L’Università della California, dove il coreano è la lingua calda, va ben oltre i “morti bianchi” negli studi europei

Yumeng Zhuang, una studentessa dell’Università della California, a Los Angeles, si è innamorata della fisica e della filosofia mentre era una studentessa delle superiori nella sua nativa Cina. Questa passione l’ha portata ad Albert Einstein e Immanuel Kant – e poi al desiderio di studiare il tedesco in modo da poter leggere le loro opere come scritte originariamente.

Ma i suoi genitori erano infelici, spingendola invece a padroneggiare il suo inglese.

“Hanno detto che il tedesco non è una lingua utile perché molte persone non lo parlano”, ha detto Tswang, un fisico. “Così ho iniziato a studiare da solo in segreto.”

Alcuni hanno deriso lo studio sugli “uomini bianchi assassinati” e i programmi universitari di lingua e cultura europei hanno visto giorni migliori. Il tedesco, l’italiano e il francese – che erano dominanti dopo due guerre mondiali che hanno innescato la richiesta di fluidità – hanno lasciato il posto al rapido aumento delle lingue spagnola e asiatica, riflettendo i dati demografici e gli interessi globali e culturali degli studenti del 21 ° secolo. La lingua in più rapida crescita in questi giorni alla UC? Curie, un riflesso della cultura K-pop.

In contrasto con le tendenze nazionali che hanno chiuso molti programmi linguistici europei, l’UC Los Angeles sta raddoppiando il suo impegno per gli studi europei ridefinendoli con lo sviluppo del 2021. Le lingue germaniche, francesi, italiane e scandinave sono fuse in un dipartimento con un multiculturale orientamento. Le prospettive dell’Africa, dell’Asia, dei Caraibi e dell’America centrale e meridionale – regioni colpite dai retaggi dell’Europa coloniale – saranno introdotte in un nuovo metodo di studio delle lingue straniere.

“Le famiglie che pagano lo stipendio cercano studenti per fare una formazione che fornisca loro un lavoro”, ha detto Dominique Thomas, professore di studi francesi e francofoni all’Università della California, a Los Angeles. Gli studenti spesso incontrano domande realistiche e realistiche dei loro genitori, che sono: “Che diavolo faresti con la tua laurea in francese? ”

Il Dipartimento di nuove lingue europee e studi interculturali esaminerà questioni più profonde come l’immigrazione, il razzismo e i diritti umani. I nuovi percorsi curriculari forniranno major – e competenze commerciabili – in tecnologia digitale, ambiente, affari urbani e problemi medici e sanitari.

Una precedente generazione di major italiane potrebbe aver limitato i propri studi alla lingua, storia e cultura italiana, principalmente attraverso la parola stampata. Ma sotto la nuova tendenza, ha detto Thomas, gli studenti possono studiare la crisi dei migranti e dei rifugiati che ha colpito l’Europa nel 2015 attraverso film in inglese, francese, tedesco e italiano e confrontare la risposta positiva della Germania, la Brexit e le misure restrittive dell’amministrazione Trump.

READ  Da dove viene il "pugno"?

Possono acquisire competenze digitali avanzate nell’analisi di 55.000 testimonianze digitali di sopravvissuti all’Olocausto e ad altri genocidi attraverso l’estrazione di testi e l’analisi fonologica in più lingue straniere.

L’obiettivo, ha detto Thomas, è fornire agli studenti abilità bilingue, alfabetizzazione culturale e un tipo di capacità analitiche e di scrittura che possono aiutarli a ottenere un vantaggio nella scuola di specializzazione e nelle carriere in legge, affari, diplomazia, istruzione, arte o giornalismo.

“L’importante è che ciò che insegniamo sia più rilevante per il mondo in cui viviamo e rifletta il mondo attraverso la sua diversità di argomenti, geografia e persone più di quanto non fosse in passato. Dove, ammettiamolo, queste sezioni sono state insegnate . [about] Thomas, che è stato nominato capo del nuovo dipartimento …

Ma i tradizionalisti non devono preoccuparsi: l’UCLA non prevede di portare Shakespeare fuori dalla classe. L’idea è di ampliare il curriculum, non di restringerlo, ha detto David Schaberg, decano delle scienze umane.

“Gli studenti che arrivano nella nostra classe hanno un patrimonio culturale che si collega a tutte le parti del mondo”, ha detto Schaberg. “Non abbiamo lavoro per insegnare loro che le discipline umanistiche sono rappresentate in una parte di un continente”.

Paula M. Krebs, direttore esecutivo di Modern Language Assn, ha detto che l’Università della California non è la sola ad affrontare le sfide degli studi europei, ma le ha confrontate con “innovazione, non difesa”. in New York. A livello nazionale, i college e le università degli Stati Uniti hanno tagliato 651 programmi di lingue straniere tra il 2013 e il 2016, con il calo maggiore in francese, spagnolo, tedesco e italiano, secondo Lo studio sulla società del 2019. Le iscrizioni ai corsi di lingua francese sono diminuite di circa il 36% e in Germania del 40% tra il 1990 e il 2016.

