L’Unione Europea dice di cercare un “accordo globale” con la Tunisia su immigrazione e aiuti economici |

ROMA – Prima di un viaggio in Tunisia giovedì, un alto funzionario ha affermato che l’Unione europea sta lavorando a un accordo con la Tunisia che fornisce aiuti economici in cambio di sforzi più duri per impedire ai migranti di venire in Europa.

Il commissario Ue agli affari interni, Elva Johansson, ha detto al quotidiano italiano La Repubblica che sono già in corso colloqui con la Libia per un accordo simile.

L’Italia ha chiesto ai paesi dell’Unione Europea di aiutare a gestire il crescente numero di immigrati clandestini che arrivano sulle sue coste, la maggior parte dei quali dalla Tunisia e dalla Libia, mentre la Tunisia ha chiesto soluzioni “globali” che tengano conto delle radici sociali ed economiche del problema.

Johansson ha detto che Bruxelles sta lavorando per organizzare una “rete di volontariato” quest’estate fino a quando non sarà possibile concordare una soluzione più permanente dell’UE sulla partecipazione dei migranti, ma “stiamo anche lavorando per prevenire le partenze”.

Ciò include il tentativo di negoziare un nuovo accordo con la Tunisia entro la fine dell’anno.

Con il ministro dell’Interno italiano Luciana Lamorgues giovedì, “sarò … in Tunisia per un accordo globale che consentirà al Paese da un lato di riprendersi dalla grave crisi economica causata dal Coronavirus, e dall’altro di provvedere. con le risorse necessarie per combattere i trafficanti di esseri umani “, ha detto Johansson al giornale.

Ha aggiunto: “Ci saranno soldi europei per l’economia, gli investimenti e l’occupazione, mentre le autorità tunisine saranno coinvolte nella gestione delle frontiere e nel riprendersi i cittadini che sono partiti per l’Europa e nel rientro degli stranieri che non sono rifugiati nei loro paesi”.

READ  Il Pakistan ha subito un'interruzione di corrente a livello nazionale

L’economia tunisina è diminuita dell’8,8% lo scorso anno e la disoccupazione è salita a oltre il 17%. Poiché la povertà comprende più del 20% della popolazione e il governo sta lottando per pareggiare il bilancio, la Tunisia sta negoziando un accordo con il Fondo monetario internazionale per un prestito di 4 miliardi di dollari.

Il commissario dell’Unione Europea ha detto che l’Unione Europea stava già parlando con il governo libico guidato dal primo ministro Abdel Hamid Dabaiba di un nuovo accordo sull’immigrazione dalle loro coste, aggiungendo: “Non credo che dovremo aspettare le elezioni di dicembre”.

I membri dell’Unione Europea, sotto la pressione della politica interna, stanno cercando soluzioni rapide al deflusso della migrazione, mentre i paesi nordafricani, in particolare la Tunisia, chiedono un approccio globale a lungo termine. Ciò deve tener conto delle radici sociali ed economiche del problema e della situazione nell’Africa subsahariana, da cui proviene la maggior parte dei potenziali immigrati clandestini.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati afferma che quest’anno meno di 23.500 persone hanno attraversato il mare per l’Europa, con la maggior parte dei nuovi arrivati ​​in Italia e Spagna provenienti da Tunisia, Libia e Algeria.

L’agenzia stima che 633 persone siano morte o disperse nel tentativo di attraversare il mare pericoloso quest’anno.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x