L’ultimo delfino nel nord-est della Cambogia muore in acqua dolce

PHnom Penh, Cambogia – L’ultimo delfino d’acqua dolce conosciuto dell’Irrawaddy lungo il fiume Mekong nella Cambogia nord-orientale è morto, a quanto pare, dopo essere rimasto impigliato in una rete da pesca, hanno detto mercoledì i funzionari della fauna selvatica.

Il mammifero acquatico è stato trovato morto martedì sulla riva di un fiume nella provincia di Stung Treng, vicino al confine con il Laos, ha annunciato il Dipartimento per la conservazione della pesca della Cambogia sulla sua pagina Facebook.

Il delfino Irrawaddy, noto anche come delfino del fiume Mekong, è classificato come specie in via di estinzione dall’Unione internazionale per la conservazione della natura. Altri gruppi di questi delfini si trovano ancora più a valle in Cambogia e in altri due fiumi d’acqua dolce: l’Irrawaddy in Myanmar e l’indonesiano Mahakam sull’isola del Borneo.

Il primo censimento dei delfini Irrawaddy in Cambogia nel 1997 stimava che la loro popolazione totale fosse di circa 200. Nel 2020, la popolazione sarebbe scesa a 89, quasi tutti nel gruppo che si trova ancora a valle di Stung Treng.

“La popolazione rimanente di delfini di fiume ‘minacciati in modo critico’ nella parte cambogiana del Mekong è ora stabile, mentre deve ancora affrontare gravi sfide”, afferma una dichiarazione rilasciata da Lan Mercado, direttore del World Wildlife Fund for Asia and the Pacific. “Questa recente morte di delfini di fiume mette in evidenza quanto siano in pericolo questa e altre specie”.

L’agenzia di stampa ufficiale cambogiana ha riferito che la coda del delfino morto martedì è stata vista impigliata in una rete da pesca circa una settimana fa. Ha detto che il delfino non poteva nuotare correttamente in seguito ed è morto a causa della ferita e dell’incapacità di cacciare la sua solita preda per nutrirsi.

READ  L'avvocato di famiglia ha rilasciato il taccuino di Brian Laundry

Il World Wildlife Fund ha affermato che si ritiene che il delfino maschio di 25 anni, lungo 2,6 metri e 110 chilogrammi, sia morto tre giorni prima del ritrovamento del suo corpo.

Oltre ad essere catturata nelle reti da pesca, questa specie è anche minacciata dall’inquinamento, secondo il Dipartimento della pesca della Cambogia e altri sostenitori della protezione.

Negli ultimi anni i rischi sono aumentati anche a causa del cambiamento climatico e delle acque poco profonde attraverso la costruzione di dighe a monte, che riducono il flusso d’acqua e il numero di altre specie acquatiche mangiate dai delfini.

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x