L’idea di incontrare l’arbitro dopo la partita sta prendendo piede in Italia

La scorsa settimana, Arsene Wenger – attualmente capo dello sviluppo del calcio globale presso la FIFA – ha dichiarato a una conferenza arbitrale in Francia che gli arbitri dovrebbero tenere conferenze stampa post-partita.

“Sarebbe un buon modo per evitare una discussione e chiuderla prima che diventi un dibattito pubblico”, Wenger ha detto. “Dovremo avere il supporto degli arbitri, non so in che stato d’animo siano dopo le partite per poter esprimere la loro opinione”.

I potenziali benefici della posizione di Wenger possono essere visti a livello nazionale, con l’allenatore dell’Inter Miami Phil Neville che ha recentemente chiesto un'”intensa indagine” sugli arbitri della MLS dopo aver sentito che la sua squadra è stata tradita nelle partite consecutive.

“Andrò all’estremo: abbiamo barato a Portland e siamo stati di nuovo stasera (contro New York)” Neville ha detto. “Non voglio sembrare un record rotto ma c’è qualcosa di fondamentalmente sbagliato nel modo in cui gli arbitri si comportano con l’Inter Miami. Giochiamo in uno dei migliori campionati del mondo e ho avuto una grande esperienza, ma in Alla fine ho uno spogliatoio che fa domande vere e reali sull’integrità di questo campionato in termini di decisioni che prendiamo. Ci dovrebbe essere un’indagine su vasta scala sulle decisioni prese contro l’Inter Miami “.

Immagina che l’arbitro sia salito sul podio dopo quel sermone e abbia inviato domande su una cospirazione a livello di campionato contro Heron. La MLS potrebbe essere una vera pioniera qui, ma sembra che dovrà battere la Serie A.

In Italia, la Division One sta affrontando un fine settimana che ha visto quattro allenatori dare diversi cartellini rossi: Jose Mourinho della Roma, Luciano Spalletti del Napoli, Simone Inzaghi dell’Atalanta e Gian Piero Gasperini.

READ  AX1 ha nominato un Oscar per essere entrato nel Charlatan di Agnieszka Holland nel Regno Unito

Eccoli, organizzati per livello di commedia.

Allenatore cartellino rosso della Premier League

4. Il cartellino rosso di Gasperini vs. Udinese

(L’invio inizia alle 7:33 nel video)

Ha guidato l’Udinese per 1-0 mentre il tempo si avvicinava ai 90 minuti, e l’allenatore dell’Atalanta è stato ammonito mentre la sua squadra si preparava a difendere un calcio d’angolo. Un minuto dopo, c’era un’altra prenotazione e un cartellino rosso. Gasperini lascia il campo incredulo, e al 90+4 dei minuti di recupero l’Udinese trova il pareggio. È così divertente.

“Non ero arrabbiato con nessuno e non ho assolutamente idea del motivo per cui sto prenotando” Gasperini ha detto dopo la partita. “E’ venuto a prendermi, io non ho detto niente e poi c’è stato il rosso. Questo è un grosso problema per gli arbitri, perché nessuno dalla fascia laterale si è lamentato di nulla. Gli arbitri sono davvero un problema, non si spiegano mai, loro non prendere mai falli. Anche loro sono professionisti, quindi lasciate che sia professionista come noi e venite a parlare con i media, perché non ho idea di cosa pensasse di aver sentito o visto. È ora di smetterla di essere protettivo”.

3. Inzaghi contro il cartellino rosso. Juventus

https://www.youtube.com/watch?v=FaQDVPNK4_0

Nel derby d’Italia, l’allenatore dell’Inter ha usato una pettorina come bandiera di sfida dopo che il VAR ha dato un’ancora di salvezza alla Juventus all’87’: rosso diretto a Inzaghi per l’intercetto e Paulo Dybala ha trasformato il rigore per salvare la vecchia signora con un 1- 1 pareggio.

secondo Gazzetta dello sportI giocatori dell’Inter hanno affrontato nello spogliatoio l’arbitro Maurizio Mariani.

READ  La nuova prima fila irlandese con Andy Farrell apporta sette cambi durante il suo viaggio in Italia

2. Il cartellino rosso di Mourinho vs. Napoli

A Roma Mourinho è stato ammonito due volte per opposizione. Questa è la persona che l’ha licenziato. È divertente.

“Non ero contento della decisione dell’arbitro, ma non ho detto una parola”, ha detto Mourinho dopo la partita.

1. Carta Spalletti rossa vs. Roma

Questo è uno dei cartellini rossi del più grande manager di sempre. Terminato lo 0-0, Spalletti si è visto cercare per qualche secondo di attirare l’attenzione dell’arbitro. Quando l’arbitro ha finalmente deciso di guardare, Spalletti lo ha colpito con l’applauso più cocente che si possa mai vedere.

L’arbitro ha subito risposto con un rosso diretto, lasciando Spalletti lì con le mani in preghiera e lo sguardo fisso a mille metri di distanza per 10 secondi.

“Sono andato da lui per dirgli ‘Bravo'”, ha messo insieme tutto e mi ha mostrato il cartellino rosso. Ha detto Spalletti.

Ci sono state mosse in Italia per portare gli arbitri davanti alla telecamera. Lo scorso febbraio, Daniele Orsato – che ha diretto la finale di Champions League 2020 – è apparso sulla televisione italiana. Più di recente, il capo dell’Associazione arbitri italiani ha fatto una campagna per revocare il divieto agli arbitri di parlare con la stampa, ma finora non ci sono stati ulteriori progressi.

“Dicono che ci provano, ma non lo fanno, altrimenti sorgono problemi, credetemi”, ha detto Gasperini.

READ  Festeggia la luna di metà autunno all'Huntington - NBC Los Angeles

Sembra davvero vago, ma è così che i revisori lo adorano.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x