L’incidente di Quartararo in MotoGP ad Aragon non ha cambiato la mia “strategia”

Quartararo è stato eliminato al primo giro quando ha colpito il posteriore di Marc Marquez dopo che il pilota Honda è scivolato in uscita dalla curva 3.

Bajnaya è arrivato secondo, 0,042 secondi dietro Inna Bastianini di Gresini dopo un emozionante duello, riducendo il suo deficit in campionato contro Quartararo a soli 10 punti con cinque gare dalla fine nel 2022.

Conoscendo la “grande occasione” offerta a Bagnaia dalla caduta di Quartararo, il pilota Ducati ammette di non aver cambiato il modo in cui ha affrontato la gara – aggiungendo che non lotterebbe duramente contro Bastianini se il suo futuro compagno di squadra dovesse sorpassare nell’ultimo giro.

“Onestamente, non ha cambiato la mia strategia”, ha detto Bajnaya dell’incidente di Quartararo.

“La mia strategia era quella di impostare il mio ritmo, giro dopo giro, perché all’inizio sentivo che il grip non era quello delle FP4.

“Ero calmo, stavo solo cercando di essere molto fluido con il gas, e poi ho iniziato a spremere un po’ di più, un po’ di più.

“E sapevo che in quella posizione c’era solo Enea, perché solo Fabio ed Enea avevano lo stesso passo durante la gara, quindi sapevo già che Enea era decisamente con me durante la gara.

“Ma non ha cambiato molte cose per me. Quando sono uscito dalla curva 7 ho guardato il grande schermo e ho visto che si era schiantato. Quindi, lo sapevo già.

“Oggi è stato molto importante non commettere errori, perché Fabio non è stato così fortunato e ci ha dato una grande opportunità per recuperare molti punti.

READ  Tacchinardi nomina la stella della Juve che farà la storia in Italia - Juvefc.com

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Foto di: Gold and Goose / foto di sport motoristici

“Era molto importante all’ultimo giro per finire la gara. Quando vedo e sento che Enea mi era così vicino, ho solo cercato di sentirmi a mio agio, di essere calmo e ho pensato che se mi avesse superato non l’avrei fatto rischio – finirei la gara nel miglior modo possibile.

“Se vedessi dei bug, dei bug, ci proverei [to overtake] Di ritorno.

“Ma non è andato negli ultimi giri, quindi alla fine sono contento del risultato. Oggi ho fatto del mio meglio e penso che abbiamo fatto una grande differenza rispetto agli altri oggi”.

Dopo aver vinto il Gran Premio di San Marino, quando ha chiuso il campionato con 30 punti di vantaggio, Bagnaia ha detto che avrebbe iniziato a pensare al titolo solo quando avrebbe staccato Quartararo di almeno 10 punti.

Ora che questa possibilità si è concretizzata, Bajnaya dice che ora si considererà un concorrente, ma cercherà comunque di non soffermarsi troppo su questo.

“Certamente ora è chiaro che siamo molto più vicini”, ha detto.

10 punti è la distanza più bassa che abbia mai ottenuto [to a championship leader] Dall’inizio della stagione.

“Quindi cercherò sicuramente di pensare al campionato, ma non troppo. Penserò solo al mio lavoro, so che non sarà facile in Giappone.

“Avremo meno tempo per testare la nostra bici, migliorare la nostra bici e sapere che abbiamo bisogno di più tempo per prepararci rispetto ad altre bici.

“Ma sono abbastanza sicuro che possiamo essere molto competitivi e cercherò di lavorare come facciamo e finire le gare nel modo che già conosciamo”.

READ  L'Italia batte San Marino nel warm up degli Europei 2020

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x