― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentL'hotspot turistico italiano vuole vietare Airbnb

L’hotspot turistico italiano vuole vietare Airbnb

Julia Buckley, CNN

(CNN) – Mentre l’overtourism continua a esercitare pressioni sull’Europa e gli affitti a breve termine aumentano per accogliere i visitatori, le città di tutto il continente notano sempre più che i residenti sono sotto pressione.

Ora, una delle più grandi destinazioni turistiche d’Europa sta entrando in azione. La città di Firenze ha annunciato l’intenzione di vietare nuovi affitti a breve termine come Airbnbs.

La nuova legislazione, che sarà votata mercoledì prossimo e dovrebbe entrare in vigore entro novembre, vieterebbe che altri immobili nel centro storico della città vengano registrati come affitti a breve termine.

Il sindaco di Firenze Dario Nardella ha affermato in una dichiarazione condivisa con la CNN che la legislazione “estremamente importante” affronta “l’emergenza di una completa deregolamentazione”.

Ha aggiunto: “Stiamo assistendo a una crescita graduale del flusso turistico, diventata più evidente dopo la pandemia”.

Secondo i dati del Comune, il 75% degli affitti brevi a Firenze sono concentrati in appena il 5% del territorio comunale, ovvero l’area della città. Centro Storicola culla del Rinascimento e A Sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. La legislazione mira ad affrontare quel 5%.

Se approvata, la legislazione vieterebbe la registrazione di nuovi affitti a breve termine in centro. Inoltre, nel tentativo di incentivare i contratti residenziali, qualsiasi proprietario che converta Airbnbs in affitti residenziali a lungo termine sarà esente dalle tasse sulla proprietà dell’edificio per tre anni.

La legge non sarà retroattiva, quindi chiunque abbia un contratto di locazione a breve termine potrà mantenerlo. Dall’annuncio del trasloco sono state effettuate circa 4.000 nuove registrazioni. Secondo i media locali. Alcuni di loro già lavoravano illegalmente; Altri stanno inviando richieste per piani Airbnb per le loro future proprietà.

READ  Alessandra Demattis entra in DeAPlaneta Entertainment come Head of Media Sales per la divisione Kids & Family in Italia

Nardella ha detto che le autorità stanno adottando misure per proteggere il patrimonio mondiale di Firenze.

“Stiamo imponendo un divieto minore nell’area UNESCO per adempiere alle nostre responsabilità di proteggere l’identità culturale e fisica dell’UNESCO”. Centro StoricoE per mitigare l’impatto degli aumenti degli affitti in tutta la città, che sono direttamente collegati al boom degli affitti turistici a breve termine.

Invitando il governo ad emanare urgentemente una legislazione nazionale, Nardella ha affermato che le autorità fiorentine “si sono rimboccate le maniche perché da tempo chiedevamo una regolamentazione e questo non è mai avvenuto”.

Ha aggiunto: “Non possiamo guardare”. Centro Storico Sta cambiando e non possiamo affrontare tutti i problemi dei cittadini che non riescono a trovare un appartamento in affitto.

“Di fronte all’inerzia del governo e del Parlamento è nostro dovere agire per porre fine a questa emergenza sociale”.

Non tutti sono felici. Lorenzo Massi, consigliere comunale del partito populista Movimento Cinque Stelle, si è chiesto cosa accadrebbe a chi non affitta [property] Affittano ad esempio in modo imprenditoriale una stanza nella casa in cui vivono, in molti casi per compensare i costi.

“Avremo bisogno di piani che includano questo tipo di situazione, in cui i gruppi più svantaggiati non siano paragonati a quelli che operano esclusivamente a livello aziendale”, ha affermato in una nota.

“Riconosciamo le sfide che devono affrontare le città storiche di tutta Italia e vogliamo aiutare”, ha detto alla CNN un portavoce di Airbnb. Abbiamo proposto norme nazionali per gli affitti a breve termine in Italia che siano chiare e facili da seguire e che garantiscano una condivisione responsabile della casa in ogni città e paese.

READ  Finale Sanremo Giovanni: giovedì 17 dicembre su Rai1, Radio2 e RaiPlay

Segui i soldi

Per alcuni, le proposte non sono abbastanza lungimiranti. “Quello che ha fatto il sindaco è grandioso, ma senza controlli non basta”, ha detto Veronica Grecchi, proprietaria del Velona’s Jungle B&B, alla periferia del centro di Firenze. Grecci descrive il modo in cui gran parte del settore degli affitti a breve termine viene gestito come “poco professionale e predatorio”, con molti proprietari che gestiscono gli affitti senza dichiararli alle autorità.

Greshi – che dice che quando recentemente ha cercato una donna delle pulizie, le aziende si sono offerte di lavorare con lei a condizione che pagasse l’80% in contanti, dichiarando solo il 20% al fisco – dice che se le autorità avessero condotto controlli sulla proprietà e rintracciato il denaro, il numero di Airbnb diminuirebbe, naturalmente.

“Lo fanno tutti [rent short-term] Adesso perché è facile e non costa nulla. Se riesci a convincere le persone a farlo in modo professionale, i numeri [of Airbnbs] Crollerebbe immediatamente, perché sarebbe inutile che lo facessero.

Cresce l’opposizione ad Airbnb

Firenze è l’ultima destinazione che cerca di arginare la crescente ondata di Airbnbs.

New York City Ha introdotto quello che Airbnb considera un “divieto di fatto” sugli affitti a breve termine. Le proprietà possono essere registrate per affitti inferiori a 30 giorni solo se l’ospite abita nella proprietà contemporaneamente agli ospiti e non possono essercene più di due.

Anche il Portogallo si è sviluppato Nuove leggi sulla casa Quest’estate, che ha gettato incertezza sugli affitti a breve termine.

Ad Amsterdam, i proprietari possono affittare immobili per un massimo di 30 giorni per anno solare, fino a un massimo di quattro ospiti alla volta.

READ  Joshua, Gabbi, Richard e Jodi forniscono ogni tour di arrivo della "UMH: Europe Experience"

A Berlino è possibile affittare interi immobili a breve termine per un massimo di 90 giorni all’anno.

Filo della CNN
™ & © 2023 Cable News Network, Inc., una società della Warner Bros.. Scoperta. Tutti i diritti riservati.