L’Ucraina e le Nazioni Unite hanno denunciato l’attacco missilistico russo su Odessa a seguito di un accordo per revocare il divieto di esportazione di grano

Missili russi hanno colpito il porto ucraino di Odessa sul Mar Nero, poche ore dopo che Mosca e Kiev hanno firmato accordi per consentire la ripresa delle esportazioni di grano da lì. Il ministero degli Esteri ucraino ha condannato lo sciopero di sabato come uno “sputare in faccia” della Turchia e delle Nazioni Unite, che hanno mediato gli accordi.

Il comando meridionale dell’esercito ucraino ha affermato che due missili russi hanno colpito l’infrastruttura del porto, mentre le difese aeree ucraine ne hanno abbattute altre due. Non ha specificato l’entità del danno o detto se il raid ha causato vittime.

La portavoce del comando Natalia Homenyuk ha detto che nessun deposito di grano è stato colpito e non ci sono state segnalazioni immediate di feriti.

“Ci sono volute meno di 24 ore prima che la Russia lanciasse un attacco missilistico al porto di Odessa, infrangendo le sue promesse e minando i suoi obblighi nei confronti delle Nazioni Unite e della Turchia ai sensi dell’accordo di Istanbul”, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleg Nikolenko. “In caso di inadempimento, la Russia si assumerà la piena responsabilità della crisi alimentare globale”.

Nikolenko ha descritto l’attacco missilistico nel 150° giorno della guerra russa in Ucraina come “lo sputo del presidente russo Vladimir Putin di fronte al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che hanno fatto grandi sforzi per raggiungere un accordo. “

L’ufficio di Guterres ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che il Segretario generale delle Nazioni Unite “condanna inequivocabilmente” gli scioperi.

READ  Un anno dopo la caduta di Kabul, i veterani canadesi hanno esortato Ottawa a non abbandonare gli afgani che cercavano di fuggire

“Ieri, tutte le parti hanno preso chiari impegni sulla scena mondiale per garantire il trasporto sicuro del grano ucraino e dei prodotti correlati ai mercati mondiali”, si legge nella nota. “Questi prodotti sono urgentemente necessari per affrontare la crisi alimentare globale e alleviare le sofferenze di milioni di bisognosi in tutto il mondo. La piena attuazione da parte della Federazione Russa, dell’Ucraina e della Turchia è fondamentale”.

Il grano ostacolato dalla guerra

Durante la cerimonia della firma di venerdì a Istanbul, Guterres ha salutato gli accordi per aprire i porti dell’Ucraina a Odessa, Chornomorsk e Yuzhny alle esportazioni di cibo commerciale, definendoli “un faro di speranza, un faro di possibilità e un faro di sollievo in un mondo che ne ha bisogno più che mai.”

Gli accordi cercavano di aprire la strada alla spedizione di milioni di tonnellate di grano ucraino e ad alcune esportazioni russe di grano e fertilizzanti interrotte dalla guerra. L’Ucraina è uno dei maggiori esportatori mondiali di grano, mais e olio di girasole, ma l’invasione russa del Paese e il blocco navale dei suoi porti hanno interrotto le spedizioni.

Un camion è stato visto in un terminal di grano durante la raccolta dell’orzo nella regione di Odessa, in Ucraina, il mese scorso. (Igor Tkachenko/Reuters)

I documenti ottenuti dall’Associated Press hanno mostrato che gli accordi richiedevano l’istituzione di un centro di coordinamento congiunto guidato dalle Nazioni Unite a Istanbul in cui funzionari di Ucraina, Russia e Turchia avrebbero supervisionato la programmazione e l’ispezione delle navi mercantili.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato nel suo discorso video serale che gli accordi offrono “un’opportunità per prevenire una catastrofe globale, una carestia che potrebbe portare al caos politico in molti paesi del mondo, specialmente nei paesi che ci aiutano”.

Il capo dell’ufficio di Zelensky, Andrei Yermak, ha dichiarato su Twitter che lo sciopero di Odessa è avvenuto poco dopo che l’approvazione dell’accordo sui porti del Mar Nero ha illustrato una “divisione diplomatica russa”.

