‘Luca’ porta il pubblico in Italia, ma per uno degli animatori del film il viaggio inizia ad Aurora

Nota dell’editore: questo articolo contiene spoiler sui film.

Aurora è un mondo lontano dai paesaggi ispirati al trucco italiano dell’ultimo film Pixar, “Luca”, ma sia il regista Enrico Casarosa che l’animatore Earl Brawley hanno trascorso parte della loro infanzia tra le Montagne Rocciose.

Per Brawley, i ricordi d’infanzia in Colorado hanno influenzato direttamente le soleggiate avventure del protagonista del film, Luca, un mostro acquatico mutaforma che fa amicizia con uno spirito libero dalla mentalità simile di nome Alberto. La coppia sfida i desideri dei genitori iperprotettivi di Luca e si avventura nella città costiera di Portorosso, dove attendono altre avventure.

“Io e i miei migliori amici [were] “Una volta stavano costruendo case e avevano solo un vialetto pavimentato, e abbiamo scavato un buco sotto il vialetto e abbiamo avuto una piccola grotta lì”, ha detto Brawley del suo passato in Aurora.

Brawley ha anche fatto risalire l’inizio della sua carriera nell’animazione ad Aurora. Alla Smoky Hill High School, ha provato il suo primo software di animazione al computer. “Mi è sempre piaciuto giocare al computer a casa e penso che abbiamo fatto qualcosa come CAD [Computer Assisted Design] O qualsiasi cosa in cui puoi costruire la tua casa.” “Il compito era costruire una casa da sogno, ma il solo fatto di essere in questo mondo virtuale è stato un po’ strabiliante per me.”

Disney/Pixar
Una scena di Luca, un nuovo film Pixar. L’animatore Earl Brawley ha provato per la prima volta l’animazione all’Aurora Smoky Hill High School.

Sua madre ha incoraggiato Brawley a perseguire il suo interesse per il design grafico, che lo ha portato all’Aurora Platt College. Il programma di progettazione grafica all’epoca permetteva agli studenti di dedicarsi al web design o all’animazione. Brawley ha scelto quest’ultimo e ha realizzato un film studentesco sui giocatori di football. “Potevo muovere la telecamera entrando e la musica era adattata ad essa”, ha detto. “Sì, posso davvero creare qualcosa!”

READ  Il rapporto dice che il prossimo Dragon Age sarà ora un solo giocatore a causa delle fortune di Anthem, rispecchiando i piani originali di EA • Eurogamer.net

Alla fine, la sua carriera lo ha portato fuori dal Colorado, prima alla Vancouver Film School in Canada e poi in Giappone per lavorare come animatore. Anche all’inizio, Brawley non vedeva l’ora di unirsi alla Pixar.

“Ricordo di aver fatto domanda dopo la scuola”, ha detto, “e sto pensando, ‘Forse non ho alcuna possibilità, ma dovrei provare.'” Alla fine sono andato in Giappone ed è stata un’avventura completamente nuova, e Mi sentivo un po’ a mio agio lì, ma ero ancora nella mia mente che volevo accedere alla Pixar. Poi da lì, sono andato alla Sony Image Works a Vancouver e quello è stato il passo successivo, entrare in un lungometraggio. Sono stato in grado di essere in un ruolo da protagonista, ma era ancora nella parte posteriore della mia mente, tipo “Ah, ma Pixar. Devo essere in Pixar”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x