L’uscita dell’Italia danneggerà i piani della Cina

L’Europa ha impiegato molto tempo per vedere la strategia cinese per controllare gli asset strategici

Dalle squadre di calcio alle infrastrutture strategiche come porti e aeroporti, l’influenza della Cina in Europa è cresciuta esponenzialmente in meno di due decenni. Le società cinesi possiedono quattro aeroporti, tra cui il tedesco Francoforte Hahn, sei porti e dozzine di squadre di calcio europee. Quando l’Europa ha iniziato a esaminare gli investimenti cinesi nel 2019, l’influenza di Pechino era raddoppiata. Il sostegno dell’Italia al progetto pionieristico Belt and Road di Xi Jinping gli ha conferito la legittimità di cui ha bisogno. Un paese europeo del Gruppo dei Sette grandi nazioni industrializzate ha danneggiato un programma globale di unità europea più di ogni altro evento recente. La dichiarazione di Mario Draghi, primo ministro italiano, che suggerisce che Roma potrebbe annullare il suo più grande errore geopolitico degli ultimi decenni, potrebbe far deragliare gran parte dei piani europei della Cina, che sono stati cuciti sul retro del suo apparentemente grande portafoglio.

Per approfondire la sua portata in Europa, Pechino si è concentrata su Grecia e Italia, entrambe con alti livelli di debito. Atene indebitata ha pensato che sarebbe stato meglio incassare gli assegni cinesi piuttosto che seguire la prescrizione dell’UE di tagliare ulteriormente i costi. La Grecia ha anche sviluppato le sue relazioni con la Cina un anno dopo che i cinesi hanno preso il controllo del porto greco del Pireo. Sotto la proprietà cinese, il Pireo è emerso come il secondo porto per container più grande del Mediterraneo e il più grande porto passeggeri d’Europa. L’ascesa del Pireo sollevò grandi timori di perdere il commercio a Roma, costringendola ad abbracciare la Cina e la Belt and Road Initiative, e la Cina sfruttò con successo le numerose faglie esistenti in Europa; Uno tra il nord industriale e il sud relativamente più debole. A ciò si aggiunge la disperata crisi finanziaria di economie meridionali stagnanti come l’Italia e la Grecia che ha reso ancora più allettanti i grandi assegni cinesi. L’Europa ha impiegato molto tempo per esaminare la strategia cinese di controllo delle risorse strategiche, costruendo percorsi in importanti gruppi di riflessione e sfruttando le debolezze del continente per costruire un’influenza politica.

READ  Città adriatica, l'"altra" faccia d'Italia

Pechino è stata coinvolta con ciascuno dei paesi del continente europeo. In primo luogo, la Cina ha individuato economie più deboli come la Grecia e l’Ungheria per spezzare la solidarietà dell’Unione europea. Pechino è stata coinvolta con paesi extra UE come la Serbia, che avevano un disperato bisogno di capitale. Ha continuato a costruire relazioni commerciali con grandi economie come la Germania e il Regno Unito. Ma la Cina non ha mai perso di vista la sua ambizione geopolitica. L’Unione europea non è riuscita a parlare con una sola voce dopo che Pechino ha perso la causa per l’acquisizione dello Scarborough Shoal presso il Tribunale internazionale della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare nel 2016. Grecia, Ungheria e Croazia hanno ostacolato gli sforzi dell’UE per nominare la Cina nonostante l’inequivocabile vittoria di Manila in tribunale. Riconoscendo la necessità di lavorare contro il modello economico distorto cinese, prima del vertice UE-Cina nel 2018, 27 dei 28 ambasciatori dell’UE in Cina hanno firmato un rapporto che impone all’iniziativa Belt and Road di spingere “l’equilibrio di potere a favore del sostegno cinese aziende”. Nove mesi dopo, l’Italia ha aderito ufficialmente alla Belt and Road Initiative.

In un ordine globale post-pandemia, una Cina sempre più isolata vede il mondo unito contro di essa. Con la rinnovata spinta americana alla cooperazione transatlantica per contrastare Pechino, la decisione di Draghi potrebbe essere il più grande reset del continente. Il veto dell’UE sugli investimenti cinesi e il riesame dell’accordo sugli investimenti UE-Cina potrebbero esercitare forti pressioni su Pechino. L’iniziativa Belt and Road è la chiave della forza della Cina in Europa e altrove. La decisione dell’Italia potrebbe iniziare a tornare indietro.

READ  Lotteria delle ricevute: quando partiamo?

(L’autore è un giornalista senior e visiting fellow alla United Services Corporation of India. Le opinioni espresse sono soggettive.)

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x