L’originale italiano di Amazon “Prisma” sfida le norme di genere degli adolescenti

La serie italiana originale di Amazon Prime Video “Prisma”, lanciata il 10 agosto dal Festival di Locarno, vede l’operatore rivisitare il tema dell’identità di genere fluida dopo la parola “trasparente”, rivolgendosi a un pubblico di giovani adulti e collegandosi anche con il nuovo radici realistiche in Italia.

Lo spettacolo di otto episodi (guarda l’esclusivo clip) – la prima serie TV in anteprima al prestigioso festival svizzero dedicato al cinema indipendente – È incentrato sui gemelli adolescenti identici Marco e Andrea, che sfidano le norme di genere in modi diversi, insieme al loro gruppo di amici che stanno attraversando un viaggio simile.

Prisma’ si trova nella città di Latina, appena a sud di Roma, e nella zona circostante, che era una palude fino al prosciugamento dei terreni sotto il regime fascista, la zona è oggi famosa per la sua architettura moderna e la fertile agricoltura.

“Prisma”, che significa pubblicazione in italiano, è il frutto di Ludovico Bessegato, che ha guadagnato fama locale come presentatore di “Skam Italia”, l’adattamento italiano del dramma giovanile scandinavo che ha fatto fama in Italia e presentato in anteprima su Netflix.

Bessegato, che ha diretto “Prisma”, ha scritto sceneggiature con Alice Urciuolo, scrittrice di origine latina.

È prodotto dalla società di proprietà della PETA Cross Productions ed è il dipinto dietro “Skam Italia”.

“Cinque anni fa, per puro caso, ho avuto l’opportunità di raccontare storie di persone più giovani di me, sotto la supervisione di uno showrunner norvegese. [and Skam creator] Julie Andem”, ha detto Pisgato nella dichiarazione del suo manager.

“Dopo cinque anni in questo viaggio, ho sentito il bisogno di prendere tutto ciò che ho imparato e provare a fare qualcosa che fosse totalmente nostro”, ha aggiunto.

READ  Massy Theatre annuncia la stagione 2021-202222

“Qualcosa che è partito dalla nostra osservazione della realtà; dal nostro contesto. Qualcosa che ha mostrato che non eravamo solo dei buoni trasformatori, ma che siamo stati in grado di offrire la nostra prospettiva su questo mondo. Una nuova narrazione che combina anni di studio e osservazione di questo mondo con la nostra personale idea di cinema e la nostra estetica”.

“Abbiamo iniziato con il fatto successivo”, ha osservato Pisgato.

“Tutti quegli anni che abbiamo passato a incontrare persone più giovani di noi ci hanno mostrato chiaramente come molti dei binari che anche la mia generazione erano dogmi incrollabili, non lo sono più per loro”.

E non stiamo parlando solo di orientamento sessuale e identità. Stiamo parlando di una generazione che sembra vivere e scegliere gli spazi tra di loro nel senso più ampio possibile”.

Una generazione e un mondo in cui il concetto stesso di diversità non sembra più sufficiente a descrivere la realtà. Dato che non c’è più una convergenza sull’idea di normalità, non può esserci nemmeno un’opinione unificata sulla visione della diversità”.

Non più normale, non più diverso. Solo l’infinità dell’esistenza singolare. Abbiamo preso in prestito l’immagine di un prisma ottico, che riesce a scomporre la luce, che appare solo bianca, nello spettro infinito dei colori che la compongono”.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x