L’Italia cerca modi per ridurre il consumo di gas mentre i flussi russi diminuiscono

Una foto del logo dell’azienda energetica italiana Eni in una stazione di servizio a Roma, 30 settembre 2018. REUTERS/Alessandro Bianchi

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

ROMA, 11 lug. (Reuters) – Gli italiani possono essere incoraggiati a ridurre il riscaldamento in inverno ea passare meno tempo sotto la doccia poiché i ridotti flussi di gas dalla Russia concentrano le menti su come ridurre i consumi energetici.

Le idee sono emerse dopo che il gruppo energetico italiano Eni (ENI.MI) ha dichiarato che lunedì riceverà circa un terzo di gas in meno dalla russa Gazprom rispetto alle quantità medie fornite negli ultimi giorni.

Il gasdotto Nord Stream 1 che trasporta il gas dalla Russia alla Germania è entrato in un fermo programmato per manutenzione, sollevando preoccupazioni per le forniture di gas all’Europa se l’interruzione fosse estesa. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’Italia sta cercando di liberarsi dalla sua dipendenza dal gas russo sulla scia dell’invasione dell’Ucraina a febbraio e di accumulare riserve in tempo per l’inverno, quando le forniture saranno sotto pressione.

“Dobbiamo raggiungere livelli di stoccaggio fino al 90 per cento negli ultimi mesi dell’anno”, ha detto lunedì il ministro per la transizione ambientale Roberto Cingolani in una conferenza.

“Nei prossimi due anni, ci sarà un numero crescente di nuovi fornitori che ci consentirà di essere ragionevolmente indipendenti dai fornitori russi entro la seconda metà del 2024, ma l’inverno del 2022 sarà un po’ più delicato”, ha aggiunto.

Cingolani ha detto che la Roma sta lavorando a una campagna mediatica volta a persuadere gli italiani a consumare meno elettricità e gas, nonché a risparmiare acqua durante l’attuale siccità estiva.

READ  Eni "aperta e pronta" per aumentare la produzione di gas in Italia

“Se potessimo abbassare la temperatura media di un grado Celsius o ridurre i tempi di riscaldamento di un’ora, risparmieremmo 1,5 o 2 miliardi di metri cubi di gas all’anno”, ha affermato Singolani.

L’ENEA, ente pubblico responsabile per lo sviluppo dell’energia sostenibile dal punto di vista ambientale, ha presentato una serie di proposte che potrebbero aiutare l’Italia a risparmiare 2,7 miliardi di metri cubi di gas. Le misure delineate alla conferenza includevano trascorrere meno tempo in bagno.

Lunedì il colosso russo Gazprom fornirà quasi 21 milioni di metri cubi, mentre nei giorni scorsi Eni ha ricevuto un volume giornaliero di circa 32 milioni di metri cubi.

Stefano Venier, responsabile del Sanam Gas Network Operator (SRG.MI), ha detto alla conferenza che l’Italia occupa attualmente il 64% della sua capacità di stoccaggio del gas.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reportage aggiuntivo di Federico Maccioni e Josep Font. Montaggio di Susan Fenton Montaggio di Julia Segretti e Susan Fenton

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x