L’implementazione lenta del vaccino è il rischio maggiore per l’economia della zona euro: sondaggio Reuters | Reuters | Attività commerciale

Scritto da Richa Rebelo

BENGALORO (Reuters) – Un sondaggio Reuters sulle opinioni degli economisti ha mostrato che l’economia della zona euro si riprenderà a un ritmo molto più debole nel trimestre in corso rispetto a quanto previsto solo un mese fa, e ha indicato che un’implementazione più lenta del vaccino rappresenta il rischio maggiore nei prossimi tre mesi.

La Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno vaccinato con successo ampie fasce della loro popolazione, ma il lancio del vaccino nell’Eurozona, che è già pieno di problemi, ha affrontato più problemi di recente con l’aumento dei tassi di infezione.

E mentre un sondaggio Reuters del 12-15 aprile ha mostrato che il blocco è sul punto di uscire da una doppia recessione e crescere dell’1,5% in questo trimestre, si è registrato un forte calo dal 2,1% previsto a marzo e il consenso più basso da un sondaggio in ottobre.

Più del 90% degli economisti, o 38 su 42, che hanno risposto a una domanda aggiuntiva, ha affermato che il rischio più grande per quella prospettiva già modesta sarebbe una campagna di vaccinazione più lenta.

Di quegli economisti che hanno affermato che rallentare l’introduzione del vaccino era il rischio maggiore, l’85% ha abbassato o mantenuto le previsioni di crescita per il secondo trimestre.

“L’inizio del primo trimestre è dove le cose diventano più complesse per l’Europa e avranno un impatto negativo sulla prima metà dell’anno”, ha detto Evan Mamalit, capo economista per l’area dell’euro presso Société Générale Bank.

“Se l’introduzione dei vaccini non viene accelerata come ci aspettiamo, ciò potrebbe significare che la revoca delle restrizioni avverrà in una fase successiva e il ritorno alla situazione quasi normale dovrà essere ritardato ulteriormente”.

READ  Francia e Germania prevedono di spendere miliardi per riprendersi dalla pandemia

Grafici dell’indagine Reuters sull’economia della zona euro e previsioni della Banca centrale europea: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/polling/bdwvkbzgopm/Euro%20zone%20April%20EQ.PNG

Il conglomerato avrebbe dovuto espandersi del 2,3% nel terzo trimestre e dell’1,3% nel quarto trimestre, quasi invariato rispetto a marzo. Ma la gamma di aspettative per la crescita trimestrale ha mostrato guadagni inferiori.

Su base annua, l’economia della zona euro avrebbe dovuto crescere in media del 4,1% nel 2021, in calo rispetto al 4,3% previsto il mese scorso e la previsione più bassa da un sondaggio nell’aprile dello scorso anno.

Era anche inferiore alla previsione del Fondo monetario internazionale del 4,4%.

Per il 2022, la crescita era prevista al 4,1%, in calo dal 4,2%.

Si prevede che le tre maggiori delle 19 economie nazionali del blocco cresceranno a un ritmo molto più lento nel 2021 rispetto alle previsioni di gennaio.

Il consenso per la crescita in Germania è stato del 3,2%, dal 3,7% precedente, e le previsioni per Francia e Italia sono scese rispettivamente al 5,4% e al 4,1% dal 5,9% e dal 5,1%.

“Il nostro scenario della zona euro, basato su una revisione al ribasso nella prima metà dell’anno a causa dei danni dell’epidemia, seguita da una ripresa in estate, prevede una crescita più modesta per il 2021 e il 2022”, ha affermato Luis Harrow. Economista presso CA-CIB.

“Il divario di crescita tra la zona euro e le altre principali economie avanzate si sta allargando e la frammentazione all’interno della regione continua. Francia e Germania dovrebbero tornare al PIL pre-crisi entro la metà del 2022; è probabile che Italia e Spagna non siano in grado di raggiungere la fine del 2022. “

READ  Exor della famiglia Agnelli investe in un franchising di beni di consumo in Italia - WWD

Alla domanda sui rischi delle loro previsioni di inflazione per il prossimo anno, oltre l’80% degli economisti, ovvero 30 su 37, ha affermato di essere maggiormente orientato al rialzo.

Il consenso ha mostrato che l’inflazione è salita a una media del 2,1% nel quarto trimestre del 2021, ma rallenterà bruscamente il prossimo anno rispettivamente all’1,2%, 1,3%, 1,3% e 1,3% in ogni trimestre.

Grafico del sondaggio Reuters sulla crescita economica e le aspettative di inflazione dell’Eurozona: https://fingfx.thomsonreuters.com/gfx/polling/qzjpqzykqvx/Reuters%20poll%20graphic%20on%20Euro%20zone%20economic%20growth%20and%20inflation%20outlook. BNG

Alla domanda su quando la Banca centrale europea potrebbe iniziare a porre fine al suo programma di acquisti di emergenza in caso di pandemia, circa il 60% degli economisti, ovvero 21 su 37, ha dichiarato nel secondo trimestre del 2022 o successivamente.

Mentre il capo della banca centrale olandese, Klas Knott, ha affermato che la banca centrale inizierà a eliminare gradualmente i suoi acquisti di obbligazioni di emergenza nel terzo trimestre e li terminerà nel marzo 2022 secondo il piano, solo pochi economisti hanno affermato che l’inizio sarebbe la seconda metà. Dal 2021.

Andrew Cunningham, capo economista europeo di Andrew Cunningham, ha dichiarato: “L’economia della zona euro non si è ancora completamente ripresa dalla pandemia fino alla fine del 2022. La Banca centrale europea farà il possibile per rassicurare gli investitori che la banca ha abbastanza potenza di fuoco e resilienza. ” Capital Economics.

“Il modo migliore per fornire questa rassicurazione è estendere la durata del PEPP stesso”.

(Preparato da Richa Rebello, sondaggio di Indradip Ghosh e Vivek Mishra; a cura di Rahul Karunakar e Kathryn Evans)

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x