L’Italia affronta una dura gara per il primo lavoro del fondo di salvataggio europeo – Politico

Tre funzionari dell’UE hanno detto a POLITICO che Roma sta cercando il sostegno di Marco Poti, un alto funzionario dell’UE, per dirigere il fondo di salvataggio del blocco una volta che l’attuale amministratore delegato Klaus Regling si dimette entro la fine dell’anno.

Poti, un funzionario di carriera dell’UE che attualmente ricopre la carica di presidente del Consiglio dei ministri per l’Economia, il commissario Paolo Gentiloni, guida il braccio di politica economica e finanziaria dell’UE da oltre un decennio. È descritto come altamente efficiente e politicamente intelligente. Nessuno dubita delle sue qualifiche, ma la sua nazionalità può essere un ostacolo.

La controversia ruota attorno alla futura leadership del meccanismo europeo di stabilità, istituito nel 2012 e dotato di una capacità di prestito di 500 miliardi di euro per stabilizzare le economie dell’eurozona guadagnate duramente. È stato utilizzato cinque volte dal suo inizio, da paesi che sono praticamente bloccati dai mercati del credito. L’Italia non è mai arrivata a questo punto, ma era anche generalmente riluttante all’idea di ottenere un aiuto a causa dei termini di riforma che l’accompagnavano.

Anche quando l’ESM ha aperto nuove linee di credito all’inizio della pandemia, con una combinazione di circostanze più lievi, il governo italiano dell’epoca ha evitato l’offerta a causa dello stigma subito dal fondo.

Per questo l’Italia è uno dei due Stati membri che non hanno ancora ratificato il Trattato MES, l’altro è la Germania, in attesa della pronuncia della sua Corte Costituzionale.

Tuttavia, l’opposizione alla Roma si è leggermente attenuata sotto il primo ministro Mario Draghi. Il ministero delle Finanze ha confermato che il suo governo ora vuole ratificarlo presto e nelle prossime settimane è previsto un decreto che sarà discusso in Consiglio dei ministri.

READ  Anthony's Steakhouse a Omaha chiuderà dopo 55 anni di attività

Ma la scadenza per la presentazione dei candidati è lunedì e gli sforzi di Roma per assicurarsi il sostegno per la sua candidatura da altri paesi dell’UE stanno affrontando resistenze poiché alcuni paesi mettono in dubbio i meriti di nominare un responsabile italiano.

L’obiettivo è sostenere all’unanimità il nome alla riunione dei ministri delle finanze dell’eurozona il 23 maggio e confermarlo a giugno.

Almeno altri tre paesi stanno valutando la possibilità di presentare un proprio candidato: Lussemburgo, Paesi Bassi e Portogallo. Ma non sono state ancora presentate candidature ufficiali.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x