L’Ecuador ritira la cittadinanza del fondatore di WikiLeaks Julian Assange | notizie sulla libertà di stampa

Assange è fuggito all’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2012 per evitare l’estradizione negli Stati Uniti, ma il suo status di rifugiato è stato successivamente revocato.

Un tribunale ha revocato la cittadinanza ecuadoriana al fondatore di WikiLeaks Julian Assange.

Il sistema giudiziario ecuadoriano ha ufficialmente notificato la revoca della sua naturalizzazione da parte dell’Australia dopo che le autorità ecuadoriane hanno affermato che la lettera di supporto conteneva molteplici incongruenze, firme diverse e una possibile modifica di documenti e tasse non pagate, tra le altre cose.

Carlos Boveda, l’avvocato di Assange, ha dichiarato all’agenzia di stampa Associated Press che la decisione è stata presa senza un giusto processo e che ad Assange non è stato permesso di comparire nel caso.

Alla data stabilita [Assange] È stato citato, privato della libertà e con una crisi di salute all’interno del centro per la privazione della libertà in cui era detenuto”, aggiungendo che avrebbe presentato ricorso.

Assange rimane imprigionato nel carcere di massima sicurezza di Belmarsh a Londra mentre gli Stati Uniti chiedono la sua estradizione. Un tribunale britannico ha stabilito a gennaio che Assange non dovrebbe essere estradato negli Stati Uniti, affermando che la mossa sarebbe “oppressiva”.

È stato accusato di aver cospirato con l’ex analista dell’intelligence dell’esercito americano Chelsea Manning per far trapelare una serie di materiale classificato nel 2010. I suoi sostenitori e gruppi per la libertà di stampa lo vedono come un reporter investigativo che ha denunciato crimini di guerra.

Documenti segreti relativi all’impegno militare alleato in Afghanistan sono stati pubblicati su WikiLeaks, mentre Assange ha anche collaborato con giornalisti di importanti organi di informazione.

READ  Il Canada sta aumentando la domanda di vaccini attingendo al pool globale che è stato originariamente istituito per i paesi poveri

Washington ha portato un totale di 18 accuse relative al “presunto ruolo di Assange in uno dei più grandi compromessi di informazioni classificate nella storia degli Stati Uniti”, ha affermato una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Funzionari statunitensi sostengono che Assange abbia messo in pericolo la vita degli informatori americani.

Se condannato, Assange potrebbe essere imprigionato negli Stati Uniti per 175 anni.

Assange è fuggito all’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2012 per evitare l’estradizione. Lì ottenne asilo e in seguito ottenne la cittadinanza.

A quel tempo, il governo dell’Ecuador aveva pianificato di concedere lo status diplomatico ad Assange, permettendogli di lasciare l’ambasciata in sicurezza.

Tuttavia, in seguito sono scoppiate tensioni tra Quito e Assange.

Il governo ecuadoriano ha revocato il suo status di asilo nel 2019 e la polizia britannica ha successivamente incarcerato Assange per violazione delle condizioni di cauzione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x