Lo spazio rimodella i bulbi oculari degli astronauti. Questo sacco a pelo assorbente può aiutare

Il volontario James Leidner e il sacco a pelo a forma di capsula utilizzato nello studio.

UT Southwestern Medical Center

Fin dai primi voli spaziali, gli astronauti hanno avuto problemi di vista persistenti durante i loro viaggi in orbita e lunghi soggiorni sulla Stazione Spaziale Internazionale. I problemi agli occhi, noti come SANS, o sindrome dell’occhio nervoso correlato al volo spaziale, sono stati collegati al gonfiore del cervello causato dalla mancanza di gravità.

La mancanza di gravità nello spazio cambia il modo in cui i fluidi si muovono intorno al corpo e può farli galleggiare in superficie. Questo comprime i bulbi oculari, appiattendoli e facendo gonfiare il nervo ottico. La microgravità rimodella letteralmente i bulbi oculari e questo è un male.

“Questo è forse uno dei problemi medici di missione più importanti che sono stati scoperti negli ultimi dieci anni per il programma spaziale”, ha detto in un comunicato stampa Benjamin Levine, un cardiologo della Texas Southwestern University che lavora con la NASA affrontando i rischi per la salute degli astronauti. . .

Levine ha contribuito a condurre un nuovo studio, Pubblicato su JAMA Oftalmology il 9 dicembree studiando come speciali sacchi a pelo ad alta tecnologia potrebbero aiutare a prevenire il SANS negli astronauti. Dieci persone – cinque maschi e cinque femmine – sono state reclutate per provare il sacco a terra, arrampicarsi sul letto e sdraiarsi per tre giorni.

Quindi eseguono altri tre giorni sdraiati, ma questa volta con un sacco a pelo specializzato attaccato dalla vita in giù. La cisti è una sacca di aspirazione che utilizza una tecnologia nota come “pressione negativa della parte inferiore del corpo” per impedire l’accumulo di liquidi corporei nell’area intorno al cervello e agli occhi.

Dopo tre giorni senza la cisti, i ricercatori hanno notato alcuni cambiamenti nella forma del bulbo oculare qui sulla Terra. Stare in piedi di solito aiuta ad alleviare parte di questa pressione dovuta alla gravità, ma i pazienti sono stati confinati a 72 ore di ristagno orizzontale e non sono riusciti a trovare questo sollievo.

Ma passare solo otto ore in un futuristico (ed estenuante) sacco a pelo ogni notte sembra prevenire i cambiamenti degli occhi. Successo!

Mentre molti dei problemi associati al SANS sembrano essere stati risolti una volta che gli astronauti sono tornati sulla Terra, affrontare il problema nello spazio è fondamentale per missioni spaziali sempre più lunghe. Andare e tornare su Marte, ad esempio, richiede molto più tempo di un tipico soggiorno di sei mesi sulla stazione spaziale.

“Non sappiamo quanto possano essere dannosi gli effetti su un viaggio più lungo, come un processo di due anni su Marte”, ha detto Levine.

Con quelle missioni con equipaggio su Marte così vicine all’orizzonte (mancano un paio di decenni, ma è molto breve nello spazio-tempo), risolvere il problema SANS consentirà agli astronauti di viaggiare senza preoccupazioni.

READ  La sonda cinese su Marte conduce un test radio con il Mars Express dell'ESA dopo essere sopravvissuta a un'interruzione solare

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x