L’ambasciatore Usa in Ucraina, Bridget Brink, ha condannato l’attacco russo al porto di Odessa definendolo “oltraggioso”. “Il Cremlino continua ad armare il cibo”, ha detto su Twitter. La Russia deve essere ritenuta responsabile”.

3 morti in un raid in aeroporto

Oltre all’attacco a Odessa, sabato l’esercito russo ha lanciato una raffica di missili contro un aeroporto e una struttura ferroviaria nell’Ucraina centrale, uccidendo almeno tre persone, mentre le forze ucraine hanno lanciato attacchi missilistici sugli attraversamenti di fiumi in una regione occupata dalla Russia meridionale.

Gli attacchi alle infrastrutture chiave hanno costituito nuovi tentativi da parte delle parti in guerra di ribaltare la scala del conflitto stridente a loro favore.

Nella regione di Kirovohradsk, nell’Ucraina centrale, 13 missili russi hanno colpito una base aerea e una struttura ferroviaria. Il governatore Andrei Rajkovich ha affermato che almeno un soldato e due guardie sono stati uccisi e 16 feriti negli scioperi vicino alla città di Kirovohrad.

Un soldato ucraino è passato vicino a edifici distrutti nella città di Seversk, nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale, venerdì. (Anatoly Stepanov/AFP/Getty Images)

Nella regione meridionale di Kherson, catturata dalle forze russe all’inizio dell’invasione, le forze ucraine si preparavano a un possibile contrattacco lanciarono missili all’attraversamento del fiume Dnepr nel tentativo di interrompere i rifornimenti ai russi.

Tuttavia, le forze russe hanno in gran parte mantenuto il loro territorio nella regione di Kherson a nord della Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014.

I combattimenti infuriavano nella regione del Donbass, il cuore industriale dell’Ucraina, mentre le forze russe tentavano di fare nuove conquiste di fronte alla dura resistenza ucraina.

Sabato il personale di servizio ucraino copre un carro armato con una rete mimetica al suo posto nella regione ucraina di Kharkiv. (Sofia Gatilova/Reuters)

Gli ucraini utilizzano il sistema missilistico fornito dagli Stati Uniti

All’inizio di questa settimana, gli ucraini hanno bombardato il ponte Antonevsky sul fiume Dnepr utilizzando un sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità fornito dagli Stati Uniti, ha affermato Kirill Strimosov, vice capo dell’amministrazione regionale nominata dalla Russia a Kherson.

Strimosov ha detto all’agenzia di stampa statale russa TASS che anche l’unico altro attraversamento del fiume Dnepr, la diga della stazione idroelettrica di Kakhovka, è stato attaccato da missili sparati con armi fornite da Washington ma non è stato danneggiato.

L’HIMARS, che lancia missili a guida GPS su obiettivi a 80 chilometri di distanza, una distanza che li pone al di fuori della portata della maggior parte dei sistemi di artiglieria russi, ha notevolmente migliorato la capacità di attacco dell’Ucraina.

Sabato un cittadino del posto si trova all’interno di un appartamento distrutto da un attacco militare russo a Kharkiv. (Vyacheslav Madyevsky/Reuters)

Inoltre, le forze ucraine hanno bombardato un ponte a motore sul fiume Inhulets nel villaggio di Darivka, ha detto Strimosov a Tass. Ha detto che il ponte, che si trova a est del capoluogo di provincia Kherson, ha subito sette feriti, ma è rimasto aperto al traffico.

Strimosov ha affermato che, a differenza del ponte Antonevsky, il ponte piccolo di Darivka non ha alcun valore strategico.

Da aprile, il Cremlino si è concentrato sulla conquista del Donbass, una regione per lo più di lingua russa nell’Ucraina orientale, dove i separatisti filo-russi hanno dichiarato l’indipendenza.

Ma mercoledì il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha confermato che Mosca intende mantenere il controllo di altre aree occupate dalle sue forze durante la guerra.

Un agente di polizia ucraino controlla i documenti di un uomo e di una donna in sella alla loro bicicletta mentre pattugliano durante il coprifuoco notturno a un posto di blocco nella regione di Donetsk venerdì. (Nariman Al-Mufti/The Associated Press).

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x