L’erede d’Italia accusa Sting di calunnia, scuse esplicite

L’erede del defunto Duca, che ha venduto la sua azienda vinicola Sting in Toscana 25 anni fa, ha detto che il cantante ha ricevuto un tono costante con scuse zoppe per i commenti che la famiglia considera vergognosi.

La polemica sulle celebrità si è diffusa sulle pagine dei giornali italiani. Sting ha dichiarato a Sette Weekly il 13 agosto di essere stato convinto ad acquistare la cantina Palagio vicino a Firenze nel 1997 dopo aver assaggiato un “eccellente” bicchiere di vino rosso offerto dal proprietario Simone Vincenzo Velluti Zati di San Clemente. Tuttavia, il cantante ha affermato che in seguito si è scoperto che il vino era Barolo della regione italiana del Piemonte e non della locale regione toscana del Chianti.

La rivista ha definito la mossa una “bufala” e ha affermato che il cantante è stato “truffato” nell’acquisto.

Sting, nell’intervista, ha detto di aver realizzato la verità sulle origini del vino solo dopo aver acquistato la proprietà del Palagio, compresi i vigneti, e ha notato che gli ospiti versavano il Palagio rosso nella boscaglia invece di berlo. Ha detto che lui e sua moglie hanno insistito per “vendicarsi” di se stessi producendo “ottimo vino anche dai vigneti del Pallagio”.

Il figlio di 45 anni del duca, morto nel 2012 all’età di 86 anni, ha scritto un lungo e pungente rimprovero alle accuse di Sting, definendole “un calunnioso, tossico e decisamente falso”.

Simone Vincenzo Velluti Zati ha detto che era del tutto possibile che suo padre fosse morto per Barolo in Chianti, e ha detto che l’uso dell’intervista e dell’aneddoto da parte di Sting per promuovere una nuova pizzeria biologica nella tenuta era di “cattivo gusto”.

READ  I pavoni stanno causando grossi problemi nelle città di Los Angeles, la loro versione delle cicale

Velotti Zatti ha detto nella sua lettera che le accuse di Sting “non solo rispondono alla verità, ma danneggiano la memoria e la reputazione di mio padre”.

Sting ha risposto con una lettera del 24 agosto, ottenuta dall’Associated Press, in cui ha offerto le sue “sincere e chiare scuse”, riconoscendo che la storia “è stata segnalata come irrispettosa nei confronti della memoria del tuo stimato padre”.

Sting ha descritto il Duca come un “uomo onesto, che non mi ha mai tratto in inganno” e ha detto che il racconto era autoironico, sottolineando il fatto che 25 anni fa non era in grado di “distinguere il Barolo da una saponetta”.

Martedì Velotti Zatti ha dichiarato all’Associated Press che le scuse erano una “misura necessaria” da parte del cantante e non erano convincenti. Non ha ancora deciso se intraprendere ulteriori azioni.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x