L’equipaggio della NASA SpaceX cade nel Golfo del Messico | notizie spaziali

Gli astronauti tornano sulla Terra dopo una missione scientifica di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Quattro astronauti legati all’interno di una capsula SpaceX Crew Dragon sono atterrati in sicurezza nel Golfo del Messico al largo della costa della Florida dopo una missione scientifica di sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

L’imbarcazione Dragon, soprannominata Endeavour, è stata paracadutata in mare come previsto dopo le 22:30 ora locale di lunedì (03:30 GMT di martedì), a seguito di un’entrata infuocata e di un atterraggio trasmesso in diretta dalla NASA.

L’imaging video termico in diretta ha catturato un assaggio delle strisce simili a meteore della capsula nel cielo notturno sopra la baia pochi minuti prima del crollo.

Ci sono stati applausi dal controllo di volo quando i quattro paracadute principali sopra la capsula si sono gonfiati, rallentando la sua velocità a circa 24 chilometri all’ora (15 miglia all’ora) prima di scendere dolcemente nel mare calmo.

“Endeavour, per conto di SpaceX, ti dà il benvenuto sul Pianeta Terra”, ha detto il controllo di volo all’equipaggio dopo essersi assicurato che il volo fosse sicuro.

Uno degli astronauti ha risposto alla radio: “È bello essere tornato”.

Da quando è arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale il 24 aprile, l’equipaggio di due americani, un astronauta francese e uno giapponese, ha condotto centinaia di esperimenti e ha contribuito a migliorare i pannelli solari della stazione.

Le loro attività hanno incluso la documentazione della superficie del pianeta per registrare i cambiamenti e gli eventi naturali causati dall’uomo, la coltivazione di peperoncini piccanti e lo studio dei vermi per comprendere meglio i cambiamenti della salute umana nello spazio.

READ  Lo studio ha rilevato che circa 2,5 miliardi di dinosauri T-rex hanno calpestato la superficie terrestre
I paracadute vengono dispiegati dalla capsula SpaceX Dragon per rallentarne la discesa [NASA via AP Photo]

L’equipaggio ha iniziato il viaggio di ritorno di otto ore sulla Terra a Endeavour con un giro di 90 minuti intorno alla Stazione Spaziale Internazionale per catturare immagini, la prima missione del suo genere da quando una navicella spaziale russa Soyuz ha eseguito una manovra simile nel 2018.

Il drago, che volava per lo più in modo indipendente, ha una piccola finestra circolare nella parte superiore del portello anteriore attraverso la quale gli astronauti possono puntare le loro telecamere.

“Orgoglioso di rappresentare di nuovo la Francia nello spazio! La prossima tappa, la Luna?”, ha twittato Thomas Pesquet dell’Agenzia spaziale europea.

La capsula è rientrata nell’atmosfera a oltre 27.000 km/h (circa 17.000 mph), a quel punto le comunicazioni dell’equipaggio sono state perse per diversi minuti.

L’intenso attrito causato dalla capsula che affonda nell’atmosfera aumenta anche le temperature intorno all’esterno del veicolo a 3.500 F (1.927 C) e uno scudo termico protegge la capsula dalla combustione al rientro.

Le navi di recupero sono state mostrate dirigersi verso l’impermeabile Crew Dragon mentre dondolavano nell’acqua. La NASA ha detto che gli astronauti e la loro capsula dovrebbero essere sollevati dal mare entro circa un’ora.

La partenza dell’equipaggio è stata ritardata di un giorno a causa del forte vento.

Il maltempo e quello che la NASA ha definito un “problema medico minore” ha anche ritardato il lancio del prossimo gruppo di astronauti – Crew 3 – che dovrebbe partire mercoledì.

Fino ad allora, ci saranno solo tre astronauti sulla ISS: due russi e un americano.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x