L’esperimento sociale danese fallito perseguita i sopravvissuti della Groenlandia che sono stati portati via dalle loro famiglie 70 anni fa

Attenzione: questa storia contiene dettagli angoscianti.

Helen Thiessen dice di essersi bloccata quando è arrivato il momento di dire addio a sua madre mentre si imbarcava sulla MS Disko che salpò da Nuuk, in Groenlandia, verso la Danimarca nel 1951.

“Ho pianto e pianto – non riuscivo a capire perché mia madre mi ha lasciato andare”, ha detto Thiessen, 77 anni, che ora vive a Stinsved, una città nel sud della Danimarca.

Aveva solo sette anni quando le autorità danesi portarono lei e altri 21 bambini Inuit groenlandesi a Fedgaarden, un campo di villeggiatura danese che era stato utilizzato per mesi come una sorta di collegio.

Lì i bambini impararono il danese e furono costretti a smettere di parlare in Groenlandia.

Nel 1952, i bambini fecero ritorno in Groenlandia, ma la Thyssen non tornò mai a casa, a quel punto non riusciva più a capire la sua lingua madre.

“Penso che sia molto importante che tutte le persone nel mondo sappiano cosa sono [did] noi e le nostre famiglie. Hanno rovinato le nostre vite… per sempre”, ha detto Thyssen a Matt Galloway della CBC Regalo.

Thiessen, 77 anni, non era più in grado di capire la sua lingua madre quando abbandonò la scuola nel 1952. (Helen Thiessen/Facebook)

Thiesen faceva parte di un progetto volto a spogliare i bambini delle loro identità culturali per plasmarli”.Piccoli danesi. La Groenlandia è stata una colonia danese fino al 1953.

Il fallito esperimento sociale è una parte oscura della storia danese che risuona in Canada mentre questo paese continua il triste compito di rintracciare centinaia di potenziali cimiteri vicino ai collegi dove sono stati mandati i bambini aborigeni.

governo danese Si è scusato per le sue azioni storiche Nel 2020 dopo anni di stress. Ma finora non c’è stato alcun movimento verso una compensazione o un più ampio processo di riconciliazione.

Lo scorso dicembre, i sopravvissuti all’esperimento hanno presentato una richiesta di risarcimento – per 250.000 corone, o circa 38.000 dollari ciascuno – presso il tribunale distrettuale di Copenaghen, accusando lo stato danese di aver violato le leggi e le leggi sui diritti umani.

shock della scoperta

Da bambina, dice Thiessen, piangeva e chiedeva più e più volte: “Perché?”

Ha scoperto la verità solo quando aveva 46 anni, si è sposata e ha avuto due figli in Danimarca.

Un gruppo di bambini Inuit della Groenlandia che hanno partecipato a un esperimento danese incontra la regina Ingrid di Danimarca nel 1951. (Fornito da Save the Children Danimarca)

Thiessen afferma che nel 1996 lo scrittore danese Tyne Pride telefonò con notizie devastanti.

“È stata un’esperienza”, ha detto a Thiessen, che ha detto che le parole hanno fatto crollare il suo corpo a terra mentre cercava di assorbire il “trauma più grande” della sua vita.

“Ho iniziato a piangere e piangere e piangere – non riuscivo a smettere”, ha detto Thiessen.

Paura delle autorità

Il giorno in cui sono arrivate le autorità danesi, Thiessen dice di ricordarsi di averle chiesto: “Ricordo che hanno chiesto a mia madre…” Quale è più intelligente in [speaking] Danese? “

Tessin dice che sua madre appena vedova, che ha altri due figli, ha cercato di rifiutare ma le è stato promesso che sua figlia avrebbe ricevuto un’istruzione migliore.

Gli esperti dubitano che tutti i genitori abbiano persino capito cosa stavano acconsentendo, dati i problemi di lingua, e affermano che rifiutare le autorità danesi sarebbe stato difficile per la vedova groenlandese.

Carla Jessen-Williamson è groenlandese, assistente professore di istituzioni educative presso l’Università del Saskatchewan a Saskatoon e membro della Commissione per la riconciliazione della Groenlandia.

Carla Jessen-Williamson è professoressa di istituzioni presso l’Università del Saskatchewan e membro della Commissione per la riconciliazione della Groenlandia. È stata anche la prima donna Inuit a ricoprire il ruolo di direttore esecutivo dell’Arctic Institute of North America. (Possibilità Lagaden/CBC)

“All’epoca, le autorità erano autorità, come avveniva in Canada. La stessa paura c’era”, ha detto Williamson.

Ma la donna Caliq dice, almeno ora in Canada, c’è un movimento verso la riconciliazione con i popoli indigeni. Ha detto di aver lasciato la Danimarca per sfuggire all'”ignoranza” e al “razzismo”.

Il popolo Inuit condivide somiglianze culturali e linguistiche. Hanno anche sperimentato tattiche coloniali simili in Groenlandia e Canada. Williamson afferma che la rimozione e “l’educazione” dei bambini è stata fatta per accelerare il processo di assimilazione.

“Lo scopo di questi bambini sperimentali era quello di tornare nelle loro comunità e guidare il processo di assimilazione”, ha detto Williamson.

All’età di undici anni negli anni ’60, la stessa Williamson era uno dei tanti bambini della Groenlandia mandati a scuola in Danimarca e visse per un anno con una famiglia di contadini.

“Ti senti sempre nostalgia di casa e così sola. Ho battuto gli scolari danesi nei compiti, ma per alcuni la stessa esperienza è stata un disastro. Ha distrutto alcuni bambini”.

I bambini nell’esperienza “Little Danes”.

