Le Pen: Destra sta facendo un passo per costruire una “grande potenza europea”

VARSAVIA, Polonia (AFP) – I leader populisti europei di destra hanno annunciato sabato che coopereranno più strettamente nel parlamento dell’Unione Europea per difendere la sovranità dei 27 Stati membri del loro blocco.

Un comunicato diffuso al termine dell’incontro ha affermato che non si è assunta il livello di annunciare la creazione di una nuova alleanza al Parlamento europeo, idea voluta da alcuni leader di partito ma che finora non si è concretizzata.

Tuttavia, la leader del partito di estrema destra francese Marine Le Pen ha affermato che l’incontro è stato un “passo chiave” verso una cooperazione più stretta. Ha riunito leader di partito di più di una dozzina di nazioni unite da valori conservatori e nazionalisti e dalla sensazione che l’UE si prenda poteri mai concessi nei trattati dell’unione.

“E’ un graditissimo passo in avanti e mi permette di essere molto ottimista riguardo al futuro”, ha detto Le Pen.

Le Pen ha affermato che i leader del partito hanno concordato di incontrarsi almeno ogni due mesi al Parlamento europeo, mentre un altro incontro è previsto in Spagna tra due mesi “per continuare ad andare avanti nel consolidamento e nella creazione di quella grande potenza europea”.

L’incontro è stato ospitato da Jaroslaw Kaczynski, leader del Partito nazionalista polacco al potere, a cui hanno partecipato anche il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, il primo ministro ungherese Viktor Orbán e il leader di estrema destra di Vox Santiago Abascal.

L’evento di sabato segue una dichiarazione congiunta di 16 partiti di destra a luglio e la visita di Le Pen a Budapest in ottobre.

READ  La Russia afferma che tutte le aree urbane di Mariupol sono state ripulite dalle forze ucraine

L’incontro è stato anche una dimostrazione di solidarietà con i governi polacco e ungherese da parte di politici che la pensano allo stesso modo.

I due governi dell’Europa centrale sono ancora bloccati in un’aspra situazione di stallo con la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’Unione europea, che trattiene fondi da entrambi i paesi. in ritiro democratico. Varsavia e Budapest sostengono che la Commissione sta compiendo un passo che non è stato previsto in nessuno dei trattati dell’UE.

La dichiarazione di sabato ha affermato che i populisti avevano bisogno di un modello di cooperazione “per porre fine all’idea assillante di creare un’Europa governata da un’élite autoproclamata”.

Respingiamo l’applicazione arbitraria del diritto sindacale, il piegamento o addirittura la violazione dei trattati. Solo le istituzioni sovrane degli Stati godono di piena legittimità democratica”.

Hanno anche criticato le linee guida interne La Commissione ha proposto di sostituire il “periodo natalizio” con il “periodo festivo”. L’Unione Europea si è tirata indietro dopo il contraccolpo dei conservatori e del Vaticano.

Citando quell’incidente, i populisti hanno affermato di essere contrari ai tentativi di “cambiare ideologicamente le nostre lingue come metodo che separerebbe l’uomo dalla sua cultura e eredità”.

C’è una contraddizione nella “riunione transnazionale dei partiti nazionalisti”, ha affermato Wojciech Przybylski, caporedattore di Visegrad Insight, una rivista politica incentrata sull’Europa centrale. Si ritiene che l’evento sia stato organizzato in modo che i leader del partito potessero dimostrare ai loro elettori “che non sono soli”.

Ha osservato che sia il partito al potere ungherese che quello polacco sono “in gravi difficoltà”, con il partito Fidesz di Orbán costretto a lasciare il principale gruppo conservatore al Parlamento europeo e i populisti al potere in Polonia che vedono un calo di popolarità in patria.

READ  È martedì sera a Kiev. Ecco cosa devi sapere.

“Questa è fondamentalmente una trovata pubblicitaria”, ha detto Przybylski.

L’accoglienza dei polacchi per Le Pen segna un recente cambiamento nella posizione dei conservatori polacchi al potere, che da tempo si rifiutano di collaborare con il candidato presidenziale francese a causa dei suoi cordiali rapporti con il presidente russo Vladimir Putin. La posizione di Le Pen era un tabù in Polonia, un paese a lungo dominato dal dominio russo e sovietico.

“Abbiamo tanto in comune con la signora Le Pen quanto con Putin”, ha detto Kaczynski nel 2017.

Quando sabato si è aperto un incontro in un hotel, un piccolo gruppo di manifestanti fuori ha fischiato e lanciato accuse secondo cui i leader erano estremisti al servizio degli interessi del Cremlino. I manifestanti portavano striscioni con la scritta “Patto russo” e cantavano “Varsavia è libera dal fascismo!”

I funzionari del partito polacco sabato hanno difeso l’incontro con Le Pen, affermando che i principali leader europei hanno fatto molto di più di Le Pen per aiutare il Cremlino, citando il gasdotto Nord Stream 2, sostenuto dal cancelliere tedesco uscente Angela Merkel.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x