Le statistiche di San Marino suggeriscono che la Scozia non può rischiare di cambiarla nelle qualificazioni a Euro 2020

È lecito ritenere che non ci saranno molti fan ad Hampden Park quando la Scozia giocherà a San Marino domani sera.

Per la Scozia, questa partita è sostanzialmente priva di significato, a parte la costruzione di fiducia in vista degli spareggi della Nations League all’inizio del prossimo anno.

Per San Marino, il gioco significa tutto, poiché un gruppo di giocatori per lo più dilettanti sta cercando di fare qualcosa che ha fatto l’ultima volta 15 anni fa e che ha ottenuto solo una volta nella sua storia: vincere una partita di calcio.

Ufficialmente conosciuta come la Purissima Repubblica di San Marino, è un piccolo paese situato nel centro-nord Italia ed è una delle repubbliche più antiche del mondo.

Stuart Armstrong e Davide Simoncini a San Marino

La repubblica prende il nome da San Marino, che fondò una comunità monastica sul Monte Titano nel 301 d.C. quando fuggì dalla persecuzione dell’imperatore romano Diocleziano. Secondo la leggenda, nelle sue ultime parole dichiarò che San Marino era indipendente sia dall’imperatore che dal papa, dicendo: “Vi lascio liberi da entrambi gli uomini”.

Con una popolazione di meno di 34.000 persone e un’area di appena 23,6 miglia quadrate, trovare giocatori è stato storicamente difficile per San Marino.

Indiscutibilmente il più grande giocatore che il paese abbia mai prodotto è l’ex centrocampista della Juventus Massimo Bonini, che ha vinto tre scudetti e una Coppa dei Campioni negli anni ’80. Bonini ha giocato solo 19 partite per il suo paese, che non ha giocato nessuna partita ufficiale in FIFA fino al 1990, dopo la sconfitta per 4-0 contro la Svizzera.

L’unico altro giocatore samarinesiano a raggiungere la massima serie è Marco Massina, che ha giocato un totale di 13 partite nella massima serie prima che un infortunio al ginocchio lo costringesse al ritiro all’età di 25 anni dopo aver fatto solo due presenze con la nazionale.

Questo rende Andy Silva il più vicino che la nazionale sammarinese abbia a una figura leggendaria, con l’attaccante che ha segnato otto gol per il suo paese.

Potrebbe non sembrare molto – anche se è più di quanto chiunque possa vantare nella squadra scozzese – ma dato che San Marino ha segnato solo 23 gol in tutta la sua storia, l’ex attaccante di Spal e Sassuolo è stato abbastanza prolifico.

Andy Silva dopo il gol contro il Galles

È stato Silva a segnare i gol più famosi di San Marino il 27 aprile 2004, con il suo tiro al quinto minuto in un’amichevole contro il Liechtenstein abbastanza da segnare la prima e unica vittoria finora nella loro storia.

Così, il record di San Marino nelle partite ufficiali internazionali è di una vittoria, cinque pareggi e 159 sconfitte, con 23 gol fatti e 685 subiti, di cui nove contro il Belgio venerdì sera.

Un solo giocatore ha segnato nella rosa attuale, con Mirko Palazzi – che, a differenza della maggior parte dei giocatori samaritani che hanno giocato a calcio professionistico – ha segnato nella sconfitta per 5-1 contro l’Azerbaigian.

La mancanza di reti è in parte dovuta al gioco con i sammarinesi, ma anche all’afflusso di giovani nella squadra.

READ  L'Inghilterra affronta la riunione con l'Italia nella Nations League

Il tecnico Franco Varela, già assistente di Arrigo Sacchi nella Nazionale italiana, ha cercato di coinvolgere più giocatori possibile dall’Under 21.


Spiegazione per Il sito di Gianluca Di Marzio Siamo un’anomalia.

“Per altre federazioni i giocatori raggiungono il loro apice tecnico e fisico nelle grandi Nazionali, ma per noi sono nell’Under 21.

“Siamo quasi tutti dilettanti, e la maggior parte dei ‘vecchi’ non ha tempo per allenarsi, tornano a casa dal lavoro alle 19 e hanno una famiglia a cui pensare.

“I giovani, invece, aspirano ancora ad essere professionisti. La loro vita è il calcio”.

Questo spiega l’inserimento del 19enne Nicola Nani, in prestito al Monopoli dal Crotone in Serie B, e del 22enne Filippo Berardi, che gioca in terza divisione con la Fibonese.

Filippo Berardi con Andy Robertson

Il portiere del Novara Elia Benedettini è l’unico altro professionista sammarinese che potrebbe entrare, ma ha saltato l’ultima squadra per infortunio.

Tutto ciò rende quasi impossibile per la squadra classificata come la peggiore al mondo finire la sua miserabile corsa ad Hampden domani.

Dalla vittoria sul Liechtenstein, San Marino ha perso 93 partite senza vittorie. Hanno perso le ultime 60 partite di fila e non hanno segnato in 20 partite internazionali.

Anche la squadra scozzese in una situazione molto sfortunata potrà comodamente mandare il sammarinese, che è tra i commercialisti e gli elettricisti. L’obiettivo era quello di mantenere il punteggio basso come hanno fatto nella partita casalinga, con la vittoria per 2-0 della Scozia che ha segnato la fine dell’era di Alex MacLeish.

L’allenatore della Scozia Alex MacLeish e il suo assistente Peter Grant nella partita di San Marino

Avendo segnato i nove gol per mano del Belgio, avrebbe riportato un po’ di orgoglio, anche se quel gol non è stato così male come il 13-0 inflitto dalla Germania nel 2006.

READ  L'Inghilterra esce dal Mondiale e San Marino entra nella storia

Probabilmente più inquietante è stata la partita di qualificazione ai Mondiali del 1992, che ha visto il portiere della Danimarca Erik Thorstvedt lasciare la sua porta sguarnita mentre tentava di segnare alla fine di una vittoria per 10-0.

Risultati come questi stanno alimentando il fuoco di coloro che affermano che paesi come San Marino non dovrebbero competere nel calcio internazionale, incluso l’ex stella della Germania Thomas Muller.

Il giocatore del Bayern Monaco ha dichiarato che giocare per la Sammarinese era “rischi inutili”, con il presidente del club Karl-Heinz Rummenigge affermando che “San Marino non ha nulla a che fare con il calcio professionistico”.


Tuttavia, San Marino ha risposto, dando dieci ragioni per cui la partita è stata vantaggiosa.

Tra questi “per far capire al tuo allenatore che il calcio non è di loro proprietà ma di tutti coloro che lo amano, tra i quali, volenti o nolenti, siamo inclusi”, “per ricordare a centinaia di giornalisti di tutta Europa che ci sono ancora uomini che seguono i loro sogni e non le tue regole” e infine, per farmi capire che anche se indossi la più bella divisa Adidas, sei sempre quella che mette i calzini bianchi sotto i sandali”.

La Scozia domani batterà San Marino e non ci sarà quasi nessuno a vederlo. Gli avversari giocheranno per puro orgoglio e amore per il gioco, e se i visitatori riusciranno a segnare anche una volta che qualcuno scriverà il loro nome nel folklore del calcio sammarinese.

Scarica il sondaggio

San Marino segnerà contro la Scozia?


Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x