― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyL’economia europea vacilla e resta indietro rispetto alla forte crescita degli Stati...

L’economia europea vacilla e resta indietro rispetto alla forte crescita degli Stati Uniti

Mentre l’economia statunitense avanza, l’Europa si sta muovendo su una strada molto diversa: un rallentamento economico prolungato gravato da una doppia dose di tassi di interesse elevati e dall’impatto residuo della guerra della Russia in Ucraina.

Quest’estate la crescita nella zona euro si è contratta dello 0,1%, un dato superiore alle attese Tassi di interesse record, volti a combattere l’inflazione, hanno indebolito l’attività economica in Germania e Francia, le due maggiori economie della regione, secondo quanto riportato martedì dall’Agenzia europea di statistica.

Questo ritmo anemico contrasta nettamente con quello degli Stati Uniti, dove l’economia è cresciuta nonostante il rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve per frenare l’inflazione. Espansione del PIL 1,2% nel terzo trimestre rispetto al trimestre precedente – un tasso annuo del 4,9% – sostenuto dalla massiccia spesa al consumo e dal rallentamento dell’inflazione, che ha aumentato il potere d’acquisto.

La contrazione riflette le sfide che devono affrontare i politici della Banca Centrale Europea, che la scorsa settimana ha interrotto la sua campagna per aumentare i tassi di interesse a causa dei segnali di debolezza nell’economia della regione. I dati hanno mostrato che il tasso di inflazione nella zona euro in ottobre è sceso al 2,9%, un’altra indicazione dell’impatto del rialzo dei tassi di interesse da parte della banca centrale.

Produzione economica nei venti paesi che utilizzano l’euro È diminuito dello 0,1%. da luglio a settembre, invertendo i moderati guadagni di crescita nel secondo trimestre e prolungando quasi un anno di tiepida attività economica. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, la crescita economica in questo trimestre è aumentata solo dello 0,1%.

READ  Italian Barley Arts lancia un nuovo festival musicale

La Banca Centrale Europea ha alzato i tassi di interesse insieme alla Federal Reserve nel tentativo di combattere il massiccio aumento dei prezzi dell’energia e dei prodotti alimentari causato dalla guerra della Russia in Ucraina. Lungo il percorso, Christine Lagarde, capo della banca centrale, ha ripetutamente cercato di mantenere una linea sottile tra il rallentamento dell’economia sufficiente a domare l’aumento dei prezzi – che ha spinto i consumatori a tagliare le spese e gravato su molte aziende con costi insostenibili – e senza ribaltare l’Eurozona. Alla stagnazione.

Ma Bert Kolen, capo economista dell’Eurozona presso la ING Bank, ha affermato che la crisi energetica “ha colpito l’Europa molto più duramente degli Stati Uniti, perché gli Stati Uniti non dipendono dal gas russo e sono produttori di petrolio”. “Ciò ha influenzato l’attività dell’Eurozona dalla fine dello scorso anno e ha mantenuto l’economia stagnante”.

I prezzi nelle stazioni di servizio e nei supermercati europei sono diminuiti rispetto agli aumenti a due cifre osservati solo un anno fa. Ciononostante, le famiglie europee hanno continuato a trattenere i propri risparmi in modo più rigido rispetto ai consumatori americani.

Il rallentamento dell’economia globale in generale non è stato d’aiuto. L’Europa ha sofferto di un rallentamento della crescita, soprattutto nelle esportazioni verso la Cina, il principale partner commerciale dell’UE. Paesi come la Germania che fanno molto affidamento sull’esportazione di beni, dalle automobili ai forni, per la ricchezza economica, stanno subendo l’impatto maggiore.

“L’Europa orientata all’export è più vulnerabile a una recessione ciclica della produzione globale rispetto agli Stati Uniti”, ha affermato Holger Schmieding, capo economista della Berenberg Bank di Londra.

READ  L'italiano Trussardi ha cercato la protezione dei creditori nelle fonti di turnaround

Cullen di ING ha affermato che una grave recessione in Europa è improbabile, ma “la continua incertezza economica e geopolitica, unita all’impatto dei tassi di interesse più elevati sull’economia, peserà sull’attività economica nei prossimi trimestri”.

La Banca Centrale Europea ha sospeso la sua campagna per aumentare i tassi di interesse questo mese tra i segnali che la battaglia sull’inflazione sta iniziando a dare i suoi frutti.

L’agenzia statistica ha dichiarato martedì in un comunicato separato che i prezzi al consumo nella zona euro è aumentato del 2,9%. Nel corso dell’anno fino a ottobre, in calo rispetto al tasso del 4,3% del mese precedente e al livello più basso da luglio 2021. Sebbene ben al di sotto del tasso del 10% di solo un anno fa, l’inflazione in Europa rimane complessivamente elevata, soprattutto per quanto riguarda cibo ed energia. rende i consumatori cauti. A proposito di spesa.

Questi alti tassi di interesse hanno anche frenato l’attività delle famiglie e delle imprese, aumentando i tassi sui prestiti e limitando il credito per acquisti e investimenti. In alcuni casi, hanno aggiunto dolore ai problemi esistenti.

L’economia tedesca, la più grande d’Europa, nel terzo trimestre ha registrato una contrazione dello 0,1%. Il settore industriale ad alta intensità energetica del paese sta ancora soffrendo di uno shock sui prezzi dopo che i flussi di gas naturale dalla Russia alla Germania si sono fermati, portando ad un aumento dell’inflazione e frenando la spesa dei consumatori.

Anche l’economia francese ha perso slancio, crescendo dello 0,1% dopo un’impennata nel secondo trimestre. I consumatori hanno aumentato la spesa, ma il rallentamento dell’economia globale ha influenzato negativamente i produttori francesi, che hanno visto diminuire la domanda per le loro esportazioni. Anche in Italia la crescita è rimasta stagnante.

READ  De Guindos, della Banca centrale europea, mette in guardia dai grandi rischi nel settore finanziario

La performance complessiva dell’Eurozona è stata in qualche modo distorta da un significativo calo dei dati di crescita in Irlanda, uno dei principali esportatori di medicinali. Le esportazioni di prodotti farmaceutici sono diminuite dalla fine dei blocchi pandemici e la crescita in Irlanda si è contratta dell’1,8% in estate rispetto al trimestre precedente.

In una conferenza stampa questo mese, Fondo monetario internazionale Ha detto che l’Europa “si trova a un punto di svolta”. La regione ha resistito a una serie di shock, tra cui la pandemia e la crisi energetica.

Sempre più persone hanno un lavoro e i salari stanno aumentando per tenere il passo con l’inflazione. Il FMI ha affermato che i prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia rimangono relativamente alti, un rischio che sembra destinato a continuare a pesare sulla crescita.