― Advertisement ―

spot_img

L'ultimo accessorio dell'estate? I cuscinetti auricolari ispirati a Trump invadono la Convention Nazionale Repubblicana – Nazionale

Sembra che Donald Trump possa ora aggiungere il titolo di "fashion influencer" al suo curriculum.L'ex presidente, anche se non particolarmente conosciuto come un fan...
HomeWorldL'imprenditrice Hala Tomasdóttir si prepara a diventare il prossimo presidente dell'Islanda |...

L'imprenditrice Hala Tomasdóttir si prepara a diventare il prossimo presidente dell'Islanda | Notizie sulle elezioni

Tomasdottir ha ricevuto il 34,6% dei voti per diventare la seconda donna presidente del paese nordico.

Hala Tomasdóttir, imprenditrice e investitrice, ha vinto le elezioni presidenziali islandesi, superando un folto campo di candidati in cui le donne erano tra le prime tre, ha riferito il servizio di radiodiffusione nazionale del paese.

La federazione ha dichiarato domenica che Tomasdóttir, 55 anni, è stato eletto alla carica cerimoniale con il 34,3% dei voti, battendo l'ex primo ministro Katrín Jakobsdóttir, che ha ricevuto il 25,2%, e Hala Hrund Lugadóttir, che ha ricevuto il 15,5%.

Tomasdottir è attualmente in congedo come CEO di The B Team, un'organizzazione globale senza scopo di lucro co-fondata dall'imprenditore britannico Richard Branson per promuovere pratiche commerciali umanitarie e incentrate sul clima, con uffici a New York e Londra.

Il presidente dell'Islanda ricopre una posizione prevalentemente cerimoniale nella repubblica parlamentare, agendo come garante della costituzione e dell'unità nazionale. Tuttavia, ha il potere di porre il veto sulla legislazione o di sottoporla a referendum.

Tomasdóttir ha condotto la campagna come qualcuno che è al di sopra dei partiti politici e può aiutare ad aprire discussioni su questioni chiave come l'impatto dei social media sulla salute mentale dei giovani, lo sviluppo dell'Islanda come destinazione turistica e il ruolo dell'intelligenza artificiale.

Sostituirà il presidente Gudni Johansson, che non ha chiesto la rielezione dopo due mandati quadriennali. Tomasdottir entrerà in carica il 1° agosto.

La seconda donna ad assumere la presidenza dell'Islanda

L’Islanda, una nazione insulare situata nell’Oceano Atlantico settentrionale, ha una lunga tradizione di elezione delle donne alle posizioni di vertice.

READ  Previsioni del fine settimana: più sole da un po' di intelligenza artificiale

Vigdis Finnbojadóttir è stata la prima donna a capo di un paese eletta democraticamente quando divenne capo di stato dell'Islanda nel 1980.

Negli ultimi anni il paese ha visto anche due donne ricoprire la carica di primo ministro, garantendo stabilità durante anni di disordini politici.

Johanna Sigurdardóttir è stata a capo del governo dal 2009 al 2013, dopo che la crisi finanziaria globale aveva devastato l'economia islandese.

Jakobsdottir, 48 anni, è diventato primo ministro nel 2017, alla guida di un’ampia coalizione che ha posto fine al ciclo di crisi che aveva portato a tre elezioni in quattro anni. Si è dimessa lo scorso aprile per candidarsi alle elezioni presidenziali.

In un paese con una popolazione di 380.000 abitanti, ogni cittadino che raccoglie 1.500 firme può candidarsi alla presidenza.

Sebbene Jakobsdottir sia stata talvolta vista come la favorita, gli osservatori politici hanno suggerito che il suo background come primo ministro potrebbe influenzarla.

Altri 13 candidati principali includono un professore di scienze politiche, un comico e un ricercatore sull'Artico e sull'energia.