L’italiana UniCredit dice che sta valutando l’uscita dalla Russia

Una foto del logo UniCredit nel centro di Milano, 18 agosto 2014. REUTERS/Stefano Rylandini

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • UniCredit sta rivedendo le sue operazioni in Russia
  • Il CEO avverte che questa mossa potrebbe richiedere tempo dato il suo impatto più ampio
  • Avverte di shock economico dall’invasione dell’Ucraina

MILANO (Reuters) – UniCredit (CRDI.MI) sta studiando vie d’uscita dalla Russia sulla scia dell’invasione dell’Ucraina, ma ha bisogno di trovare una soluzione per i suoi 4.000 dipendenti locali e per le aziende europee che serve che stanno anche cercando di partire, ha detto l’amministratore delegato della banca italiana.

Insieme alla francese Société Générale (SOGN.PA) e all’austriaca Raiffeisen (RBIV.VI), UniCredit è tra gli istituti di credito europei con la maggiore esposizione alla Russia e gestisce la quattordicesima banca del Paese.

La scorsa settimana ha affermato che la sua presenza domestica e la significativa esposizione transfrontaliera comporterebbe una perdita di 7,4 miliardi di euro (8 miliardi di dollari) nello scenario peggiore che ha spazzato via la sua attività in Russia. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Stiamo finalizzando una revisione urgente del Paese e stiamo considerando l’uscita”, ha dichiarato il CEO Andrea Orsel alla Conferenza finanziaria europea di Morgan Stanley a Londra.

Tuttavia, l’ex banchiere di UBS ha affermato che andarsene è stata una decisione molto complessa e potrebbe richiedere tempo.

“Sarebbe molto facile per me dire che stiamo lasciando la Russia. Sarà ciò che tutti vorremmo fare ed è ciò che le nostre menti e i nostri corpi richiedono… ma dobbiamo pensare seriamente all’impatto di… separare un intero banca del Paese”.

READ  Una lettura dell'incontro del Presidente Biden con il Primo Ministro italiano Mario Draghi

L’unità russa UniCredit ha prestiti per circa 8 miliardi di euro, finanziati localmente attraverso depositi.

La perdita nel rinunciare all’attività sarà al massimo di 1,9 miliardi di euro. Tuttavia, le esposizioni transfrontaliere e in derivati ​​aggiungono al conto altri 5,5 miliardi di euro.

Affrontare l’esposizione e i derivati ​​transfrontalieri, ha affermato Orcel, era una questione di “sblocco e compensazione” e determinazione dei tassi di recupero del prestito alla scadenza, che clienti come Gazprom attualmente pagano regolarmente.

La decisione sulle operazioni locali ha avuto implicazioni più ampie.

“Ha un impatto su clienti e persone e può essere molto veloce se trovi una soluzione o più lento se devi andare in un’altra direzione che stiamo valutando”, ha affermato.

Rischio di recessione

Il peso massimo italiano Intesa Sanpaolo (ISP.MI) sta rivedendo la sua presenza anche in Russia, dove ha finanziato grandi progetti ma non ha attività retail. Goldman Sachs (GS.N) e JPMorgan Chase (JPM.N) stanno terminando le loro operazioni in Russia, così come Deutsche Bank (DBKGn.DE). Per saperne di più

Meno di tre mesi prima, Orcel aveva preso in considerazione la possibilità di scambiare UniCredit Russia con una partecipazione di controllo nella più grande rivale domestica Otkritie, ma i rischi politici hanno fatto cadere l’accordo.

Orsel ha affermato che dei 1.500 clienti UniCredit in Russia, circa 1.250 aziende europee hanno bisogno di supporto.

“Si aspettano che li accompagniamo nel disimpegno”, ha detto.

Orcel ha anche affermato che l’ambiente economico è cambiato a causa della guerra da quando ha presentato una nuova strategia a dicembre. UniCredit ora presumeva che ci sarebbe stata una stagflazione poiché l’economia rallenta mentre i prezzi aumentano.

READ  1,5 milioni di nigeriani in Italia hanno bisogno del passaporto - Organizzazione della diaspora

“Saremo scioccati”, ha detto.

Orcel ha affermato di ritenere ancora che la banca possa raggiungere gli obiettivi di distribuzione di contanti fissati a dicembre, ma che dipende dal contesto economico più ampio.

UniCredit ha confermato il suo dividendo 2021 nello scenario peggiore, ma ha offerto una proposta di riacquisto di azioni fino a 2,6 miliardi di euro a condizione che il suo capitale principale rimanga al di sopra del 13%. Per saperne di più

“Un taglio approssimativo, se riprendiamo il 40-50% della nostra esposizione al russo, riacquisteremo l’intero titolo”, ha affermato.

Orcel ha anche avvertito che la crisi ha alzato il livello delle operazioni di fusione e acquisizione poiché UniCredit ora dovrà utilizzare in parte il suo capitale in eccesso per attutire il colpo. Per saperne di più

(1 dollaro = 0,9094 euro)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Copertina di Valentina Za, sceneggiatura di Keith Weir; A cura di Agnieszka Flak

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x