delle statistiche sull’attività economica globale all’inizio degli anni Quaranta”. Leggi il rapporto della conferenza pubblicato giovedì.

Notizie correlate

Ha sottolineato che mentre i paesi più ricchi, come gli Stati Uniti, concordano sui budget di spesa fiscale e la Cina torna a crescere alla fine del 2020, molti paesi poveri stanno lottando con la perdita economica.

“A causa dello spazio fiscale limitato, delle strette restrizioni alla bilancia dei pagamenti e del sostegno internazionale insufficiente, i paesi in via di sviluppo sono i più colpiti dalla recessione, provocando alcune delle maggiori diminuzioni del reddito personale rispetto al PIL”, afferma il rapporto.

L’organizzazione ha aumentato le sue precedenti previsioni di crescita globale per quest’anno dal 4,3% al 4,7%, citando la possibilità di una “ripresa più forte negli Stati Uniti”.

A gennaio, la Banca mondiale ha affermato che l’economia globale potrebbe crescere del 4% nel 2021, mentre il Fondo monetario internazionale (FMI) ha dichiarato che potrebbe crescere fino al 5,5%.

Lauren Walker
Brussels Times

READ  Popyrin torna in azione con Dubai che vince

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x