Lo studio rileva che solo il 2% della Grande Barriera Corallina è sopravvissuto allo sbiancamento dei coralli

Il la grande Barriera Corallina Colpiti dal riscaldamento ripetuto dei mari, gli scienziati ora affermano che quasi l’intera area della meraviglia naturale ha subito lo sbiancamento dei coralli negli ultimi anni, un numero preoccupante che amplifica i campanelli d’allarme sugli effetti del cambiamento climatico in corso.

un Nuovo studio, pubblicato venerdì sulla rivista Current Biology, ha scoperto che solo il 2% della Grande Barriera Corallina è sfuggito allo sbiancamento negli ultimi 30 anni. Il primo grande sbiancamento di massa nel 1998 ha suscitato terribili avvertimenti da parte dei biologi del corallo, che hanno affermato che l’innalzamento dei mari ha segnato l’apocalisse sottomarina per gli ecosistemi di corallo sensibili.

Ma da allora il cambiamento climatico è continuato in gran parte senza sosta e il professor Terry Hughes, autore principale del rapporto e direttore del Centro di eccellenza per gli studi sulla barriera corallina dell’ARC, ha affermato che gli eventi di sbiancamento “senza precedenti o molto rari” sono ora comuni. .

Cinque periodi di sbiancamento di massa dal 1998 hanno trasformato la Grande Barriera Corallina in uno scacchiere di barriere coralline con una storia recente molto diversa, che va dal 2% dei coralli che sono sopravvissuti completamente allo sbiancamento, all’80% che si è sbiancato gravemente almeno una volta l’anno fa 2016 Hughes ha detto in una dichiarazione.

Il fatto che il 98% delle barriere coralline abbia subito uno sbiancamento catastrofico è significativo. La Grande Barriera Corallina è la più grande struttura vivente del pianeta, si estende per quasi 1.500 miglia e ospita più di 3.000 singole barriere coralline.

READ  Questa nuova pazza foto della luna di Tycho Carter è così dettagliata che difficilmente sembra reale

Fotografia aerea jumbo / Autorità del parco marino della Grande barriera corallina tramite Associated Press

In questa foto non datata fornita dalla Great Barrier Reef Marine Park Authority, l’Hardy Reef, parte della Grande Barriera Corallina, è visto al largo della costa dell’Australia.

Lo studio aggiunge che gli eventi di sbiancamento dovrebbero essere considerati una serie di malattie piuttosto che disastri occasionali per determinare come i coralli possono riprendersi nel tempo. È interessante notare che gli autori hanno scoperto che le aree della Grande Barriera Corallina che avevano subito un evento di sbiancamento di massa in precedenza erano più tolleranti agli stress futuri, mentre le barriere coralline più vulnerabili erano quelle che non avevano subito sbiancamento negli ultimi anni.

Gli autori hanno affermato che l’accumulo di eventi di sbiancamento per diversi decenni “evidenzia il grave rischio che senza un’azione globale immediata sulle emissioni di gas serra, eventi di sbiancamento più frequenti e più gravi continueranno a minare la resilienza degli ecosistemi della barriera corallina”.

Le barriere coralline sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici. Le acque più calde associate al fenomeno possono cuocere efficacemente i delicati scheletri, provocando lo sbiancamento dei coralli mentre i polipi colorati diventano bianchi quando le alghe lasciano i loro scheletri. Se le temperature tornano alla normalità, i coralli possono riprendersi nel tempo, ma se l’acqua rimane calda troppo a lungo, i coralli che hanno impiegato decenni per crescere potrebbero morire.

I coralli sbiancati possono riprendersi, ma ci vogliono anni. Gli scienziati hanno a lungo avvertito che gli eventi di sbiancamento di massa a cascata, come quelli in 2016, 2017 e 2020Non dare ai coralli abbastanza tempo per guarire.

READ  Snoopy volerà a bordo della navicella spaziale Artemis I della NASA all'inizio della missione lunare del 2022

Lucas Jackson/Reuters

I pesci della barriera corallina nuotano sopra le colonie restaurate della barriera corallina sulla Grande Barriera Corallina al largo della costa di Cairns, in Australia, nel 2019.

Le prospettive per le barriere coralline del pianeta sono fosche. Rapporto recente trovato Il mondo ha perso il 14% delle sue barriere coralline Dal 2009 al 2018 a causa delle ondate di calore associate ai cambiamenti climatici. Quel numero è enorme, in realtà ammonta a circa 4.500 miglia quadrate di barriera corallina, o più di tutti i coralli viventi al largo delle coste dell’Australia, inclusa la Grande Barriera.

L’ultimo studio arriva durante il vertice sul clima delle Nazioni Unite, COP26, a Glasgow, in Scozia, mentre leader e dignitari mondiali cercano di trovare la migliore speranza sul pianeta per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.

Hughes ha detto venerdì che il modo in cui le barriere coralline come la Grande Barriera dipendono dall’umanità che lavora insieme per ridurre le emissioni di gas serra, anche se ha sottolineato che c’è ancora tempo per il mondo di agire. Tuttavia, l’Australia si è ampiamente rifiutata di firmare impegni per abbandonare l’estrazione del carbone e ridurre le emissioni di metano. Invece, lancia piani vaghi Il contenimento delle emissioni degli anni ’50 è stato criticato dagli scienziati.

“Dove finisce la barriera corallina dipende da quanto è caldo”, ha detto Raccontare Guardiano. “Se ci sistemiamo a 1,5 gradi [Celsius]E, cosa improbabile, i coralli potrebbero stare bene. …Anche se non vedremo la Grande Barriera Corallina com’era 20 anni fa, possiamo ancora avere barriere coralline se i paesi possono ridurre le emissioni di gas serra nel prossimo decennio. “

READ  Questa anatra australiana dice "Bloody idiot" e può imitare altri suoni - e gli scienziati non potrebbero essere più affascinanti

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x