L’Italia blocca 700 milioni di dollari dal superyacht di Scheherazade legato a Putin

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

ROMA – Le autorità finanziarie italiane hanno dichiarato venerdì di aver congelato un superyacht da 700 milioni di dollari che i media ei gruppi anti-Cremlino hanno legato al presidente russo Vladimir Putin. Ma resta un elemento di mistero: l’Italia, nel suo stesso Paese decretoNon ha detto chi potrebbe essere il proprietario.

La mossa arriva dopo che gli investigatori italiani si sono precipitati a indagare sulla nave e impedirle di lasciare il porto toscano di Marina di Carrara. Lo yacht, noto come Scheherazade, è stato sottoposto a riparazioni da prima della guerra condotta dalla Russia in Ucraina. Ma questa settimana è di nuovo in acqua, secondo A giornalista del New York Times che ha visitato il molo, sollevando timori di lasciare la nave ed eludendo le sanzioni.

E la nave, fino alle misure imposte venerdì sera, era libera di partire.

Annunciando il blocco, il ministero delle finanze italiano ha affermato che il proprietario dello yacht aveva legami “di alto profilo” con i russi già soggetti alle sanzioni dell’UE. Il nome del proprietario non è stato identificato e l’Italia ha solo detto che il suo governo aveva chiesto all’Unione Europea di aggiungere la persona alla sua lista di sanzioni.

Un portavoce del ministero delle Finanze ha definito “temporanea” la mossa italiana.

“[Italy] Ha proposto al Consiglio dell’Unione Europea di includere il proprietario della barca nell’elenco. “Fino ad allora il nome non può essere generico.”

A marzo l’a Indagine Il quotidiano italiano La Stampa ha riferito che il proprietario della barca è Eduard Khudianatov, un ex funzionario petrolifero russo. Ma il quotidiano ha anche sollevato la questione di come una persona che non è nella lista dei miliardari possa acquistare uno degli yacht più lussuosi del mondo.

READ  Cos'è la miastenia grave, la malattia di Gattuso?

Quindi, la speculazione su Scheherazade si è intensificata. Gli investigatori che lavorano per il politico dell’opposizione russo incarcerato Alexei Navalny affermano che il proprietario dello yacht è lo stesso Putin. A marzo, la squadra di Navalny ha pubblicato quello che diceva essere l’equipaggio Elenco Dalle persone che hanno lavorato sullo yacht. Presumibilmente sono tra loro membri dell’agenzia statale russa responsabile della protezione personale di Putin.

“Riteniamo che questa sia una prova abbastanza forte che Scheherazade appartenga allo stesso Putin e dovrebbe essere sequestrato immediatamente”, ha affermato Maria Bevshikh, capo della squadra investigativa FBK fondata da Navalny.

In generale, i beni della classe dirigente russa e dei miliardari sono tenuti strettamente confidenziali e sono controllati sulla carta da società offshore poco trasparenti. Ciò ha reso difficile in alcuni casi per i paesi europei accertare i veri proprietari di ville, yacht e altri oggetti di lusso. Befshikh ha affermato che Scheherazade è ufficialmente di proprietà di una società offshore delle Isole Marshall.

Prima di venerdì, l’Italia è riuscita a congelare un mega yacht da 560 milioni di dollari legato ad Andrey Melnichenko, un magnate del carbone e dei fertilizzanti che è una delle dieci persone più ricche della Russia. L’Italia ha anche congelato le ville che gli oligarchi usano per le loro vacanze estive.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x