Mentre Williamson è andato a casa, questa non è stata l’esperienza di bambini di età compresa tra cinque e nove anni in un processo approvato nel 1950.

Il piano era quello di utilizzare gli orfani, ma i bambini finirono per essere inclusi con un genitore deceduto.

Thyssen, secondo da sinistra, sorride con altri che facevano parte dell’esperimento del governo danese che negli anni ’50 cacciò i bambini della Groenlandia dalle loro case e cercò di accelerare il processo di assimilazione. (Fornito da Helen Thiessen)

Theissen dice che nel campo in Danimarca dove hanno vissuto per la prima volta, hanno cantato canzoni danesi e sono stati puniti per aver parlato groenlandese. Una volta tornati in Groenlandia, sono stati portati in un orfanotrofio gestito dalla Croce Rossa danese a Nuuk, dove hanno giocato solo con bambini danesi.

Nel 1960 avevano tutti lasciato l’orfanotrofio.

Secondo Thiessen, solo sei dei 22 bambini che hanno preso parte al processo sono sopravvissuti, molti dei quali soffrivano di malattie mentali o problemi di abuso di sostanze.

Dei sopravvissuti, cinque ora vivono in Danimarca e uno nelle Isole Faroe, situate tra l’Islanda e la Norvegia.

Aja Chemnitz Larsen è uno dei due politici eletti che rappresentano la Groenlandia nel parlamento danese. Ho fatto pressioni a lungo per la responsabilità di quello che è successo a Thiesen e ad altri bambini groenlandesi che hanno passato la vita lottando per riconquistare la propria identità. (Steen Brugard)

Aja Chemnitz Larsen è uno dei due politici eletti che rappresentano la Groenlandia nel parlamento danese.

Ho fatto pressioni a lungo per la responsabilità di quello che è successo a Thiesen e ad altri bambini groenlandesi che hanno passato la vita lottando per riconquistare la propria identità.

“Sappiamo che quello che è successo in quel momento era completamente sbagliato”, ha detto Larsen.

Ha detto che mentre la maggior parte dei groenlandesi conosce la storia dell’esperienza, la maggior parte delle persone in Danimarca è ignara.

La Danimarca dice che dovrebbe imparare dagli errori del passato

La Groenlandia ha ottenuto l’autogoverno nel 1979, ma fa ancora parte del Regno di Danimarca che per primo colonizzò l’isola più grande del mondo nel 19° secolo. Otto anni fa, la Groenlandia ha avviato un processo di riconciliazione, simile a quelli utilizzati in Canada e Sud Africa, ma i suoi risultati sono stati ampiamente ignorati dal governo danese.

Williamson afferma che il governo danese è interessato alle risorse della Groenlandia, non alla sua gente.

“Non hanno idea di cosa fare con gli Inuit”, ha detto.

Williamson è stata la prima donna eschimese a ricoprire il ruolo di direttore esecutivo dell’Arctic Institute of North America, con sede presso l’Università di Calgary, e afferma che, nonostante le mosse di Norvegia e Finlandia verso la riconciliazione, il governo danese è diffidente nei confronti di qualsiasi operazione che possa scuotere la Danimarca rivendicare le risorse della Groenlandia, il che deriva dal fatto che i Vichinghi una volta vivevano lì.

“Lo temono molto”, ha detto Williamson.

La CBC ha richiesto un colloquio con il ministro degli Affari sociali Astrid Cragg e ha ricevuto una dichiarazione via e-mail.

Un gruppo di bambini della Groenlandia viene accolto dalla regina Ingrid di Danimarca nel 1951. (Fornito da Save the Children Danimarca)

“L’aspetto più importante per il governo danese era offrire scuse formali ai bambini ormai adulti e alle loro famiglie per il tradimento che avevano subito. Questo è stato un passo importante verso la correzione del fallimento del governo; una responsabilità che nessun governo precedente aveva. “

“Il governo e io crediamo che riconoscere gli errori del passato sia di per sé fondamentale e dobbiamo imparare da essi in modo che la storia non si ripeta”, ha continuato la dichiarazione di Cragg.

Perso il contatto con la famiglia

Per Thiesen, è importante che il mondo sappia cosa le è successo 70 anni fa.

Ha scritto un diario che illustra il giorno in cui è tornata a Knock e ha visto sua madre per 10 minuti strazianti sul marciapiede, prima di essere portata in un autobus rosso in un orfanotrofio. Fu l’ultima e unica volta che vide sua madre dopo essere stata mandata in Danimarca.

“Ho visto mia madre, il mio fratellino e mia sorella maggiore – ero così felice di abbracciarli e parlare di tutte le cose che avevo visto e imparato in Danimarca – e l’ho guardata e lei non mi ha capito. Mi ha guardato ed è rimasta scioccata dal fatto che non riuscissi a capirla affatto. Mi parlava in groenlandese”.

Thyssen si sforza in inglese di descrivere il dolore che ha provato, mentre registrava la perdita.

Ha detto: “Mi dispiace così tanto. Mi dispiace così tanto. Mi dispiace così tanto”.

Thyssen affiancata dalla sorella maggiore, a sinistra, e dal fratello minore in posa con lo zio in questa foto non datata. (Helen Thiessen)


In Canada, il supporto è disponibile per chiunque sia colpito dai collegi. La National Residential Indian Schools Crisis Line è stata istituita per fornire supporto agli ex studenti e alle altre persone colpite. Le persone possono accedere ai servizi di riferimento emotivi e di crisi chiamando la National Crisis Line attiva 24 ore su 24: 1-866-925-4419.


Scritto da Yvette Brende. Prodotto da Matt Muse.

READ  La moglie di Kim Corea del Nord appare pubblicamente per la prima volta in un anno | Notizie di politica

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x