Ma è aumentato notevolmente per le lingue asiatiche: aumenti di oltre l’8.000% per il giapponese e il cinese – e di oltre il 53.000% per il coreano – nello stesso periodo di tempo. L’UCLA ha registrato tendenze simili, con una forte crescita delle lingue giapponese, cinese e coreana, le lingue più comuni studiate dopo lo spagnolo e il francese, e un forte calo di tedesco e italiano.

READ  Partita Inghilterra-Polonia (31/03/2021): TV Channel, Live Stream, How to Watch European FIFA World Cup Qualifiers

A livello nazionale, lo spagnolo rimane la lingua di insegnamento più comune nei college e nelle università americane, con oltre 712.000 registrati nel 2016, con un aumento del 33% dal 1990.

Krebs ha affermato che i college che rispondono agli interessi e alle esigenze degli studenti sono stati in grado di mantenere i loro programmi di lingua europea in atto. Ad esempio, la Montclair State University nel New Jersey ha collegato il suo programma di italiano con aziende italiane a New York, con studenti che utilizzano la lingua in modo pratico attraverso stage. La Elon University of North Carolina offre corsi di francese incentrati sulla giustizia sociale, l’umorismo e le culture del lavoro e del teatro.

Thomas ha detto che l’interesse per le lingue di solito segue la politica, l’economia e la cultura mondiali. Lo studio della lingua russa fiorì dopo la conquista dell’allora Unione Sovietica Perestrojka E il il suono. La registrazione in arabo ha cominciato a crescere dopo gli attacchi dell’11 settembre. Thomas ha detto che la crescente forza economica del Giappone e della Cina ha aumentato l’interesse per quelle lingue asiatiche, mentre si ritiene che l’attuale ossessione per l’apprendimento della lingua coreana sia guidata dalla popolarità del K-pop e del dramma coreano.

Kalani Michel è un simbolo del nuovo approccio. Michelle, 37 anni, è assistente professore di lingue germaniche all’Università della California, che si descrive come una nativa della California dal Messico. Di origini americane e australiane, è attratta dal campo a causa del suo amore per il cinema tedesco.

Ambientato nell’autunno 2019, la sua prima sessione di allenamento ha esaminato quanto sia filo-tedesca Bauhaus School of Art and Design È fuggita dal nazismo e ha diffuso la sua influenza in tutto il mondo, compresa Los Angeles. Ha detto che gli studenti stanno usando le loro abilità di lingua tedesca per accedere all’intera gamma di materiali sul movimento Bauhaus – immersione nelle belle arti, artigianato e design – per esplorare l’influenza culturale della Germania oltre i suoi confini. Un altro corso ha ampliato la portata del film tedesco, includendo più generi, donne e persone di colore.

Todd Bressner, professore di lingue germaniche e letteratura comparata presso l’Università della California, a Los Angeles, ha detto che la supremazia bianca negli Stati Uniti ha suscitato la curiosità degli studenti per l’Europa, dove il fascismo è esploso un secolo fa.

READ  Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di lunedì 28 dicembre 2020

“Non ho mai visto più studenti venire da me [say] Dobbiamo capire questo. Cosa è successo negli anni ’20 e ’30, e non solo in Germania, ma chiaramente in Spagna e in Italia? “All’improvviso ti rendi conto, aspetta un secondo, queste cose stanno migrando attraverso i confini ed è per questo che il multiculturalismo è così importante”, ha detto Bressner. Non rimane in una nazione. Neanche per un periodo di tempo “.

I docenti dell’UCLA hanno iniziato a considerare la fusione dei dipartimenti di diverse lingue europee nel 2009, quando il campus stava affrontando una crisi di bilancio senza precedenti a seguito dei massicci tagli ai finanziamenti governativi causati dalla Grande Recessione. Al momento non è stata intrapresa alcuna azione, ma nel 2017 è stato avviato un altro sforzo di consolidamento in quanto i budget hanno continuato a ridursi, i docenti in pensione non sono stati sostituiti e la disconnessione è cresciuta tra l’approccio tradizionale agli studi europei e il mondo multiculturale e interconnesso di oggi.

Ria Shetty, una studentessa dell’Università della California, a Los Angeles, ha detto di essere entusiasta del nuovo approccio. Ha detto: “C’è molto potenziale per la cooperazione”.

Shetty, la figlia di immigranti indiani, ha finito per studiare il tedesco poiché era l’unica lingua oltre allo spagnolo offerta nella sua scuola di preparazione nella parte orientale di Washington. Sono stato subito colpito dalla lingua, grazie a un eccellente insegnante e ad una sessione di studio all’estero al liceo di Berlino.

Sia Shetty che Chuang affermano che lo studio del tedesco ha aperto i loro orizzonti a una nuova cultura, allenato le loro menti mentre padroneggiavano le complessità di una nuova lingua e sottolineavano la loro comune umanità con le persone nell’oceano lontano.

E hanno detto che la lingua potrebbe aiutarli nella loro carriera. Zhang ha fatto domanda per le scuole di specializzazione in Germania, mirando a un potenziale lavoro come professore di fisica, e Shetty spera di specializzarsi in salute globale e imparare dai sistemi sanitari e sociali tedeschi.

Degli americani, Shetty ha detto: “Abbiamo una visione etnica di chi possiamo imparare, ma possiamo imparare molto dagli altri paesi”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x