Leader dell’Isis ucciso nel deserto, dice la Francia

Bamako, Mali – Il presidente francese ha annunciato mercoledì sera l’uccisione del leader dello Stato Islamico nel Grande Sahara, definendo l’uccisione di Adnan Abu Walid al-Sahrawi un “grande successo” per l’esercito francese dopo più di otto anni combattere gli estremisti nella regione del Sahel.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha scritto su Twitter che Sahraoui è stato “neutralizzato dalle forze francesi”, ma non ha fornito ulteriori dettagli. Il luogo della morte di Sahraoui non è stato reso noto, sebbene l’ISIS sia attivo lungo il confine tra Mali e Niger.

“La nazione pensa stasera a tutti i suoi eroi morti per la Francia nel Sahel nell’operazione Serval e Barkhane, alle famiglie delle vittime e a tutti i suoi feriti”, ha scritto Macron su Twitter. I loro sacrifici non furono vani.

Le voci sulla morte del leader militante circolano da settimane in Mali, anche se le autorità della regione non lo hanno confermato. Non è stato immediatamente possibile verificare in modo indipendente l’affermazione o sapere come sono stati identificati i resti.

“Questo è un colpo fatale per questo gruppo terroristico”, ha scritto su Twitter il ministro della Difesa francese Florence Parly. “La nostra battaglia continua”.

Al-Sahrawi aveva rivendicato un attacco in Niger nel 2017, che aveva ucciso quattro soldati statunitensi e quattro membri dell’esercito nigeriano. Il suo gruppo ha anche rapito stranieri nella regione del Sahel e si ritiene che detenga ancora l’americano Jeffrey Woodkey, rapito dalla sua casa in Niger nel 2016.

Il leader estremista è nato nella regione contesa del Sahara occidentale e in seguito si è unito al Fronte Polisario. Dopo aver trascorso del tempo in Algeria, si è recato nel nord del Mali, dove è diventato una figura importante nel gruppo noto come MUJAO che ha preso il controllo della principale città settentrionale di Gao nel 2012.

READ  L'avvocato di Clinton accusato di aver mentito all'FBI durante l'indagine Trump-Russia | Inchiesta Trump e Russia

Un’operazione militare a guida francese l’anno successivo estromise gli estremisti islamici dal potere a Gao e in altre città del nord, anche se in seguito quegli elementi si raggrupparono e lanciarono nuovamente attacchi.

Il gruppo finanziario MUJAO era fedele all’affiliato regionale di al-Qaeda. Ma nel 2015, Al-Sahrawi ha rilasciato un messaggio audio in cui giurava fedeltà allo Stato Islamico in Iraq e Siria.

L’esercito francese sta combattendo gli estremisti islamici nella regione del Sahel, dove la Francia era una volta la potenza coloniale dal suo intervento del 2013 nel nord del Mali. Ha recentemente annunciato, tuttavia, che ridurrà la sua presenza militare nella regione, con l’intenzione di ritirare 2.000 soldati entro l’inizio del prossimo anno.

La notizia della morte di Al-Sahrawi arriva in un momento in cui la battaglia globale della Francia contro l’ISIS sta facendo notizia a Parigi. L’imputato principale nel processo per gli attacchi di Parigi del 2015 ha dichiarato mercoledì che questi omicidi coordinati erano una rappresaglia per gli attacchi aerei francesi contro lo Stato islamico, descrivendo l’uccisione di 130 innocenti come “non una questione personale” perché ha ammesso il suo ruolo per la prima volta.

Rapporti di Larson da Dakar, in Senegal. La scrittrice dell’Associated Press Angela Charlton a Parigi ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x