L’Eurovision “si dirige verso il Regno Unito” mentre gli organizzatori aprono i colloqui della BBC

L’organizzatore della competizione ha affermato di essere in trattative con la BBC per un “possibile hosting” dell’evento del 2023, dopo aver concluso che la competizione del prossimo anno non può tenersi in Ucraina.

La voce ucraina della Kalush Orchestra ha vinto quest’anno il concorso a Torino, in Italia, ed è consuetudine che il paese vincitore ospiti l’evento l’anno successivo.

Tuttavia, l’Unione europea di radiodiffusione (EBU) ha affermato che dopo aver condotto una “valutazione completa e studio di fattibilità”, ha concluso che le “garanzie di sicurezza e operative” richieste per ospitare l’evento non possono essere raggiunte dall’emittente pubblica ucraina UA:PBC.

Se il Regno Unito ospiterà la competizione nel 2023, sarà la nona volta che si terrà qui, più di qualsiasi altro paese. Si è tenuto presso la NIA di Birmigham nel 1998, quando Dana International è arrivata prima. In una dichiarazione, la European Broadcasting Union ha ringraziato UA:PBC per la sua “sincera collaborazione e impegno nell’esplorazione di tutti gli scenari”, ma ha condiviso la sua “tristezza e delusione” per il fatto che la competizione non si sarebbe potuta tenere nel paese.

“La European Broadcasting Union ha supportato UA:PBC in un’intera gamma di regioni sin dall’invasione. Faremo in modo che questo supporto continui in modo che UA:PBC possa mantenere il servizio indispensabile che fornisce agli ucraini”.

“A seguito di questa decisione, in conformità con le regole e per garantire la continuità dell’evento, la European Broadcasting Union avvierà ora le discussioni con la BBC, seconda classificata di quest’anno, per ospitare l’Eurovision Song Contest 2023 nel Regno Unito.

Il britannico Sam Ryder ha guidato il voto della giuria a Torino, ma la Kallush Orchestra ha continuato a vincere in generale dopo che una dimostrazione pubblica di sostegno l’ha vista salire al numero uno con 631 punti. Sono stati i primi dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, spingendo le autorità di regolamentazione a impedire al concorrente russo di competere.

Downing Street ha accolto con favore la possibilità che il Regno Unito ospiti l’Eurovision se l’Ucraina non può.

Un portavoce n. 10 ha dichiarato: “La vittoria dell’Ucraina all’Eurovision Song Contest è stata un grande diritto e, in quanto legittimo vincitore, era il desiderio di lunga data del governo di ospitare lì la competizione del prossimo anno. Se l’EBU decide che la competizione non può continuare in Ucraina, ovviamente accogliamo con favore l’opportunità di lavorare a stretto contatto con l’Ucraina e la BBC per ospitarlo qui nel Regno Unito, ma ci impegneremo a garantire che ciò rifletta ampiamente la ricca cultura, il patrimonio e la creatività dell’Ucraina, oltre a costruire sulla partnership in corso tra i nostri due paesi”.

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha immediatamente offerto Glasgow come potenziale città ospitante.

La BBC ha dichiarato in una nota: “Abbiamo visto l’annuncio della European Broadcasting Union. È chiaro che questo non è un insieme di circostanze che nessuno vorrebbe.

“A seguito della loro decisione, discuteremo ovviamente dell’hosting da parte della BBC dell’Eurovision Song Contest”.

Katrina Liskanesh di Katrina and the Waves, l’ultima partecipante britannica a vincere l’Eurovision con la sua canzone Love Shine A Light nel 1997, ha twittato: “Sono praticamente isterica per l’annuncio che il Regno Unito potrebbe ospitare #Eurovision”.

Lo status di secondo classificato del Regno Unito è stato messo in discussione dopo la Grand Final, quando è emerso che gli organizzatori avevano sostituito i risultati della giuria in sei paesi con risultati complessivi dopo aver notato “modelli di voto irregolari”.

I risultati per Azerbaigian, Georgia, Montenegro, Polonia, Romania e San Marino sono stati sostituiti da EBU.

Alcuni di questi paesi hanno poi affermato che il secondo posto sarebbe andato invece alla Spagna con la performance di SloMo di Chanel.

Ma dopo l’indagine, l’EBU ha rispettato la sua decisione e ha confermato Ryder come secondo classificato.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x