Lo scrittore Mohamed Al-Naas è il primo libico a vincere il Premio Internazionale per la narrativa araba

Cannes: I registi lanciano uno specchio alla Francia sul suo passato coloniale a Cannes, aiutati dal potere delle star e dalla crescente volontà della Francia di affrontare l’ingiustizia perpetrata in modo straordinario in Africa.

La colonizzazione dell’Algeria e gli orrori della Guerra d’indipendenza algerina (1954-1962) hanno lasciato profonde cicatrici su entrambi i popoli e continuano a rovinare le relazioni, ma per decenni è stato raramente discusso pubblicamente in Francia.

Sebbene il presidente Emmanuel Macron abbia ammesso di aver commesso crimini – incluso un massacro di algerini a Parigi nel 1961 che ha definito “imperdonabile” – il suo governo ha escluso le “scuse” per il passato coloniale della Francia.

Il regista francese Philippe Faucon è nato in Algeria. File/AFP

“Immagino si possa dire che sono ossessionato dalla guerra d’Algeria”, ha detto il regista francese Philippe Faucon all’AFP al Festival di Cannes.

Il suo film Harkis racconta la storia degli algerini che hanno combattuto al fianco delle forze francesi contro il movimento indipendentista, ma sono stati spesso lasciati indietro quando la Francia si è ritirata dall’Algeria, affrontando la vendetta degli algerini vittoriosi.

Il film pone la responsabilità di questo “tradimento criminale” e dei successivi massacri di Harkis alle porte dell’allora presidente Charles de Gaulle.

“Les Harkis” racconta la storia degli algerini che hanno combattuto a fianco delle forze francesi contro il movimento indipendentista. fornito

“È necessario ricordare questa storia e guardare la verità negli occhi”, ha detto Faucon, algerino di nascita, anche se i “complessi” storici rendono impossibili giudizi facili.

Ha anche avvertito il collega regista Matteo Fadebed di facili conclusioni sulla coscrizione francese dei soldati senegalesi per il suo sforzo bellico nella prima guerra mondiale, oggetto del suo film “Trailleurs” (“Padre e soldato”).

La star francese Omar Sy – che ha conquistato un enorme seguito internazionale con i suoi ruoli in “Untouchable” e il successo di Netflix “Lupin” – recita nella storia di un padre e un figlio costretti in trincea.

“La mia idea è quella di mettere in dubbio le cose”, ha detto Fadebid all’AFP. “Dubitando del rapporto storico della Francia con le sue ex colonie, cosa abbiamo da dire di quel giorno, sappiamo anche cosa abbiamo fatto?”

Il tema di “Trailleurs” è la coscrizione forzata da parte della Francia di soldati senegalesi al suo sforzo bellico nella prima guerra mondiale. fornito

Pur respingendo qualsiasi approccio di “front-end politico”, ha affermato: “Se neghiamo i fatti, non possiamo mai andare avanti, dobbiamo raccontare queste storie e tutti devono conoscerle”.

Tuttavia, l’idea era “non sentirsi in colpa per le persone, ma riconoscere la storia dolorosa e liberare noi stessi”.

Sy, nato in Francia e figlio di immigrati dell’Africa occidentale, ha detto al pubblico durante la serata di apertura del film: “Abbiamo la stessa storia, ma non abbiamo gli stessi ricordi”.

La seconda settimana vedrà la proiezione di “Nos Frangins” (“I nostri fratelli”) del regista francese Rachid Bouchareb, che nel 2006 ha acceso un dibattito nazionale con “Indigenes” (“Days of Glory”), film sul contributo del Nord. Soldati africani nelle forze francesi libere durante la seconda guerra mondiale.

Una foto del film “Nos Frangins”. fornito

Nel suo ultimo film, racconta la storia di Malik Osquin, uno studente assassinato nel 1986 il cui nome risuona profondamente tra le minoranze francesi.

La notte del 6 dicembre 1986, due agenti di polizia hanno picchiato a morte un 22enne franco-algerino a margine di una protesta studentesca a Parigi.

Non aveva partecipato alla manifestazione e il suo omicidio è diventato un punto di svolta, portando a settimane di disordini e portando a una condanna senza precedenti da parte degli ufficiali coinvolti.

Ci sono voluti 35 anni prima che la morte di Malik Oskin fosse elencata sullo schermo.

READ  Master al Toronto International Film Festival 2021 - People's World

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x