L’ortografia “turca” adottata dal Canada dopo la mossa dell’ONU

Il governo canadese ha cambiato silenziosamente il nome Turchia nell’ortografia turca ufficiale Turkiye in tutte le comunicazioni ufficiali.

La mossa arriva sulla scia della richiesta del governo del presidente Recep Tayyip Erdogan alla comunità internazionale di riconoscere l’ortografia corretta del nome del suo paese.

Il mese scorso, Ankara ha chiesto alle Nazioni Unite di eliminare l’ortografia comunemente usata del tacchino, che è anche associata all’uccello commestibile e al tradizionale piatto natalizio.

Nel dicembre dello scorso anno, Erdogan ha ordinato l’uso del “Made in Turkey” sui prodotti esportati per riflettere in modo più autentico la cultura del paese.

Nella corrispondenza del Department of Global Affairs questa settimana, Ottawa è tornata all’ortografia originale, che si pronuncia allo stesso modo.

La mossa ha fatto seguito alla “notifica formale di un cambio di nome alle Nazioni Unite e, successivamente, al Dipartimento canadese degli affari esteri, del commercio e dello sviluppo” a giugno, ha riferito Global Affairs.

“Il Canada rispetta i desideri della Repubblica di Turchia (ex Repubblica di Turchia) di essere ufficialmente conosciuta come turca invece di ‘Turchia’ in inglese e ‘Turchia’ in francese”, ha affermato Sabrina Williams, portavoce per gli affari globali.

Il paese fu nominato turco nel 1923 dopo che la neonata repubblica dichiarò la sua indipendenza e Mustafa Kemal ne fu il primo presidente.

Il professor Chris Cochran della Monk School of Global Affairs dell’Università di Toronto ha affermato che sta diventando sempre più comune nei circoli diplomatici tornare all’ortografia e alla pronuncia corrette dei nomi di luogo.

Ha citato l’ampio cambiamento nell’ortografia e nella pronuncia della capitale ucraina, Kiev, come esempio recente.

READ  Un'adolescente britannico-belga diventa la donna più giovane a volare da sola in giro per il mondo

“Sarebbe certamente un diplomatico negli ambienti ufficiali pronunciare il nome di un paese nel modo in cui lo chiedi”, ha detto Cochran. “Indica un rapporto più paritario”. “Sembra essere una tendenza: essere un po’ più espliciti sul linguaggio in termini di ciò che trasmette, politicamente”.

La Turchia mostra sempre più i muscoli sulla scena internazionale, anche per quanto riguarda la proposta di adesione di Finlandia e Svezia alla NATO.

Erdogan ha minacciato di porre il veto all’ingresso dei paesi del nord nell’alleanza militare se non consegnano sospetti con legami con gruppi curdi banditi.

All’inizio di questa settimana, il Canada è stato il primo paese a ratificare la richiesta di Finlandia e Svezia di aderire alla NATO.

Ma tutti e 30 i membri devono accettare la loro domanda di adesione, che ha seguito l’invasione russa dell’Ucraina.


Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 9 luglio 2022.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x