L’Italia ordina l’espulsione di due funzionari dell’ambasciata russa accusati di spionaggio

ROMA – L’Italia ha ordinato mercoledì l’espulsione di due funzionari dell’ambasciata russa e ha arrestato un capitano della marina italiana per spionaggio dopo che la polizia ha arrestato l’ufficiale che avrebbe fornito documenti riservati a un russo in cambio di denaro.

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha affermato durante una sessione congiunta delle Commissioni per i rapporti con l’estero del Parlamento italiano che la documentazione è relativa alle informazioni della NATO e che l’incidente è “un atto di ostilità molto pericoloso”.

“Non è solo la nostra sicurezza ad essere in pericolo, ma quella dell’intera NATO (alleanza), e non possiamo accettarlo”, ha detto ai legislatori.

Il ministero degli Esteri ha detto di aver convocato l’ambasciatore russo, Sergei Razov, per protestare contro il “pericoloso incidente” dopo un’operazione pungente alla periferia di Roma, che avrebbe arrestato l’italiano e un russo in una “operazione segreta” di scambio. documenti per contanti martedì in ritardo.

La polizia paramilitare italiana ha detto che il capitano della fregata italiana era stato arrestato. Il russo che ha osservato con lui, membro delle Forze armate russe di stanza presso l’ambasciata russa in Italia, è stato inizialmente trattenuto ma non immediatamente arrestato a causa del suo status diplomatico.

Di Maio ha detto ai legislatori di aver ordinato la sua espulsione insieme ad un altro funzionario dell’ambasciata russa presumibilmente coinvolto. Di Maio non ha fornito dettagli sul sospetto ruolo del secondo russo.

L’ambasciata russa a Roma ha confermato l’arresto di un diplomatico affiliato all’ufficio dell’addetto militare, ma non ha commentato l’accaduto.

“In ogni caso, speriamo che questo non influenzi le relazioni bilaterali”, ha detto in una nota.

READ  Nessun invito al leader del governo militare del Myanmar al vertice ASEAN | Notizie ASEAN

Il comunicato dei Carabinieri afferma che le forze speciali italiane a Roma hanno lanciato l’attacco “durante un’operazione segreta tra i due e li ha sorpresi con l’accusa di flagrante delicto, non appena il funzionario italiano ha consegnato documenti riservati in cambio di una somma di denaro”.

La famiglia dei Carabinieri ha detto che i due sono stati accusati di “gravi crimini di spionaggio e sicurezza dello Stato”.

Il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto in una teleconferenza con i giornalisti che il Cremlino non era a conoscenza dei dettagli dell’incidente, ma ha indicato che “speriamo di preservare il carattere molto positivo e costruttivo delle relazioni russo-italiane”.

Il ministero degli Esteri russo ha espresso il suo rammarico per l’espulsione dei diplomatici, in una breve dichiarazione portata dalle agenzie di stampa russe. Ha aggiunto, “i suoi possibili passi in merito a una situazione che non corrisponde al livello delle relazioni bilaterali, saranno annunciati in seguito”.

Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab ha espresso il suo sostegno all’Italia in un tweet.

“Il Regno Unito è solidale con l’Italia e le sue azioni oggi, esponendo e agendo contro l’attività dannosa e destabilizzante della Russia progettata per minare il nostro alleato della NATO”, ha detto in un tweet in un tweet di de Mayo che annunciava le espulsioni.

——

Ha contribuito il corrispondente dell’Associated Press Vladimir Isachenkov da Mosca

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x