L’italiano Draghi ringrazia il Giappone per aver reindirizzato le spedizioni di gas verso l’Europa

ROMA (Reuters) – Il premier italiano Mario Draghi ha ringraziato mercoledì il Giappone per il suo rapido accordo per reindirizzare le spedizioni di gas naturale liquefatto (GNL) di paesi terzi verso l’Europa.

L’Europa, che importa circa il 40% delle sue importazioni di gas dalla Russia, si sta affrettando a diversificare il proprio mix di approvvigionamento energetico mentre il conflitto in Ucraina si intensifica.

La Commissione europea dovrebbe svelare questo mese i piani per cercare di porre fine alla dipendenza dell’Europa dall’energia russa, espandere più rapidamente le energie rinnovabili e sostituire il gas russo con forniture alternative.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Parlando dopo un incontro bilaterale con il primo ministro giapponese Fumio Kishida a Roma, Draghi ha affermato che i due Paesi condannano l’invasione russa dell’Ucraina e si impegnano a una tregua – anche locale per l’evacuazione dei cittadini – e favoriscono i negoziati di pace con la Russia.

“Continuiamo ad aiutare l’Ucraina ea fare pressione sulla Russia per fermare immediatamente le ostilità”, ha detto Draghi.

Kishida si è detto d’accordo con Draghi sull’importanza “che la comunità internazionale, compreso il G7, risponda con fermezza a questa invasione” e che sia il Giappone che l’Italia hanno il dovere di “fare tutto il possibile per sostenere il governo ucraino e la sua persone.”

I leader hanno anche espresso preoccupazione per i test missilistici della Corea del Nord. Leggi di più

“Come evidenziato dal lancio del missile della Corea del Nord oggi, il grado di tensione nell’Asia orientale è in aumento”, ha affermato Kishida.

(Copertura) Di Julia Segretti a Roma e Kiyoshi Takenaka a Tokyo Montaggio di Keith Ware

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x