Leader cattolico in Libano: la visita del Papa manterrà ‘speranza’ nel Paese

Il cardinale Bechara Al-Rahi, patriarca maronita, è arrivato per celebrare la Divina Liturgia in occasione del primo anniversario dell’attentato al porto di Beirut il 4 agosto 2021. L’esplosione ha ucciso più di 200 persone, ferito 7.000 e sfollato 300.000. (CNN/Reuters/Mohamed Azakir)

Firenze, Italia – Un alto leader cattolico in Libano ha affermato che una visita tanto attesa di Papa Francesco aiuterebbe a mantenere viva la “speranza” dopo anni di disordini politici ed economici che hanno spinto il paese mediorientale, un tempo vivace, sull’orlo del collasso.

Ma quando papa Francesco arriverà nel Paese – forse anche quest’anno – non verrà come un “salvatore politico o economico”, dice il patriarca cattolico maronita, cardinale Bechara El Rai, ma come “un uomo vicino al popolo”.

“Sa che a volte una persona ha bisogno di qualcuno vicino, qualcuno che lo ascolti, qualcuno che possa capire i suoi problemi”, ha detto la Rai durante un’intervista del 26 febbraio. Si sentono abbandonati”.

Ray ha parlato con NCR durante la sua visita a Firenze, in Italia, dove si è unito a sindaci e leader religiosi di 20 paesi del Mediterraneo che si sono riuniti per un incontro di cinque giorni per discutere la cooperazione su una serie di questioni che la regione deve affrontare, tra cui migrazione e clima. Cambiamento ed educazione.

I problemi che deve affrontare il Libano, che ha la percentuale più alta di cristiani in Medio Oriente, sono particolarmente gravi: Alti tassi di povertà E il crollo economicoAmpiamente carenza di carburanteScuole e ospedali affrontano un futuro incerto, solo per citarne alcuni.

Presenti il ​​cardinale libanese Bechara Al-Rahi, il patriarca maronita, il centro e altri vescovi "Il Mediterraneo per la Pace" Un incontro di condivisione di preghiera per la pace e contro la guerra presso la Basilica di Santa Maria Novella il 24 febbraio a Firenze, Italia.  (Il sistema nervoso centrale)

Il cardinale libanese Bechara El Rai, il Patriarca maronita, Centro, e altri vescovi che hanno partecipato all’incontro “Mediterraneo per la pace” partecipano alle preghiere per la pace e contro la guerra presso la Basilica di Santa Maria Novella il 24 febbraio a Firenze, in Italia. Lo shock dell’invasione in Ucraina portò i vescovi riuniti a Firenze a sospendere presto i loro lavori e trascorrere mezz’ora in silenziosa preghiera sotto la Croce di Giotto nel XIII secolo. (CNS / Conferenza Episcopale Italiana / Christian Genari)

READ  Il giudice vaticano respinge le richieste di difesa mentre procede il processo per frode

“I migliori medici, i migliori professori, i migliori banchieri e le migliori infermiere sono andati altrove per poter ottenere uno stipendio che permettesse loro di vivere”, ha detto Ray, aggiungendo che la valuta del paese ha perso gran parte del suo valore e delle opportunità commerciali con gli altri. . I paesi stavano “sanguinando”.

Rai, 82 anni, che guida la chiesa libanese dal 2011, afferma che la chiesa è stata in prima linea nella risposta alle crescenti crisi.

“La chiesa mantiene le sue istituzioni, scuole, università, centri comunitari e centri di sviluppo”, ma nonostante abbia fatto tutto il possibile per aiutare le persone a trovare lavoro, si è lamentato, “le persone sono state in grado di andarsene”.

A febbraio il ministro degli Esteri vaticano ha visitato il Paese, dove ha dato una franca valutazione della situazione sul campo: “Il popolo libanese sta ancora soffrendo molto”, ha affermato l’arcivescovo Paul Gallagher. “Lo possono vedere tutti”.

Ha continuato esprimendo preoccupazione per le profonde divisioni all’interno del paese, che dovrà affrontare le grandi elezioni generali il 15 maggio, le prime da quando il paese è diventato il caos a seguito delle proteste di massa e delle dimissioni del governo nel 2019.

La situazione è ulteriormente peggiorata dall’esplosione dell’agosto 2020 al porto di Beirut, che ha ucciso più di 200 persone, ferito 7.000, sfollato 300.000 e gravemente danneggiato il suo porto, che guida gran parte dell’attività economica della capitale. Da allora, c’è stata un’indagine in corso su chi è responsabile, che ha portato a puntare il dito e spostare la colpa.

Il patriarca libanese afferma che sono necessari leader forti e anticorruzione, il quale ha affermato che devono svolgersi elezioni democratiche a lungo ritardate.

“Condanniamo ogni tentativo di posticipare le elezioni”, ha affermato Al-Rai, sottolineando che la situazione era difficile perché i cittadini erano “stufi delle autorità”.

La diversità del Paese – con musulmani, cristiani ortodossi, protestanti e cattolici maroniti – significa che la Chiesa non vuole influenzare o sostenere candidati particolari, ma vuole invece ricordare alle persone di “esercitare il proprio voto”.

Negli ultimi anni, il gruppo sciita sostenuto dall’Iran Hezbollah ha avuto un’enorme influenza sulla vita politica e commerciale del Paese. Nel frattempo, il presidente libanese Michel Aoun è un cattolico maronita che è anche un alleato di Hezbollah.

Sebbene la convivenza politica e religiosa abbia storicamente contribuito a consolidare il paese, le sue antiche tradizioni di pluralismo sono minacciate da crescenti divisioni. Il Vaticano, come ha sottolineato Gallagher durante la sua recente visita, Fai l’offerta Aiutare a facilitare un dialogo nazionale tra la leadership politica del paese se i suoi leader desiderano tale mediazione.

“Il Vaticano è sempre pronto a farlo”, ha sottolineato Ray.

Il cardinale Bechara El Rai saluta Papa Francesco all'arrivo del Papa per condurre un incontro con sacerdoti, monaci, diaconi, catechisti e membri di gruppi e movimenti ecclesiali presso la Cattedrale maronita di Nostra Signora delle Grazie il 2 dicembre 2021 a Nicosia, Cipro.  (Il sistema nervoso centrale)

Il Cardinale Bechara Al Rai, Patriarca maronita, saluta Papa Francesco all’arrivo del Papa per condurre un incontro con sacerdoti, monaci, diaconi, catechisti e membri di gruppi e movimenti ecclesiastici presso la Cattedrale maronita di Nostra Signora delle Grazie a Nicosia, Cipro, dicembre 2. , 2021 (SNC/Paul Haring)

Nel frattempo, sono in corso i piani preliminari per un’eventuale visita papale, che Francesco ha promesso di intraprendere per diversi anni ma è stata a lungo ritardata dall’instabilità politica.

Il mese scorso, Gallagher ha detto che Francesco “vuole venire in Libano molto presto”, ma ha aggiunto: “Spetta a noi determinare cosa significa la parola ‘presto'”.

READ  Malone Soulier lancia una piattaforma digitale on demand

Al-Rai si è anche opposto a commentare il calendario specifico, dicendo: “Penso che sia necessaria una certa stabilità politica”, ma ha affermato con sicurezza che si svolgerà una visita del papa in Libano.

“La visita del Papa incoraggia i libanesi”, ha detto, ricordando loro che, nonostante le difficoltà degli ultimi anni, “non li hanno abbandonati”.

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere newsletter gratuite da NCR.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x