L’ex concorrente di “Apprentice” Zervos fa causa a Trump

NEW YORK – Un ex concorrente di “Apprendista” che ha accusato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump di aggressione sessuale ha lasciato cadere una causa per diffamazione contro di lui venerdì.

Summer Zervos ha citato in giudizio l’allora presidente nella corte dello stato di New York nel 2017, dicendo che ha danneggiato la sua reputazione quando ha detto che lei e altre donne che accusavano aggressioni sessuali e molestie stavano inventando le cose.

Il deposito di venerdì ha affermato che il caso è stato archiviato e sospeso a causa di pregiudizi, il che significa che Zervos non può portare la stessa causa in tribunale statale in futuro. Il deposito ha anche affermato che ciascuna parte è responsabile delle proprie spese.

Zervos ha accusato Trump di baciarla e toccarla contro la sua volontà nel 2007, e ne ha parlato durante la campagna presidenziale del 2016. Ha negato le accuse.

Gli avvocati di Zervos, Beth Wilkinson e Moira Penza, hanno dichiarato in dichiarazioni che “dopo cinque anni, la signora Zervos non voleva più citare in giudizio l’imputato e gli è stato dato il diritto di parlare liberamente della sua esperienza”.

“Zervos sostiene le accuse contenute nella sua denuncia e non ha accettato alcun risarcimento”, hanno detto.

L’avvocato di Trump, Alina Heba, ha definito “saggia” la decisione di Zervos di abbandonare il caso.

“Non aveva altra scelta che farlo perché i fatti rivelati in questa faccenda hanno chiarito che il nostro cliente non ha fatto nulla di male”, ha affermato la dichiarazione di Heba.

“È triste che succedano cose del genere, ma è molto importante che lottiamo per la verità e la giustizia. Solo la vittoria può ripristinare la propria reputazione!” Trump ha detto nella sua dichiarazione.

READ  Immagini: l'esercito del Myanmar prende il potere | Galleria di notizie

Il mese scorso, Heba ha chiesto alla corte il permesso di presentare una domanda riconvenzionale contro Zervos. Le due parti avrebbero dovuto completare i briefing entro il 23 dicembre.

L’Associated Press generalmente non identifica le persone che affermano di essere state aggredite sessualmente, a meno che non si siano fatte avanti, come ha fatto Zervos.

var addthis_config = {services_exclude: "facebook,facebook_like,twitter,google_plusone"}; jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '404047912964744', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); }; requiresDependency('https://s7.addthis.com/js/250/addthis_widget.js#async=1', function(){ addthis.init(); }); var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x