L’Italia stanzia 5 milioni di euro per promuovere l’energia sostenibile in Africa

L’Italia stanzia 5 milioni di euro per promuovere l’energia sostenibile in Africa

Secondo il Agenzia internazionale per l’energia (IEA), Oltre 600 milioni di africani non hanno accesso all’energia, con un tasso di accesso all’elettricità di poco superiore al 43% nei paesi africani, il tasso più basso a livello globale. Nelle aree rurali, dove vive oltre l’80% di coloro che non hanno elettricità, le mini-reti e i sistemi autonomi, la maggior parte dei quali si basa sull’energia solare, sono le soluzioni più praticabili.

“Questo nuovo contributo di 5 milioni di euro al Fondo Speciale del Fondo per l’Energia Sostenibile per l’Africa (SEFA) rafforza l’attenzione del Governo italiano verso l’Africa, un’area geografica di importanza prioritaria per le politiche energetiche e climatiche del nostro Paese”.

“La nostra cooperazione di lunga data con la Banca africana di sviluppo, iniziata nel 2015 contribuendo al primo ciclo del Fondo SEFA e del Fondo africano per il cambiamento climatico (ACCF), è rafforzata da questo impegno”. Lei disse.

Il nuovo contributo dell’Italia al SEFA è una forte dichiarazione del suo impegno per una giusta transizione energetica in Africa, ha affermato il Dott. Daniel Schroth, Direttore del Dipartimento per le Energie Rinnovabili e l’Efficienza Energetica della Banca Africana di Sviluppo.

Questo finanziamento rafforzerà gli sforzi della SEFA per fornire un accesso sostenibile e affidabile all’energia in tutto il continente, guidando la crescita economica e migliorando la qualità della vita di milioni di persone. Siamo molto grati per la continua partnership dell’Italia e per la visione condivisa nel sostenere il percorso energetico sostenibile dell’Africa.” Egli ha detto.

Il contributo dell’Italia è coerente con gli obiettivi più ampi della COP28, in particolare con l’obiettivo di triplicare la diffusione delle energie rinnovabili.

Il presidente senegalese Macky Sall ha anche suggerito che il FMI e altri partner esplorino la possibilità di utilizzare il denaro inizialmente stanziato per il rimborso del debito per finanziare progetti verdi, con particolare attenzione agli sforzi di adattamento.

L’Africa rimane indietro nel processo di adattamento perché beneficia poco dei finanziamenti agevolati e degli investimenti verdi,” Egli ha detto.

Di conseguenza, i paesi africani stanno affogando in pesanti debiti per finanziare i loro progetti verdi, il che costituisce una doppia punizione per il continente meno inquinato. L’Africa non chiede un favore speciale, ma piuttosto un approccio giusto ed equo per combattere il riscaldamento globale. Egli ha detto.

READ  Il Pakistan ha subito un'interruzione di corrente a livello nazionale

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x