L’Italia vieta la caccia e altre attività nelle zone colpite dalla peste suina

ROMA (Reuters) – L’Italia giovedì ha vietato la caccia e molte altre attività all’aperto in due regioni settentrionali colpite dal recente focolaio di peste suina africana.

La peste suina africana è innocua per l’uomo ma è spesso fatale per i maiali, con conseguenti perdite finanziarie per gli allevatori. Ha avuto origine in Africa prima di diffondersi in Europa e in Asia e ha ucciso centinaia di milioni di maiali in tutto il mondo.

Un’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli interessa 114 aree rurali del nord-ovest del Piemonte e della Liguria, dove sono stati trovati quattro cinghiali portatori della malattia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Oltre al divieto di caccia, sarà anche vietato raccogliere funghi e tartufi, cacciare, passeggiare e andare in bicicletta nelle aree “e svolgere qualsiasi altra attività (compreso) il contatto diretto o indiretto con suini infetti”, secondo l’ordinanza emanato dai ministri.

Con l’eccezione di un ampio divieto di caccia, sarà ancora consentita la caccia mirata di cinghiali nel tentativo di controllarne il numero e monitorare la diffusione della peste suina.

La scoperta della malattia in Italia potrebbe essere un duro colpo per i produttori di carne, poiché i governi spesso impediscono l’importazione di prodotti a base di carne di maiale da paesi in cui la malattia è stata rilevata come un modo per prevenire la trasmissione della malattia.

L’ordinanza, con effetto immediato e della durata di sei mesi, “consentirà alle nostre attività produttive di continuare a operare in sicurezza, fornendo rassicurazioni sulle nostre esportazioni”, hanno affermato i ministri.

READ  Dall'altra parte del sobborgo, affrontano San Marino nella loro seconda partita della stagione

In Cina, il più grande produttore mondiale di carne suina, la peste suina africana ha distrutto metà del suo gregge di suini entro un anno dal rilevamento nel 2018. L’anno scorso, Haiti e la Repubblica Dominicana hanno confermato i primi focolai del virus nelle Americhe in quasi 40 anni .

La Cina e altri acquirenti di carne di maiale hanno vietato l’importazione di carne di maiale tedesca nel settembre 2020 dopo che il primo caso è stato confermato negli animali selvatici in Germania.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riporta Gavin Jones. Montaggio di Sandra Mahler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x