L’esercito polacco dispiegato al confine con la Bielorussia tra un numero crescente di migranti | Notizie Polonia

Più di 900 soldati polacchi stanno partecipando all’operazione, che arriva dopo che i membri dell’Unione Europea hanno accusato Minsk di aver aperto i cancelli.

La Polonia ha schierato centinaia di soldati per sostenere le sue guardie di frontiera al confine con la Bielorussia mentre un’ondata di rifugiati e migranti cerca di entrare nel paese.

Il ministro della Difesa Mariusz Blaszczak ha dichiarato mercoledì che più di 900 soldati polacchi hanno preso parte all’operazione.

Resta inteso che la maggior parte dei rifugiati e dei migranti che cercano di attraversare provengono dall’Iraq.

Martedì, il viceministro degli interni polacco ha twittato che il confine con la Bielorussia è chiuso e che i soldati sono lì da una settimana.

La Polonia, come la Lituania e altri stati baltici, accusa il governo autoritario del presidente bielorusso Alexander Lukashenko di inviare persone attraverso i suoi confini.

Credono che le mosse di Minsk siano una rappresaglia.

L’Unione Europea ha imposto sanzioni alla Bielorussia a seguito delle contestate elezioni presidenziali dello scorso anno, ritenute fraudolente dall’Occidente, nonché di una dura repressione dei manifestanti bielorussi.

Mercoledì i ministri dell’UE hanno anche tenuto colloqui di emergenza “per definire misure concrete e forme di assistenza per i paesi colpiti nella gestione e nel contenimento degli attraversamenti illegali al confine con la Bielorussia, nonché sull’aspetto della sicurezza di questa parte delle frontiere esterne dell’UE”. Lo ha affermato la presidenza slovena dell’Unione europea.

Più di 4.100 rifugiati e migranti sono arrivati ​​in Lituania finora quest’anno [File: Mindaugas Kulbis/AP]

Più di 4.100 rifugiati e migranti sono arrivati ​​in Lituania finora quest’anno e sono stati ospitati in campi di fortuna in tutto il paese.

Il servizio di guardia di frontiera lituano ha rilasciato mercoledì un video in cui affermava di aver rivelato che la polizia antisommossa bielorussa stava spingendo i migranti oltre il confine nel territorio dell’Unione europea.

READ  Scontri tra fazioni palestinesi rivali che protestavano contro l'uccisione di un attivista | Notizie della Cisgiordania occupata

Dopo i colloqui di mercoledì con il primo ministro lituano Ingrida Simonetti, il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha accusato Lukashenko, un tempo definito l’ultimo dittatore d’Europa, di “sfruttare questi poveri, uomini e donne”.

Ho visto questi atti vergognosi quando i funzionari spingono le persone oltre il confine. “E’ una questione di diritti umani, e anche una questione di protezione dei confini dell’Ue”, ha detto Sassoli. “È un’attività organizzata del regime di Lukashenko”.

Alla vigilia dell’incontro, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il primo ministro estone Kaja Kallas Lukashenko hanno accusato Lukashenko di aver lanciato un “attacco ibrido” contro il blocco di 27 nazioni indirizzando i migranti in Lituania, Lettonia, Estonia e Polonia in risposta alle sanzioni dell’UE.

“Siamo d’accordo che questa è un’aggressione ibrida che usa gli umani”, ha detto Merkel dopo i loro colloqui a Berlino.

“Questa non è una crisi dei rifugiati, ma un attacco ibrido all’Unione europea”, ha detto Kallas.

La Merkel ha detto che venerdì solleverà la questione con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x