L’italiano Leonardo acquista una quota del 25% nel produttore tedesco di sensori Hensoldt

Il gruppo di difesa italiano Leonardo ha dichiarato di aver accettato di acquistare una partecipazione del 25,1% nel produttore tedesco di sensori militari Hensoldt dall’acquisizione KKR per 23 euro per azione in contanti, o circa 606 milioni di euro (733 milioni di dollari). direzione Rapporti citati Reuters.

L’accordo fa parte della strategia di Leonardo per rafforzare la sua presenza nella difesa informatica, cercando di sbarazzarsi di aziende che sono diventate non essenziali per il gruppo a controllo statale italiano.

L’accordo arriva solo un mese dopo che Leonardo ha ritardato la quotazione prevista negli Stati Uniti della sua unità DRS.

Sabato ha dichiarato che manterrà una “forte struttura del capitale” con l’aiuto della disposizione e delle quotazioni in borsa.

Leonardo diventerà il più grande investitore di Hensoldt insieme alla banca tedesca KfW, che a marzo ha acquistato una quota del 25,1%.

In una dichiarazione separata, Hensoldt ha affermato che Lux Holding II Sarl di KKR manterrà una quota di circa il 18%.

La transazione dovrebbe essere completata nella seconda metà di quest’anno. Al termine, Leonardo proporrà due candidati per il Consiglio di Sorveglianza di Hensoldt.

Hensoldt ha detto questa settimana che KKR ha sollecitato offerte per una quota del 25,1% tra i principali appaltatori europei della difesa ed è in trattative avanzate con aziende come Leonardo, la francese Thales, la spagnola Indra e la svedese SABB.

Ha detto che UBS e Deutsche Bank hanno agito rispettivamente in qualità di advisor finanziario principale e advisor finanziario di Leonardo.

READ  Il commercio estero salva l'economia spagnola

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x