Le tasse sui pacchi “E-Measure” a San Marino perdono terreno all’ultimo conteggio dei voti – Pasadena Star News

Il sostegno per l’imposta unificata sui pacchi proposta da San Marino, scala E, è crollato di duecento punti percentuali – diversi punti ancora al di sotto della maggioranza dei due terzi che deve essere approvata – quando i funzionari elettorali della contea hanno rilasciato gli ultimi totali delle votazioni martedì 9 marzo.

Attualmente, il 63,06% degli elettori sostiene la misura E. Richiede il 66,67% per approvarla.

Gli ultimi dati arrivano una settimana dopo la conclusione delle elezioni speciali il 2 marzo. Il prossimo aggiornamento è previsto per l’11 marzo, che potrebbe essere l’aggiornamento finale.

I funzionari della contea stimano che 575 schede siano ancora in sospeso, ma il voto è diviso in quattro elezioni il 2 marzo.

Finora, più di 3.400 persone hanno votato a favore o contro la misura E. Potrebbero essere necessari circa 200 voti perché una tassa sui pacchi la passi a questo punto, secondo l’analisi.

Date le dimensioni e la distribuzione degli ultimi aggiornamenti, la misura E avrà una ripida collina da scalare.

La misura E è identica all’attuale imposta sui pacchi – chiamata anche misura E – che è in vigore dal 2009 e scadrà il 30 giugno.

Se la nuova misura E viene approvata, la tassa sui pacchi sarà prorogata a tempo indeterminato, o almeno fino a quando gli elettori non sceglieranno di porvi fine.

Il distretto ha raccolto circa $ 4 milioni all’anno dalla precedente azione E. Per finanziare questo, ogni proprietario della zona paga $ 968 all’anno, o poco più di $ 80 al mese, indipendentemente dal valore della proprietà.

READ  Le folle nelle città stanno diventando gialle e il governo sta valutando le nuove restrizioni. Ipotesi: ogni regione è rossa in Italia nei giorni festivi e prima delle festività

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x