L’iniezione di vitamina C non previene la morte e la disfunzione d’organo nei pazienti con sepsi ricoverati in terapia intensiva | Ultime notizie per medici, infermieri e farmacisti

La somministrazione endovenosa di vitamina C a pazienti con sepsi nell’unità di terapia intensiva (ICU) non ha ridotto il rischio di morte o danno d’organo, secondo i risultati dello studio di fase III di LOVIT*.

I partecipanti a questo studio internazionale (35 ICU in Canada, Nuova Zelanda e Francia) erano 872 adulti (età media 65 anni) che sono stati ammessi in ICU per
24 ore a causa di infezione confermata o sospetta e che stavano ricevendo vasopressori. sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere infusioni di vitamina C per via endovenosa (50 mg/kg) o placebo ogni 6 ore per:
96 ore mentre erano in terapia intensiva.

La durata media della degenza in terapia intensiva è stata di 6 giorni e la durata media del ricovero è stata di 16 giorni. I punteggi medi di APACHE**II e SOFA** al basale erano rispettivamente di 24 e 10. La maggior parte dei pazienti (>70%) ha ottenuto un punteggio compreso tra 1 e 4 sulla scala dell’astenia clinica. Circa il 45-46% dei pazienti ha ricevuto glucocorticoidi e il 65-69% ha ricevuto ventilazione meccanica.

Il giorno 28, la morte o la disfunzione d’organo persistente*** è aumentata tra i pazienti che hanno ricevuto vitamina C rispetto al placebo (44,5% contro 38,5%; hazard ratio) [RR], 1,21, intervallo di confidenza al 95%, 1,04-1,40; p = 0,01). [N Engl J Med 2022;386:2387-2398]

Il giorno 28, una percentuale maggiore di pazienti assegnati alla vitamina C rispetto al placebo (35,4% vs 31,6%; RR 1,17, IC 95%, 0,98-1,40) è morta o ha manifestato disfunzione d’organo permanente (9,1% vs 6,9%; RR 1,30, IC 95%, 0,83-2,05). Il numero medio di giorni senza disfunzioni d’organo era 17 e 19,5 rispettivamente nei gruppi vitamina C e placebo (differenza media -2,43 giorni). Il punteggio SOFA del giorno 28 non differiva tra i gruppi (6,5 vs 7,9)

READ  Questa stella morta è il miglior sguardo al futuro del nostro sistema solare

A 6 mesi, il 45,8 e il 43,4 per cento dei pazienti nei gruppi vitamina C e placebo è morto, rispettivamente. La qualità della vita, secondo la qualità della vita europea – quinta dimensione – quinto livello (EQ-5D-5L), era simile tra i gruppi a 6 mesi (65,8 vs 63,8).

Una percentuale simile di pazienti nei gruppi con vitamina C e placebo ha avuto un danno renale acuto di stadio III (37,8% contro 37,9%). L’ipoglicemia si è verificata rispettivamente nel 6,1 e nel 5,1 per cento, con un incidente nei pazienti che hanno ricevuto vitamina C considerato grave, rendendo necessaria una “modifica di un protocollo che richiede aggiustamenti nel monitoraggio della glicemia in diversi centri”. Non ci sono stati episodi di emolisi acuta. Un paziente nel gruppo della vitamina C ha avuto un grave evento avverso (una reazione allergica che si pensa sia probabilmente correlata alle iniezioni di vitamina C).

“I livelli di vitamina C… sono bassi in molti pazienti in condizioni critiche, il che aumenta la ragionevolezza del beneficio dell’integrazione”, hanno affermato i ricercatori.

“[However,] Tra gli adulti con sepsi nell’unità di terapia intensiva, alte dosi di vitamina C per via endovenosa non sono risultate essere un trattamento benefico”, hanno affermato il co-responsabile dello studio, il dott. Neil Adhikari dell’Health Sciences Center di Sunnybrook, Toronto, e il professor François Lamontani della D. Sherbrooke University, Quebec, Canada. [https://sunnybrook.ca/media/item.asp?c=1&i=2452&f=lovit-trial, accessed 31 August 2022]

“È importante sottolineare che abbiamo anche scoperto che i partecipanti allo studio nel gruppo di trattamento avevano un rischio maggiore di morte o disfunzione d’organo persistente a 28 giorni, rispetto a coloro che non hanno ricevuto il trattamento”, hanno aggiunto.

READ  Gli scienziati hanno testato l'elettrodinamica quantistica in modo più accurato che mai

“Dato questo, sconsigliamo l’uso di alte dosi di vitamina C per curare i pazienti con sepsi, a meno che non facciano parte di uno studio clinico”, hanno osservato.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x