L'Eni italiana intensifica gli investimenti in Africa

L'Eni italiana intensifica gli investimenti in Africa

Il capo dell'importatore italiano di gas naturale, Eni, controllato dallo Stato, ha annunciato l'intenzione della società di aumentare gli investimenti in Africa mentre Roma cerca di sviluppare maggiori legami economici e politici con il continente.

Intervenendo lo scorso fine settimana a un convegno a Roma organizzato dal partito Fratelli d'Italia, la cui leader Giorgia Meloni è primo ministro dall'ottobre dello scorso anno, Claudio Descalzi dell'Eni ha affermato che “l'Italia è pronta a investire in Africa”. […] Anche questa è una necessità perché l’energia ormai scorre dal sud al nord e dobbiamo essere noi a dirigere questo flusso per noi e per l’Africa.

La Meloni aveva precedentemente delineato le sue ambizioni di trasformare l’Italia in uno dei centri energetici centrali d’Europa sotto l’Unione Europea “Il piano del compagno” Una proposta di iniziativa per investire nei paesi africani e partenariati “equati e vantaggiosi” in tutto il continente.

Il piano prevede che l’Italia costruisca nuovi gasdotti verso il Nord Africa che a loro volta consentirebbero a Roma di esportare gas naturale e idrogeno verso paesi del Nord Europa come Germania e Austria, rendendo l’Italia la “porta di accesso” tra Europa e Africa. Il piano di Mattei avrebbe anche l’ulteriore vantaggio strategico di aiutare l’Europa a diversificarsi rispetto alle esportazioni russe di petrolio e gas.

Inizialmente il governo italiano sperava di lanciare ufficialmente il programma a novembre, ma questo è stato ritardato a causa dello scoppio del conflitto a Gaza, che ha sollevato timori di perturbazioni sui mercati energetici internazionali.

A dimostrazione della portata dell’influenza dell’Africa centrale sulla politica estera e sull’agenda economica, la prima visita bilaterale della Meloni dopo essere diventata primo ministro è stata in Algeria, seguita da viaggi attraverso la regione in Libia, Etiopia e Tunisia. In ottobre si è recata anche in Mozambico e nella Repubblica del Congo nella speranza di rafforzare le relazioni energetiche ed economiche tra i due paesi.

READ  L'azienda italiana Prysmian ha ottenuto un balzo degli utili del 52% e vede che l'anno 2023 dipende da un calo dei prezzi

I commenti di Descalzi arrivano poco dopo che Eni ha annunciato l'intenzione di investire più di 7 miliardi di dollari in Egitto e circa 8 miliardi di dollari in Libia. L'azienda ha anche lanciato diversi “agricentri” in vari paesi africani che pianteranno sementi per la produzione di biocarburanti.

afferma Federico Donelli, professore di Relazioni internazionali all'Università di Trieste Affari africani Che “non c'è dubbio che l'Italia ha il potenziale per diventare un importante centro energetico per l'intera Europa” e che relazioni più sviluppate con l'Africa “saranno importanti per il futuro economico del Paese”.

“Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’ambizione dell’Italia di svolgere un ruolo di primo piano nel settore energetico, principalmente del gas, si è resa necessaria”, afferma. “La sua posizione geografica e l'esperienza nel settore sono un ottimo punto di partenza. I governi Draghi e Meloni hanno dimostrato la volontà politica di seguire questa strada. Mancano però investimenti, soprattutto nelle infrastrutture energetiche e non energetiche. L'Italia è indietro rispetto ad altri paesi, come la Turchia, con ambizioni simili.

Donnelly aggiunge che il governo italiano spera anche di utilizzare la propria politica energetica ed estera in Africa come un modo per ottenere “un controllo rafforzato sulle rotte migratorie”. La Meloni ha cercato di presentarsi come una sostenitrice della linea dura in materia di immigrazione Di più Solo quest’anno arrivano in Italia via mare 120.000 migranti.

“Al centro dell’agenda italiana c’è il desiderio di stabilire relazioni più orizzontali con i paesi africani e di aumentare la loro capacità di affrontare le minacce e le sfide interne”, afferma Donnelly. Questa agenda prevede piani per “contribuire allo sviluppo istituzionale ed economico dei paesi africani al fine di ridurre le cause della migrazione”.

READ  L'azienda italiana Sogefi vende un'unità di filtrazione alla società PE per oltre 400 milioni di dollari - Republic World

Donnelly, se ritiene che il piano Mattei sia “certamente interessante e innovativo per la politica africana dell'Italia”, sottolinea anche che l'iniziativa è “ingenua e ambigua” in alcuni punti.

“Il principale punto debole è l’approccio ingenuo, che significa anche una mancanza di conoscenza delle complessità e delle differenze del quadro africano”, afferma. “Pertanto, a mio avviso, tali investimenti non cambieranno comunque le cause profonde dei flussi migratori”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x