L'economia parallela: come la Russia sfida il boicottaggio dell'Occidente La guerra tra Russia e Ucraina

L'economia parallela: come la Russia sfida il boicottaggio dell'Occidente  La guerra tra Russia e Ucraina

I registri doganali mostrano come siano emersi nuovi attori per rifornire le aziende a contatto con i clienti direttamente dopo la chiusura dei canali di distribuzione formali.

Prima della guerra, le filiali russe di Apple, Samsung ed Electrolux erano quasi esclusivamente responsabili dell’importazione dei loro prodotti.

Ma da febbraio 2022, secondo i dati doganali, solo circa l’1% delle spedizioni è passato attraverso questi canali ufficiali.

Invece, la stragrande maggioranza dei prodotti Samsung, Apple ed Electrolux sono stati importati da decine di aziende russe poco conosciute e da singoli imprenditori.

La maggior parte delle compagnie di navigazione menzionate nei dati sulle importazioni russe sono elencate in giurisdizioni che non hanno aderito alle sanzioni contro Mosca, inclusi Emirati Arabi Uniti, Cina e Hong Kong.

Al Jazeera ha contattato alcuni dei maggiori fornitori di prodotti Apple identificati nei registri doganali, fingendosi potenziali acquirenti all'ingrosso dalla Russia.

Tre società hanno risposto alle richieste via e-mail, esprimendo interesse a vendere alla Russia nonostante le sanzioni. Due di loro hanno successivamente interrotto le comunicazioni senza fornire dettagli sul loro lavoro.

“Noi stessi vendiamo direttamente sui mercati russi”, ha detto ad Al Jazeera il direttore delle vendite di BMG International, una società registrata a Dubai.

“Ma siamo interessati anche a creare nuovi canali con nuovi clienti. Possiamo fornire Samsung, Apple e molti altri marchi”.

BMG International afferma sul suo sito Web di essere “un distributore autorizzato di molti marchi noti, tra cui Apple, Samsung, Xiaomi, Nokia, Realme, Oppo, Honor, console di gioco JBL e molti altri”.

Secondo il listino prezzi dei prodotti Apple fornito ad Al Jazeera, BMG International vende smartphone prodotti per essere utilizzati in India, Cina, Giappone e Medio Oriente.

READ  FCA lancia le vendite online attraverso i negozi di elettronica

“Ma la maggior parte, se non tutti, i dispositivi sono fabbricati in India”, ha affermato il responsabile delle vendite.

Ha detto che la sua azienda acquista gli smartphone prodotti per i “paesi arabi” direttamente da Apple e i dispositivi prodotti per altri paesi dalle sue filiali.

Secondo lui, ricevere pagamenti direttamente dalla Russia potrebbe essere un problema perché le banche di Dubai “ora fanno molte domande e possono rifiutare i pagamenti”.

Per aggirare questo problema, ha affermato di utilizzare intermediari che accettino pagamenti per suo conto, per evitare problemi con la sua banca.

“Possiamo presentarti ai nostri partner a Mosca, puoi inviare loro il pagamento in una banca russa e loro ci inviano i soldi qui”, ha detto.

“Prenderanno una commissione, ovviamente.”

Contattata direttamente da Al Jazeera, BMG ha rifiutato di fornire commenti.

I prodotti Apple non fanno affatto eccezione.

Nei supermercati russi, i marchi alimentari più famosi come Coca-Cola, Lipton, Lindt, Geisha, Tchibo e Pringles sono ancora sugli scaffali nonostante la loro uscita ufficiale dal Paese.

Gli acquirenti russi possono ancora tirare lo sciacquone con Bref e lavare i vestiti con il detersivo Persil.

I cosmetici L'Occitane sono venduti con il nuovo nome cirillico negli ex negozi del marchio francese in Russia, venduti ad un acquirente locale dopo l'invasione.

Altri famosi marchi di cosmetici come Syoss, Schwarzkopf e Chanel, tutti ufficialmente ritirati dalla Russia, sono venduti apertamente nei negozi delle principali catene di cosmetici.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x