L’Europa si muove per proteggere l’economia da possibili sanzioni russe

(Bloomberg) – I paesi dell’Unione Europea, tra cui Germania, Francia e Italia, stanno facendo pressioni sul blocco a porte chiuse per trovare modi per proteggere le loro economie nel caso in cui l’alleanza occidentale imponga sanzioni alla Russia per la sua aggressione legata all’Ucraina.

Il governo del primo ministro Mario Draghi è in trattative con i partner dell’UE su come mitigare l’impatto delle misure punitive che potrebbero avere sui settori chiave dell’economia italiana, comprese le discussioni sulle potenziali esenzioni del settore energetico da alcune delle misure finanziarie in discussione, secondo le persone familiarità con i colloqui.

Anche Germania e Italia hanno cercato di proteggere i loro settori bancari, con Roma che suggerisce invece di prendere di mira gli individui piuttosto che ampi settori dell’economia russa, hanno affermato le persone, che hanno chiesto di non essere identificate perché le conversazioni sono private.

I colloqui arrivano giovedì quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito che la possibilità di un’incursione russa in Ucraina era “estremamente alta”, nonostante le ripetute assicurazioni da parte di Mosca che non aveva intenzione di un’invasione. Il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, ha affermato che un pacchetto completo di sanzioni dell’UE è pronto e ha ricevuto il sostegno unanime dei 27 Stati membri dell’UE.

pacchetto duro

“Abbiamo preparato un pacchetto molto difficile”, ha detto Borrell prima di una riunione di emergenza dei leader dell’UE a Bruxelles, aggiungendo che avrebbe convocato “immediatamente” una riunione per la sua adozione formale, se necessario. “L’energia sarà una delle questioni più importanti in questo pacchetto”, ha aggiunto.

Germania, Francia, Paesi Bassi e Polonia sono tra i paesi dell’Unione Europea che hanno espresso preoccupazione per le conseguenze delle sanzioni su alcuni settori, tra cui energia, materie prime e banche. La Russia è il più grande esportatore di gas naturale d’Europa, con circa un terzo delle sue esportazioni che scorre attraverso i gasdotti ucraini.

READ  "In Love with San Jose": la visione di Gary DeLabo per rivitalizzare il centro cittadino

Una persona ha affermato che l’Italia ha inviato il mese scorso un non-paper alla Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE che si sta preparando a possibili sanzioni contro il blocco, sottolineando le preoccupazioni di Roma su come le misure potrebbero influenzare la sua economia.

Roma ha anche enfatizzato il suo settore del welfare, poiché teme ritorsioni russe con sanzioni piuttosto che restrizioni alle esportazioni, secondo il popolo. La gente ha detto che l’Italia aveva chiesto alla commissione di lavorare su un meccanismo di compensazione per allentare le sanzioni contro i paesi dell’UE.

gas russo

L’Italia è fortemente dipendente dai flussi di gas russi e la sua economia sarà colpita dalle sanzioni che colpiscono il commercio.L’Italia è il settimo fornitore più grande della Russia, con flussi commerciali che hanno raggiunto oltre 20 miliardi di euro (23 miliardi di dollari) l’anno scorso, secondo i dati del Ministero degli Esteri italiano. .

L’UE ha evitato di condividere i dettagli del pacchetto di sanzioni con tutti i suoi membri insieme, preferendo consultarsi in piccoli gruppi per evitare disaccordi. Un funzionario dell’UE ha affermato che i leader del vertice di giovedì non discuteranno in dettaglio le sanzioni.

Draghi ha detto alla fine dell’incontro che i paesi della NATO dovrebbero rimanere uniti su quali azioni intraprenderanno contro la Russia in caso di invasione.

“Dobbiamo mantenere forte la nostra strategia di deterrenza, in modo da non mostrare alcuna debolezza”, ha detto Draghi. “Non possiamo abbandonare i principi fondanti della NATO”.

© Bloomberg LP 2022

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x